Microbiota e depressione: come sono correlati?

Lo stato del microbiota intestinale influenza direttamente il sistema nervoso e il nostro comportamento. Come è possibile? Spieghiamo tutti i dettagli nel seguente articolo.
Microbiota e depressione: come sono correlati?
Montse Armero

Scritto e verificato da la psicologa Montse Armero.

Ultimo aggiornamento: 17 dicembre, 2022

Microbiota e depressione sono due concetti che appartengono a nodi semantici diversi e che a priori non hanno nulla a che fare l’uno con l’altro. Sono, tuttavia, imparentati e apparentemente molto più di quanto gli scienziati pensassero solo pochi decenni fa.

Finora un gran numero di gruppi di ricerca ha dedicato risorse significative allo studio del tratto digestivo e del modo in cui influenza altri organi. I risultati mostrano una comunicazione bidirezionale tra diversi sistemi, il che significa che ciò che accade in un organo agisce direttamente o indirettamente su altri organi.

donna con depressione

Cos’è il microbiota intestinale?

Il microbiota intestinale, precedentemente noto come flora intestinale, è costituito da un insieme di microrganismi che vivono nell’intestino. Comprende circa cento trilioni di questi microrganismi, tra cui più di 400 specie di batteri, vari funghi, virus, protozoi e altri microbi.

Il microbiota intestinale ha ruoli importanti nella fisiologia e fisiopatologia della salute e della malattia. Alcuni dei più importanti sono i seguenti:

  • Digestione e assorbimento dei nutrienti.
  • Sintesi delle vitamine K, B5, B8 (biotina) e B9 (acido folico).
  • Assorbimento intestinale di ferro, calcio e magnesio.
  • Sintesi di acidi grassi a catena corta (SCFA).
  • Regolazione neuroendocrina (asse intestino-cervello).
  • Regolazione del sistema immunitario.
  • omeostasi energetica.
  • Funzione barriera contro gli agenti patogeni.
  • Sintesi di neurotrasmettitori.
  • Regolazione del transito intestinale.

Perché il microbiota è correlato alla depressione?

Secondo alcuni studi, tutto indica che la comunicazione tra il microbiota e il cervello è bidirezionale. I sistemi nervoso, endocrino e immunitario sono coinvolti in questa comunicazione.

I microrganismi presenti nel microbiota producono sostanze che possono attraversare l’epitelio intestinale, entrare nel sangue, attraversare la barriera ematoencefalica e raggiungere il cervello. Si verifica anche il processo inverso: il sistema nervoso agisce sui batteri intestinali e li modula.

Ad esempio, ora sappiamo che il 95% della serotonina, uno dei neurotrasmettitori più importanti nella regolazione dell’umore, viene prodotta nell’intestino. Altri agenti importanti nella comunicazione intestino-cervello sono gli acidi grassi a catena corta —acetato, propionato e butirrato—, ormoni come il cortisolo o neurotrasmettitori come il GABA.

Alterazione del microbiota e depressione

L’equilibrio del microbiota può essere influenzato da molteplici fattori : dieta, antibiotici, stress cronico, stile di vita sedentario o mancanza di riposo continuo sono alcuni dei più importanti.

Pertanto, quando la composizione del microbiota è alterata e si produce uno squilibrio, noto come disbiosi intestinale, questo può contribuire alla comparsa o al peggioramento dei sintomi della depressione.

Come abbiamo spiegato nella sezione precedente, si verifica anche il processo inverso: uno stato depressivo può modificare alcune specie di batteri nel microbiota. E, a sua volta, il microbiota alterato peggiora il quadro depressivo.

Come possiamo migliorare lo stato del microbiota?

Gli esseri umani non possono controllare molti dei fattori negativi esterni che accadono: crisi, pandemie, incidenti o decessi. Si tratta di situazioni che possono diventare molto dannose e che possono predisporci a soffrire di depressione.

Tuttavia, abbiamo un grande potere di agire su ciò che accade dentro di noi, sia fisicamente che mentalmente. Pertanto, e date le conoscenze che abbiamo oggi, è fondamentale che ci prendiamo cura dei fattori che maggiormente influenzano l’equilibrio del microbiota.

Dieta

Una dieta basata su cibi veri e non su prodotti industriali è fondamentale per mantenere un buon equilibrio intestinale.

Gli alimenti più consigliati da consumare per seguire una dieta a basso contenuto infiammatorio sono verdure, frutta, noci e semi, pesce, uova e carne non lavorata nutrita con erba.

