Leader perverso: quali caratteristiche?

Per il leader perverso, la cosa più importante è avere il controllo sugli altri, in primo luogo per distruggerli psicologicamente. Questo gli dà un senso di superiorità e soddisfa il suo desiderio di manipolare e danneggiare.
Leader perverso: quali caratteristiche?

Ultimo aggiornamento: 02 aprile, 2021

Il leader perverso è una figura che presenta due tratti distintivi: l’influenza sugli altri e andare contro tutto ciò che è sano per coloro che si trovano sotto la sua area di influenza. Non presenta necessariamente dei comportamenti eccentrici né un carattere particolarmente crudele. Tuttavia, è una persona che fa del male con costanza.

Non sempre è chiaro cosa si intende con il termine “perverso”. Senza entrare nelle specifiche accademiche, si riferisce a una persona che devia da un comportamento che può essere definito “normale” in senso distruttivo. In particolare, nell’ambito della leadership, si riferisce a un individuo che non instaura rapporti cooperativi ed empatici con gli altri.

Il leader perverso tende ad agire in modo da disgregare il gruppo e ciascuno degli individui che lo compongono. Esercita un controllo meticoloso, più con l’obiettivo di esaltare se stesso che di ottenere buoni risultati. Allo stesso modo, spinge spesso a trasgredire le regole. Presenta inoltre altri tratti, come quelli che elencheremo di seguito.

Capo aggressivo.

Tratti del leader perverso

Persuasivo

Il leader perverso spesso mostra ciò che è noto come prosperità e adesione. La prosperità si riferisce a capacità, risorse, conoscenze o qualunque altro aspetto in cui la persona eccelle rispetto alla media. Questo è un fattore che spesso attrae gli altri e rafforza l’autorità che ha su di loro.

D’altra parte, è aderente. Ciò significa che ha una grande capacità di trasmettere il suo entusiasmo o passione per qualcosa agli altri. È come se le sue emozioni fossero contagiose e non lasciassero nessuno indifferente. Pertanto, è in grado di attrarre gli altri come una calamita.

Tanatico

Quando si dice che il leader perverso è tanatico, significa che tende a porsi obiettivi distruttivi, ma facendoli sembrare piacevoli. Un esempio tipico è il capobanda o chi conduce azioni di aggressione o intimidazione all’interno di un gruppo.

Questo tipo di leader ha la capacità di amplificare o scoprire il lato crudele delle altre persone. In un modo o nell’altro, tutti potremmo comportarci in modo riprovevole in determinate circostanze e questo tipo di leader è in grado di creare delle circostanze che rilassano o annullano la supervisione morale che teniamo sul nostro comportamento. Gli piace fare del male o distruggere e incita gli altri alla trasgressione.

Tossico

Questo tratto è più evidente nei leader perversi che detengono una sorta di potere formale. In un modo o nell’altro stabiliscono logiche che mettono le persone l’una contro l’altra. Incitano alla concorrenza malsana e ai conflitti, anche in modi sottili.

Per questo tipo di leader è pericoloso che i deboli si uniscano tra loro. Pertanto, e individualmente, cerca di distruggere la fiducia in se stessi degli altri. Ciò garantisce loro un maggiore controllo sul gruppo, mentre approfondisce l’effetto del potere che esercita sugli altri.

Il leader perverso è narcisista

La maggior parte dei leader di questo tipo sono molto intelligenti o, per lo meno, molto astuti. È anche molto comune che siano carismatici e non si preoccupino dell’opinione che gli altri possano avere su di loro. Ciò conferisce loro una certa aura di sicurezza e fermezza.

Le loro capacità, ma soprattutto la loro struttura caratteriale, li portano a sentirsi superiori. Il loro “pubblico” tende a rafforzare questa idea. Per questo motivo, sono molto narcisisti, il che significa che hanno difficoltà a vedere e sentire oltre il loro ego. Possono crollare facilmente di fronte a una minaccia al loro potere.

Intelligente

Queste persone in genere sono molto intelligenti. Si tratta soprattutto di un’intelligenza pratica che usano, spesso e paradossalmente, per “capire” gli altri. Catturano il comportamento altrui nella propria mente, ma senza provare empatia per loro, con il solo scopo di manipolarli.

L’intelligenza di questi leader si caratterizza per il distacco dall’etica. Molto raramente diventano criminali violenti, ma commettono con frequenza trasgressioni alla norma. Danneggiano e distruggono, soprattutto per la soddisfazione che provano nello sconcertare o minimizzare gli altri, non nell’eliminarli.

Capo parla con dipendente.

Il leader perverso è sottovalutato

I leader perversi inoltre spesso vengono sottovalutati in due diversi modi. In primo luogo, in genere non fanno niente di particolarmente eclatante. Per questo motivo, è raro che vengano visti come “perversi” dagli altri. Piuttosto, vengono considerati un po’ azzardati, audaci o problematici, niente di più.

D’altra parte, essi stessi sottovalutano la loro capacità di fare danni. Per loro un crimine minore non è un crimine, ma quasi un gioco o una sfida, motivo per cui non ne provano rimorso. Non credono che il loro modo di agire sia negativo o riprovevole. Per loro, se ci sono conseguenze negative, non sono così importanti da spingerli a cambiare.

Leader di questo tipo spesso attraggono persone che si adattano bene alle loro caratteristiche. Se si trovano a capo di un gruppo di lavoro, ad esempio, spesso svergognano, umiliano, ingannano e fanno di tutto per far stare male coloro che criticano le loro posizioni. Non possono essere classificati come pericolosi, ma sicuramente possono essere classificati come dannosi.

Potrebbe interessarti ...
Leadership trasformazionale: in cosa consiste?
La Mente è MeravigliosaLeggi in La Mente è Meravigliosa
Leadership trasformazionale: in cosa consiste?

La leadership trasformazionale è una leadership compassionevole che si prende cura individualmente di ogni persona e ne promuove la crescita.



  • Pillajo García, O. A. (2018). “Relación de la estructura perversa y las instituciones.” Análisis de la perversión en la estructuración de los grupos sociales (Bachelor’s thesis, PUCE-Quito).