Come migliorare la nostra motivazione?

· 18 settembre 2015

“La forza non deriva dalla capacità fisica. Deriva da una volontà indomita”

(Gandhi)


La motivazione è un elemento indispensabile per portare a termine i nostri obiettivi. Essa consiste in quella forza motrice che nasce dentro ciascuno di noi e che ci aiuta a risolvere gli ostacoli che incontriamo lungo il cammino, a superare noi stessi nel lavoro e ad ottenere, con successo, gli obiettivi che ci siamo prefissi.

La motivazione ci aiuta a muoverci nella direzione che dobbiamo percorrere in accordo con le nostre necessità e i nostri obiettivi. Ma il primo passo verso il successo è mosso dalla volontà con cui ci impegniamo a fare ciò che ci siamo proposti.

E quando abbiamo chiari in mente i nostri scopi, la motivazione ci aiuterà a mantenere l’equilibrio e a portare avanti le azioni necessarie per raggiungerli.

Esistono diversi tipi di motivazione: la motivazione al lavoro, la motivazione degli studenti, la nostra stessa motivazione, il motivare gli altri, ecc. Ma quella di cui parleremo oggi riunisce in sé tutti gli elementi che si devono attivare per motivare se stessi e gli altri, in qualsiasi situazione. Un’alternativa valida in tutti casi, non vi pare?

Positività

Essere positivi è la miglior maniera di motivare gli altri o se stessi. È un’ottima alternativa per andare avanti e ritrovare le forze anche quando non ne abbiamo più. Il percorso non sarà tutto rosa e fiori, e forse è meglio così. In questo modo siamo infatti obbligati a vedere il lato positivo delle cose, a superarci e progredire, e ad intraprendere il cammino corretto anche se ciò implicherà uno sforzo.

Invece di lamentarci e guardare solo le cose che non ci piacciono, cerchiamo di focalizzare la nostra attenzione sugli aspetti positivi e su tutto ciò che di positivo possiamo trarre da ogni esperienza.

Impegno

Raggiungere un risultato implica prendersi un impegno. La questione è più che mai seria. Se volete ottenere qualcosa, impegnatevi davvero, stabilite una scadenza!

Se state motivando qualcuno, rendetelo consapevole della necessità di questo tipo di impegni. Di solito è facile impegnarsi a parole, ma quando si tratta di agire, si diventa pigri e rilassati, fenomeno che sfocia poi in una crescente frustrazione per non essere in grado di ottenere quello cui si anelava. Bisogna essere seri riguardo a ciò che vogliamo, non prendere nulla alla leggera.

Competitività

La competitività in senso stretto può essere intesa come la tendenza a voler superare gli altri a tutti i costi, essere sempre primi, i migliori in tutto. Ma non siamo qui per questo. La competizione cui si fa qui riferimento è una competitività amichevole, dove l’importante non è mettere i piedi in testa agli altri ma spingere per migliorare se stessi e raggiungere la propria meta.

La nostra meta, non quella degli altri. Arrivare per primi non significa essere i migliori, non dimenticatevelo.

Sfruttate la vostra competitività per ottenere un appoggio, motivare voi stessi, utilizzatela come qualcosa di positivo. Molto spesso le persone competitive diventano egoiste, disprezzano gli altri e cercano di superarli. L’importante è invece cercare di superare se stessi, non le altre persone. Tenete ben chiaro in mente che importate solo voi e i vostri obiettivi.

L’importanza del diario

Scrivere un diario non vuol dire segnare tutto quello che si fa durante il giorno, bensì appuntare tutti gli avanzamenti e i regressi. Il diario è un mezzo utile per essere sempre organizzati, sapere qual è il passo successivo, risolvere i problemi sorti e analizzarli in modo da pensare ad una soluzione.

Scrivere i vostri obiettivi e leggerli ripetutamente tutti i giorni, può essere un altro elemento d’appoggio.

Visualizzate il traguardo

Una delle chiavi nella motivazione sta nel visualizzare se stessi una volta raggiunto il traguardo. Come vi vedrete in quel momento? Come vi sentirete? Pensarci vi aiuterà ad essere forti e a non retrocedere innanzi ai problemi che possono insorgere.

Ispirazione quotidiana

L’ispirazione è fondamentale affinché il percorso verso la meta dia i suoi frutti. Essa non va necessariamente aspettata, la si può cercare. Dove? In qualsiasi posto. Accendete i vostri sensori per trovare ispirazione in qualsiasi elemento, luogo, evento… approfittate di qualunque cosa.

Premiatevi

La vita non deve incentrarsi esclusivamente sul lavoro. Quando raggiungete un obiettivo, quando superate un ostacolo che vi consente di avvicinarvi alla vostra meta, fate un respiro profondo e premiate voi stessi. Concedetevi un po’ di riposo, regalatevi qualcosa che desideravate da sempre, un piccolo viaggio, qualunque cosa. Dovete ricompensarvi per ogni piccolo obiettivo raggiunto. A cosa serve tutto ciò? A non far cessare la motivazione, a rimanere attivi e in forze per continuare a inseguire i vostri propositi.

Questi sono solo alcuni dei passaggi da seguire per essere sempre motivati o motivare gli altri. La lista è chiaramente lunga, e può essere arricchita con molti altri consigli. È anche vero che in base alla personalità di ciascuno, alcune cose possono funzionare e altre meno.

E voi… cos’altro aggiungereste? Credete che potreste sorvolare alcuni passaggi? Siete in grado di motivare voi stessi o vi scoraggiate facilmente?