È necessario avere un partner?

· 22 ottobre 2015

“A volte confondiamo il voler stare soli col bisogno di stare con la persona giusta.”
(Francesc Miralles)

Avere una relazione di coppia basata sul rispetto reciproco dà molte soddisfazioni, produce benessere e può essere di grande sostegno. Lo sviluppo personale è reciproco ed entrambi i membri della coppia imparano in modo unico e meraviglioso.

Che succede se non si ha un partner o se non si vuole avere?

“Le persone che hanno relazioni soddisfacenti e stabili sono esseri equilibrati. Non vagano in cerca di qualcuno che “riempia un vuoto”. Riconoscono il loro valore.”
(Andrew Matthews)

Si tratta di una questione molto personale dato che molte persone hanno altre priorità nella vita piuttosto che avere un partner, scelta rispettabile. Per queste persone avere una relazione di coppia può addirittura scontrarsi con lo stile di vita che vogliono condurre, e per questo decidono di non averla.

Avere un partner è una scelta, non è obbligatorio visto che dipende da ciò che ognuno vuole per la propria vita; si può vivere perfettamente senza compagno, poiché il nostro valore di persone e le nostre soddisfazioni non dipendono dalla presenza di un partner o meno.

Le relazioni di coppia che si hanno dicono molto anche di noi stessi, delle nostre insicurezze, vulnerabilità e paure.

A volte sembra che ripetiamo lo stesso profilo di coppia più e più volte sebbene ci porti insoddisfazione. Ciò non avviene per pura casualità, bensì ha molto a che vedere con quello che dobbiamo ancora imparare per avere una relazione sana.

In che cosa consiste una sana relazione di coppia?

In molte occasioni ci relazioniamo con persone dalla cui compagnia non ci sentiamo gratificati, ma che possono porre rimedio a una delusione o a una insoddisfazione.

L’esperienza di vivere l’amore in una relazione di coppia è un cammino di maturazione reciproca in cui si imparano molte cose su se stessi scambiando gusti, passioni e piaceri, ma anche difficoltà, paure e carenze che corrispondono alla propria apertura interiore con l’altra persona con cui si è deciso di unirsi a livello affettivo. In tal modo si mostrano gli aspetti più intimi che di solito non si mostrano.

La relazione di coppia smette di essere sana nel momento in cui implica una necessità, una dipendenza emotiva, ponendo il nostro valore nell’altra persona. Questo modo di vincolarsi può risultare molto pericoloso.

Con un partner o meno, la cosa più importante è innanzitutto amare se stessi, apprezzarsi e rispettarsi. In questo modo, sia che si voglia trovare un compagno sia che non si desideri ciò, ci si può legare affettivamente agli altri in maniera soddisfacente, essendo queste le colonne portanti di una relazione sana.

In fondo l’obiettivo di avere legami affettivi con gli altri è quello di sentirsi bene. Nonostante questo, risulta fondamentale distinguere tra la necessità di ottenere questo benessere attraverso qualcuno e la voglia di condividerlo.

Una relazione sana presuppone accettazione, così da condividere ciò che siamo con l’altra persona in uno spazio comune che permetta anche di avere il diritto di godersi il proprio spazio.

coppia

Perché si ha l’idea che è necessario avere un partner?

Nella società attuale è comune avere un partner o almeno è quello che ci hanno fatto credere: si vede nei mezzi di comunicazione, nella letteratura e nella forma di educazione che riceviamo.

Di sicuro vi ricorderete più di un familiare che vi ha chiesto “quando ti trovi un/a fidanzato/a?” già da quando eravate piccoli. Cercare un partner può essere vissuto come un obbligo, facendoci stare male se non si ha.

Questa idea è stata è stata inculcata anche attraverso film e racconti in cui viene data estrema importanza all’amore romantico, a principi e principesse, all’esistenza della dolce metà e al fatto che è normale soffrire per amore; tutti quei miti diffusi che saltano in mente come “dovresti avere un partner per essere felice”.

I matrimoni e le coppie si sono consolidati nella nostra cultura come un nucleo fondamentale nell’organizzazione delle comunità. Tuttavia, molte persone decidono di rimanere single, che sia per un periodo di tempo determinato o per il resto della vita.

La questione importante in questo argomento è sapere che il fatto di avere un partner fa parte di una scelta, non di un bisogno. Nel momento in cui si viene a creare una necessità, compare la dipendenza, il conformismo, il possesso; in questo modo si costruisce una relazione basata sulla disperazione.

“Saper situare l’amore nella nostra vita e saperci situare nell’amore richiede un lavoro di crescita personale per non confondere l’amore con altre cose: il possesso, la pressione, l’annullamento, ecc. Sviluppare nella vita di tutti i giorni l’arte di amare è interpretare l’amore come un’arte: l’arte di condividere, dell’armonia, della creazione.” (Fina Sanz)