A volte mi mancano alcune persone, ma non le voglio più nella mia vita

· 10 luglio 2016

“Forse a volte vi mancano e ricordate alcune persone, ma non le volete più nella vostra vita”. Questo sentimento è condiviso abitualmente da chi ha percorso una parte del proprio cammino vitale con persone con le quali si sono create relazioni che non funzionano.

Dopotutto, una relazione che non funziona risulta negativa e distruttiva per la nostra evoluzione e per il nostro sviluppo. Potrebbe risultarci difficile identificare come essa abbia influenzato la nostra vita e, anche se ne fossimo consapevoli, forse non abbiamo ben chiaro in cosa non funzionavano i nostri scambi.

Conoscete questa sensazione? Improvvisamente ricordate quella persona, forse sentite il bisogno di contattarla, di sapere come sta, per recuperare quegli istanti e quei sentimenti generati dalla vostra relazione. Ma poi decidete di non farlo, perché sapete che non può apportare nulla di positivo alla vostra vita attuale. Niente vi garantisce che sarà tutto uguale (non succederà mai) o che il tempo sia servito a modificare quegli aspetti in cui “fallivate”.

Per questo motivo, nell’articolo di oggi vogliamo trattare questo tema e domandarvi se è normale sentire la mancanza e ricordare alcune persone, anche se non le vogliamo più nella nostra vita… Analizziamo questo argomento in modo più dettagliato.

petali bianchi

Il valore dei ricordi e dei segnali che questi ci offrono

A volte dobbiamo trovare un modo per alleviare il dolore che produce in noi l’assenza di qualcuno che abbiamo amato, ma che non fa più parte della nostra vita, forse perché noi l’abbiamo allontanato per il nostro benessere oppure, più semplicemente, perché le strade si sono divise.

Ricordare e sentire la mancanza non è di per sé negativo. Dobbiamo avere ben chiaro che non è tutto o bianco o nero, ma che possiamo usufruire di una palette di colori che riempiono di sfumature le nostre relazioni.

Quindi sì, sentire la mancanza di qualcuno, ma non volerlo nella propria vita presente è del tutto normale e sano. Perché? Tra le tante ragioni, perché questo ci aiuta a determinare e ad essere coscienti di ciò che ci fa stare bene davvero.

Potremo ricordare un vecchio amore, un’amicizia di tanto tempo fa o qualcuno con cui abbiamo intrapreso una relazione che forse poteva andare, ma che non è finita bene. Perché disturbare i nostri sentimenti e la nostra nostalgia? Non farlo è il primo passo: ricordare e sentire la mancanza è perfettamente comprensibile.

donna soffia su tarassaco

Le sensazioni ed emozioni, argini salutari

Forse quella relazione ci apportava qualcosa che ci risultava gratificante e, quindi, è normale ricordare e sentire la mancanza di tutto ciò che andava bene. Ciò nonostante, se ci fermiamo per un attimo a pensare se le cose positive erano più di quelle negative, probabilmente la risposta è no. Bisogna saper riconoscere questo aspetto.  

Vale a dire che, forse, quella novità, quel disordine, quell’energia, quella disorganizzazione, apportava alla nostra quotidianità qualcosa di positivo. Perché, a volte, rompere i nostri schemi ci serve a ricomporci.

Tuttavia, dobbiamo anche specificare che, chiaramente, ogni persona ed ogni relazione ha il su tempo e il suo spazio. Questo aspetto non è negativo, come abbiamo già detto, ma naturale.

È bene essere coscienti che alcune persone con le quali avevamo un legame in un determinato periodo della nostra vita non ne fanno più parte o non sono più adatte a noi, perché nel presente non farebbero altro che creare problemi e perdite che è meglio evitare.

Le situazioni ipotetiche di cui potremmo parlare sono infinite e variopinte, esattamente come le persone e i momenti. Vi invitiamo dunque a riflettere sulla sensazione che ci provoca il ricordo di una relazione lontana o dannosa.

mani sporche e fiore

Relazioni tossiche che non lo sono: una concezione che salvaguarda i nostri sentimenti

Siamo abituati a denominare “persone tossiche” tutte quelle che ci hanno fatto soffrire. Quando ricordiamo queste persone, ci tormentiamo, perché sentiamo la mancanza di qualcosa di negativo (tossico o velenoso per noi). Tuttavia, come abbiamo già detto, ci sono molte sfumature che non sempre corrispondono a questa realtà.

Ogni persona ed ogni relazione ci apporta qualcosa, anche se si tratta di lezioni apprese “con le cattive”. A questo bisogna sommare la coscienza che ogni insegnamento apporta, anche se la relazione in questione sia stata un fallimento in un determinato momento della nostra vita.

Non dimentichiamo che le persone che ci apportano qualcosa non sono solo quelle che rimangono sempre al nostro fianco e che ogni cosa ha il suo momento e il suo tempo, anche quando queste si concludono e continuano a vivere solo nei nostri ricordi.

donna con il viso coperto