Quando ci comportiamo in modo freddo, gli altri rivalutano com’eravamo prima

· 17 settembre 2016

Senza sapere come, arriva un giorno in cui diventiamo più freddi e più cauti e iniziamo a ricordarci cosa sia l’amor proprio. Tuttavia, le persone che ci circondano non capiscono questo indispensabile cambiamento interiore. È allora che succede la magia: gli altri iniziano a rivalutare come eravamo prima.

Chi dice che le persone non cambiano si sbaglia. L’essere umano non modifica la sua personalità e i suoi comportamenti da un giorno all’altro con uno schiocco di dita. Il processo di cambiamento è qualcosa di intimo, lento e anche crudo perché, più che cambiare, cresciamo. Tutto ciò si può raggiungere solo divenendo pienamente consapevoli dei propri limiti e difetti.

Persino il cuore più innamorato si stufa di essere ferito, e allora diventa più freddo, pieno di barriere e spine. È proprio allora che gli altri iniziano ad apprezzare le persone che eravamo prima.

Durante il nostro complesso viaggio della vita, diventare freddi non è affatto un fallimento, è un semplice meccanismo di difesa. Perché l’esistenza non implica solo affrontare le difficoltà del quotidiano: è fondamentale saper costruire i nostri processi di sopravvivenza per essere davvero i protagonisti di questa avventura.

Vi invitiamo a riflettere assieme a noi.

donna sulla battigia che guarda l'orizzonte

Il cuore freddo e l’assenza delle piccole cose

Jeffrey Kottler è uno dei più famosi esperti in psicologia del cambiamento. Nei suoi numerosi libri, l’autore ci dice che, dopo oltre 30 anni di esperienza nell’ambito della crescita personale, ha capito che le persone cambiano per necessità e per sopravvivere meglio.

C’è un dettaglio davvero interessante in tutto questo. Avete presente quando non vediamo una persona per molto tempo? Quando la incontriamo di nuovo, la notiamo diversa e allora ci chiediamo cosa le sarà successo. Secondo quanto ci dice il dottor Kottler, le persone non vivono grandi trasformazioni e non hanno bisogno di vivere avvenimenti specifici particolarmente rilevanti per cambiare.

È sufficiente il rumore del quotidiano, della routine con le sue piccole delusioni, delle parole dette e non dette, delle assenze, delle rinunce continue e del dare tutto senza niente in cambio. Sono piccoli granelli di sabbia che, accumulandosi, formano un intero deserto emotivo; sono essi  a dare inizio al cambiamento, che risponde a una chiara necessità: iniziare a dare la priorità a se stessi per poter sopravvivere.

viso di donna

Difendersi dall’egoismo in agguato

Un cuore freddo è una mente che si è stancata di aspettare. È la nostra autostima che dà l’allarme, è la nostra considerazione di noi stessi che imbocca l’uscita di emergenza alla ricerca di una soluzione. Essere un po’ più freddi è una risposta temporanea alle dissonanze della vita, significa proteggerci per permettere all’amor proprio di riprendere la sua crescita.

È molto probabile che le persone a noi più vicine notino questo cambiamento e si chiedano cosa ci succeda e per quale motivo non siamo più aperti e docili come prima. Può anche succedere che, invece di comprendere il cambiamento, si infastidiscano poiché non conoscono la nuova serratura del nostro cuore, serratura che prima usavano per sfondare tutte le porte e saziare il loro egoismo.

Tale trasformazione ci permette anche di approfondire alcuni aspetti di cui vi parliamo a seguire.

ragazza con farfalla

Cosa impara il cuore freddo

Le persone con il cuore più freddo (che, attenzione, non vuol dire morto, inerte o spento) hanno capito che le cose non possono andare sempre come vogliono loro: vanno accettate per come sono e poi bisogna agire di conseguenza.

  • Sappiamo che la vita è spesso ingiusta e che le persone non sono sempre leali e rispettose. Per questo motivo, prima di concentrare la nostra esistenza su quello che fanno e non fanno gli altri per realizzarci, dobbiamo capire che non è bene ignorare ciò che sentiamo, altrimenti il nostro amor proprio verrà sempre sacrificato.
  • Ogni delusione vissuta, ogni ricatto subito e ogni vuoto immagazzinato ha fatto ripetutamente vibrare i pensieri negativi nella nostra mente. Dopo aver raggiunto la calma e aver visto le cose con il cuore un po’ più freddo, realizziamo che ci sono solo due opzioni: lasciarci contagiare dalla negatività o disinfettarla; la scelta giusta è la seconda.

Tutto ciò che svanisce e muore dentro di noi ci riporta alla realtà. Un cuore più freddo e prudente guarda le cose con più temperanza per decidere cosa tenere e cosa lasciar andare nella vita; che ci crediate o no, non c’è niente di male in questo.

Perché cambiare significa crescere e guadagnare dignità. Si tratta di un processo naturale, grazie al quale la luce finalmente filtra attraverso le nostre cicatrici.