Lezioni di resilienza al tempo del Coronavirus

In questi giorni di crisi e di ansia, esercitare la nostra resilienza è più importante che mai. Si tratta di un esercizio di trasformazione, in cui partire dalle fragilità per far fiorire poi i punti di forza e affrontare meglio il presente e il futuro.

Ultimo aggiornamento: 04 maggio, 2020

È la parola del momento, lo sappiamo, eppure è davvero necessaria ed è fonte di ispirazione. Le lezioni di resilienza al tempo del Coronavirus non sono solo un suggerimento o un messaggio da postare sui nostri profili social. Si tratta di un esercizio di salute psicologica che è necessario capire, come chi custodisce i segreti di un tesoro, per sentirlo proprio ogni giorno della sua vita.

Innanzitutto, la resilienza non è un tratto. Non si tratta di un meccanismo che l’essere umano attiva automaticamente quando le cose si complicano. Si tratta piuttosto di un processo, di un muscolo da allenare pur tenendo a mente che ci saranno giorni meno facili, in cui ci sentiremo deboli e in cui faremo fatica a farci carico del peso del mondo.

Ricordando la famosa citazione di Nietzsche “Ciò che non uccide fortifica”, bisogna evitare che le avversità ci devastino del tutto o che ci lascino definitivamente senza risorse. E questa è una cosa che può succedere a chiunque, a un certo punto della vita.

Possiamo cadere e sentirci persino sconfitti per un determinato periodo di tempo. Nonostante ciò, dobbiamo riemergere dalle rovine della nostra vita e risorgere dalle nostre ceneri, con speranza e coraggio. 

Insistiamo: è un iter complesso, che richiede impegno. Fiorire tra il cemento è l’arte più complessa, ma anche la più bella dell’essere umano.

Lezioni di resilienza al tempo del Coronavirus

La bella vita è un processo, non è uno stato d’animo, diceva Carl Rogers, psicoterapeuta ed esponente dell’approccio umanista in psicologia.

Con la sofferenza, la paura e le crisi accade lo stesso. Soffrire non è uno stato d’animo proprio dell’essere umano: non siamo al mondo per soffrire né bisogna stare male per sapere cosa è la vita. Il dolore deve essere sempre temporaneo ed ergersi a ulteriore esperienza di vita.

Tuttavia, affinché il tutto sia breve e ci permetta di adattarci molto meglio alla complessità dell’ambiente circostante, bisogna imparare a essere resilienti. Ma cosa significa davvero?

In realtà, anche se siamo abituati a sentire questo termine, si tratta di un’idea che nasce nel campo della fisica e che ha iniziato a essere impiegato nel campo della psicologia a partire dagli anni ’40.

Possiamo definirla semplicemente come la capacità dell’essere umano di riprendersi dalle avversità senza uscirne danneggiato. Ora, mentre in fisica e in ingegneria emerge l’idea che quei “materiali resilienti” possano tornare allo stato originale dopo aver subito un impatto, in psicologia questa fase non è presente.

In realtà, dopo aver vissuto un periodo difficile, nessuno è più lo stesso. Non torniamo allo stato originale: miglioriamo, apprendiamo nuove abilità per affrontare gli ostacoli, per navigare meglio nel mare della vita.

No, non siamo resilienti al 100%: si tratta di un’abilità sulla quale bisogna lavorare

Sappiamo che è importante applicare la resilienza al tempo del Coronavirus, ma la psicologia ci insegna che davvero poche persone possono contare al 100% su questa caratteristica. Per metterci alla prova, basta fare riferimento alla Scala della Resilienza Connor-Davidson (CD-RISC-25). Gli item sono i seguenti:

  • Riesco ad adattarmi facilmente ai cambiamenti.
  • Tendo ad affrontare con successo qualunque ostacolo o complicazione.
  • Cerco di vedere il lato positivo di ogni situazione quando devo affrontare un problema.
  • So gestire lo stress.
  • Tendo a riprendermi piuttosto bene dopo una malattia, una ferita o un altro ostacolo.
  • Sono abile nel raggiungere i miei obiettivi.
  • Quando sono sotto pressione, penso e agisco lucidamente e con determinazione.
  • Il fallimento non mi fa perdere d’animo.
  • Mi considero una persona forte quando affronto le sfide e le difficoltà della vita. 
  • Gestisco abilmente emozioni come la tristezza, la paura e l’ira.

Si cela nella nostra natura e dobbiamo allenarla: dalla nostra vulnerabilità può emergere la nostra forza

La Columbia University ha condotto uno studio approfondito sull’impatto psicologico dell’11 settembre sui sopravvissuti. Un dato verificabile è che l’indice di stress post-traumatico non era così elevato come si era pensato in un primo momento. Buona parte delle vittime ha mostrato una notevole resilienza.

Il 65% di questo campione ha dimostrato un importante capacità di recupero, durante il quale sono state applicate diverse strategie. La prima è stata ammettere la propria vulnerabilità. Capire cioè che tutti possiamo soffrire sulla nostra pelle l’impatto degli ostacoli e che è nostro assoluto diritto soffrire, sentirci vulnerabili, feriti…

Si è dedotto anche che in ognuno di noi risiede un impulso, una forza interna che ci invita a un percorso di guarigione che consiste nell’imparare dalla nostra esperienza e nel guardare al presente con sguardo più forte, deciso e persino speranzoso.

Lezioni di resilienza al tempo del Coronavirus: accettare e prepararsi al cambiamento

Nassim Taleb, scrittore e autore di libri come Il Cigno Nero, in tempi recenti ha scritto che durante l’attuale pandemia è bene tenere a mente un aspetto: sebbene ci sia stata messa in bocca la parola “resistere”, egli preferisce eliminarla da questa equazione.

Resistere significa raccogliere le forze per sopportare qualcosa che ci sovrasta e che ci opprime. Secondo lo scrittore, non è il momento di perdere energie facendo degli sforzi; è il momento dell’accettazione e di qualcosa di più. Dobbiamo prepararci al cambiamento e questo significa fare uso di un altro tipo di energia.

Le lezioni di resilienza al tempo del Coronavirus si traducono nel bisogno di cambiamenti e di trasformazioni. Chi si impegna a resistere rimane fermo nello stesso punto, invece bisogna andare avanti; innanzitutto sopravvivendo, vivendo, assicurandosi di stare bene. Ma il futuro comporta cambiamenti e solo il cuore e la mente resilienti riusciranno ad adattarsi e a trarre il meglio da quel nuovo capitolo della vita. Riflettiamoci

Potrebbe interessarti ...
La Mente es MaravillosaLeerlo en La Mente es Maravillosa
Il senso della vita secondo Viktor Frankl

Il senso della vita secondo Viktor Frankl consiste nel trovare uno scopo, nell'assumersi una responsabilità per noi stessi e per l'essere umano in generale.



  • Bonanno, G. A., Galea, S., Bucciarelli, A., & Vlahov, D. (2006). Psychological resilience after disaster: New York City in the aftermath of the September 11th terrorist attack. Psychological Science17(3), 181–186. https://doi.org/10.1111/j.1467-9280.2006.01682.x