Al contrario, cibi ultra-lavorati, bevande alcoliche e zuccherate possono causare infiammazioni all’intestino. L’infiammazione di basso grado sostenuta nel tempo favorisce lo sviluppo di malattie multiple, per lo più evitabili. Per questo motivo, è importante seguire una dieta il meno elaborata possibile.

Antibiotici e probiotici

L’assunzione di antibiotici distrugge l’equilibrio dei batteri intestinali. Pertanto, quando viene prescritto un antibiotico vengono prescritti sempre più probiotici. Tuttavia, questi non sempre rispettano quanto descritto sulle etichette. Un buon modo per sapere se un probiotico è di qualità o meno è vedere se la descrizione del prodotto include quanto segue:

  • Identificazione di genere e specie di microrganismi.
  • Designazione del ceppo.
  • Condizioni di archiviazione.
  • Sicurezza.
  • Dose consigliata.
  • Descrizione esatta dell’effetto fisiologico.

Stress cronico: microbiota e depressione

Lo stress cronico è uno dei fattori che maggiormente influenzano il disagio psicologico delle persone. Inoltre, altera significativamente l’equilibrio del microbiota.

Per questo motivo, è importante cercare modi per gestire lo stress in modo più adeguato. Alcuni dei modi più efficaci sono praticare la consapevolezza, la meditazione, le passeggiate nei boschi o qualsiasi attività fisica che ci permetta di allontanarci dai nostri pensieri più dannosi.

Attività fisica

Fatto in modo coerente, l’esercizio fisico aumenta la diversità del microbiota intestinale. Oltre ai suoi numerosi benefici fisici, l’attività fisica previene malattie come il cancro del colon-retto, l’obesità, l’ansia e la depressione.

L’attività fisica avvantaggia soprattutto le persone che soffrono di depressione, stress e ansia. Non solo migliora l’umore, ma il microbiota è indirettamente favorito.

Donna che corre all'aperto

Insonnia

Un cattivo riposo continuato nel tempo altera molte delle funzioni dell’organismo, inclusa la funzione digestiva. Pertanto, quando dormiamo male, è normale che digeriamo peggio la cena.

Il microbiota intestinale è anche influenzato dalla scarsa qualità del sonno a lungo termine. Se attraversiamo un periodo in cui soffriamo di insonnia, è importante trovare un modo per risolverlo.

Considerazioni finali su microbiota e depressione

Ogni giorno ci sono più ricerche che associano l’equilibrio del microbiota intestinale con l’umore. Non sempre possiamo decidere le esperienze che vivremo, ma possiamo avere un atteggiamento proattivo verso tutto ciò che possiamo controllare.

Prendersi cura del microbiota intestinale favorisce il corretto funzionamento del sistema nervoso, poiché regola i neurotrasmettitori così importanti nella depressione, come la serotonina.

Inoltre, un microbiota sano contribuisce all’equilibrio di altri sistemi così fondamentali per il nostro benessere, come il sistema immunitario o endocrino, che andranno a beneficio della nostra salute generale.

Potrebbe interessarti ...
Microbiota, stress e ansia: quale relazione?
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
Microbiota, stress e ansia: quale relazione?

Microbiota, stress e ansia sono molto più correlati di quanto potrebbe sembrare a prima vista. Spieghiamo perché in questo articolo.



    • Icaza, M.E. (2013). Microbiota intestinal en la salud y enfermedad. Revista de Gastroenterología de México, 78(4), 240-248. [fecha de consulta 30 de octubre de 2020]. Disponible en: https://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S0375090613001468
    • Ramírez, L.A., Pérez-Padilla, E.A., García-Oscos, F., Salgado, H., Atzori, M. y Pineda, J.C. (2018). Nueva teoría sobre la depresión: un equilibrio del ánimo entre el sistema nervioso y el inmunológico con regulación de la serotonina-quinurenina y el eje hipotálamo-hipófiso-suprarrenal. Biomédica, 38, 437-450. [fecha de consulta 30 de octubre de 2020]. Disponible en: http://www.scielo.org.co/pdf/bio/v38n3/0120-4157-bio-38-03-00437.pdf
    • Rodríguez, J.M. (2015). Probióticos: del laboratorio al consumidor. Nutrición hospitalaria, 31(1), 33-47. [fecha de consulta 30 de octubre de 2020]. Disponible en: http://www.aulamedica.es/nh/pdf/8705.pdf

I contenuti di La mente è Meravigliosa hanno uno scopo puramente informativo ed educativo. Non sostituiscono la diagnosi, la consulenza o il trattamento professionale. In caso di dubbi, è consigliabile consultare uno specialista di fiducia.