Paura di deludere gli altri

Tutti sentiamo il bisogno di essere accettati e riconosciuti. Tuttavia, non possiamo pagare alcun prezzo per soddisfare le aspettative degli altri.
Paura di deludere gli altri
Elena Sanz

Scritto e verificato da la psicologa Elena Sanz.

Ultimo aggiornamento: 30 dicembre, 2022

Pensiamo per un momento alle decisioni per la nostra vita: dove abitare, quale lavoro svolgere e la propria situazione sentimentale. Come siamo arrivati dove ci troviamo oggi? Nella migliore delle ipotesi abbiamo ascoltato le nostre esigenze, i nostri desideri e le nostre preferenze. Eppure, molte persone finiscono per costruire la propria realtà in base a ciò che gli altri si aspettano da loro. La paura di deludere è più forte di quanto pensiamo.

Sicuramente conosciamo qualcuno che voleva fare l’artista e ha finito per studiare economia o una persona che rimane in una relazione solo per paura del cambiamento.

Noi stessi probabilmente dedichiamo tempo ad attività e persone che non ci nutrono o non ci attraggono. Perché andiamo contro la nostra stessa essenza?

Cosa c’è dietro la paura di deludere gli altri?

Se vi sentite identificati con una delle situazioni esposte sopra, dovreste sapere che sono comuni. In realtà non siamo né pazzi né masochisti, ci sono valide ragioni che ci portano a voler piacere agli altri. Identificarle può aiutarci a raggiungere quella libertà che ci siamo negati per anni.

Uomo triste.

Colpevolezza

Il senso di colpa è un’emozione molto potente che può finire per dirigere le nostre vite se non impariamo a gestirla. Si manifesta nei rapporti familiari, per cui possiamo sentire di essere in debito con la famiglia.

I nostri genitori ci hanno dato la vita, ci hanno nutrito, accudito e accompagnato; possiamo dunque sentire che hanno un potere infinito su di noi.

Andare contro la propria volontà scegliendo una determinata carriera, un partner in particolare o semplicemente scegliere di non abitare vicino a loro possono essere intesi come dimostrazioni di slealtà.

Nessuno vuole sentirsi una persona ingrata o egoista, e nel nostro desiderio di ripagare il debito finiamo per ipotecare la nostra esistenza.

Vergogna

Insieme al senso di colpa, la vergogna è una delle emozioni autocoscienti, così chiamate perché il loro scopo è permetterci di sviluppare il senso di sé e vivere nella società tenendo presente le reazioni altrui nei nostri confronti.

Il problema si presenta quando, lungi dal raggiungere questo obiettivo sotto il nostro controllo, finiscono per essere i direttori delle nostre vite.

In questo caso, la vergogna può manifestarsi quando sentiamo di non rispondere alle aspettative altrui. Se sono considerato intelligente, avrò il terrore di fallire. Se si aspettano che io abbia una vita stabile, sarà difficile per me provare a cambiare lavoro.

E se il mio ambiente impone che mettere su famiglia sia l’unica strada valida, mi vergognerò finché non riuscirò ad adempiere a quel mandato.

Paura dell’abbandono

La paura di deludere gli altri nasconde spesso il timore di essere abbandonati. Esso si instaura durante l’infanzia, quando dipendiamo totalmente dagli adulti e pensiamo di doverli accontentare in modo che non ci privino del loro affetto e ci lascino, perché letteralmente la nostra sopravvivenza dipende da questo.

Molti adulti continuano ad alimentare questa convinzione irrazionale; provano una paura molto intensa di non raggiungere le mete che altri hanno stabilito per loro; siano essi familiari, amici, partner o colleghi di lavoro.

Dire “no” comporta il rischio di turbare l’altro e ciò è intollerabile. Non esitano, dunque, ad abbandonarsi per ridurre al minimo il rischio che altri li abbandonino.

Donna triste.

Come superare la paura di deludere gli altri?

La paura di deludere non scaturisce dal nulla, ma viene forgiata nel corso della storia come elemento evolutivo. Vivere in società e gestire le relazioni è essenziale per mantenere la nostra cerchia di supporto. Tuttavia, possiamo rieducarci al riguardo per superare la paura di deludere gli altri.

Prima di tutto, riflettiamo sui nostri veri obblighi. Le relazioni ci fanno crescere solo quando ci sentiamo liberi. Liberi di cambiare, di restare, di parlare, condividere e anche porre limiti.

Sebbene le relazioni siano necessarie e benefiche, paradossalmente diventano più sane e costruttive quando impariamo a stabilire dei limiti. Teniamo dunque presente che rispettare, amare e onorare gli altri non accadrà mai abbandonando o ignorando noi stessi.

In secondo luogo, è importante chiederci cosa desideriamo per noi. Altri possono indirizzarci sulle nostre qualità o sui nostri punti più deboli, ma l’ultima parola sulle nostre decisioni spetta a noi. Alla lunga, la dissonanza con le aspettative degli altri è molto meno dannosa della dissonanza con i propri desideri.

Potrebbe interessarti ...
Volere non è potere, ma il desiderio ci rende vivi
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
Volere non è potere, ma il desiderio ci rende vivi

Volere non è potere; in cambio, amare è un segno di vita. Per questo motivo, bisogna alimentare il desiderio con ottimismo.



  • Etxebarria, I. (2003). Las emociones autoconscientes: culpa, vergüenza y orgullo. EG Fernández-Abascal, MP Jiménez y MD Martín (Coor.). Motivación y emoción. La adaptación humana, 369-393.
  • Cifuentes Preciado, H. M. (2015). Lealtad familiar en la emancipación del adulto joven.

I contenuti di La mente è Meravigliosa hanno uno scopo puramente informativo ed educativo. Non sostituiscono la diagnosi, la consulenza o il trattamento professionale. In caso di dubbi, è consigliabile consultare uno specialista di fiducia.