Penelope, il mito della donna che aspetta per sempre

Nel mito di Penelope, la fedeltà è messa a dura prova. Non sappiamo con certezza se alla fine abbia superato questa dura prova. È chiaro il messaggio implicito della narrazione: l'assenza dell'uomo amato lascia in sospeso la vita della donna.
Penelope, il mito della donna che aspetta per sempre

Ultimo aggiornamento: 09 giugno, 2021

Il mito di Penelope è contenuto nel poema epico Odissea, scritto da Omero. La funzione di questa epopea, tra le altre, è quella di presentare ai popoli dei modelli da imitare. I protagonisti delle narrazioni di Omero sono, di fatto, archetipici. In altre parole, possiedono valori e abilità che li rendono ideali a vivere nella società.

Come spesso accade con i racconti mitologici, i messaggi più interessanti sono quelli contenuti tra le righe. La storia di Penelope è di per sé molto bella, ma vale la pena di provare ad analizzarla da un punto di vista culturale. Omero ci parla della dimensione femminile e della posizione della donna nella coppia.

Penelope è il simbolo della fedeltà e dell’abnegazione, ma esibisce anche tratti che compaiono in diversi miti: l’astuzia e la capacità di ingannare come armi per raggiungere i propri scopi. La sfera femminile appare come ambigua e inaffidabile, quindi pericolosa.

“Ahi, come i mortali incolpano gli dei! Perché da noi, dicono, vengono i mali. Ma anche loro, a causa della loro stupidità, sopportano un dolore superiore a ciò che gli spetterebbe”.

-Omero-

Il mito di Penelope

Secondo il mito raccontato da Omero, Penelope nacque a Sparta da una ninfa d’acqua dolce e dal re della regione. Tutto ebbe inizio quando Ulisse, coraggioso guerriero, si sentì solo e decise di trovare una donna che lo accompagnasse e lo confortasse. La sua ricerca lo porterà a Sparta, dove incontrerà la donna più bella che avesse mai visto: Elena. La stessa Elena che avrebbe causato la guerra di Troia.

Quella donna era così bella che i suoi corteggiatori erano centinaia. Il padre della ragazza, e lo stesso Ulisse, temevano che la disputa sul loro amore avrebbe scatenato il caos a Sparta. Così i due si accordarono per decretare che il pretendente vincitore fosse rispettato dagli sconfitti. Ulisse si sentiva a disagio per la situazione.

A quel punto giunse a Sparta un’altra bella donna di nome Penelope. Era la cugina di Elena ed era venuta per un consiglio. Quando Ulisse e Penelope si incontrano, si innamorano a prima vista. Entrambi rimasero in silenzio, sapendo che non avrebbero mai più voluto separarsi.

La partenza da Itaca e la separazione

Ulisse e Penelope andarono a vivere a Itaca. Suo padre, Icario, cercò di convincerlo a restare a Sparta. Rimase semplicemente in silenzio e si coprì il viso con un velo. Quindi insinuò che sarebbe andato con Ulisse. Nel luogo in cui ciò avvenne, Icario edificò poi un tempio dedicato al pudore.

Un anno dopo, a Itaca, la coppia Itaca ebbe il primo figlio: Telemaco. Poco dopo scoppiò la guerra di Troia e Ulisse dovette partire. Gli ci vollero 10 anni di guerra e altri 10 per il viaggio di ritorno. In quel periodo venne sedotto da una ninfa, un mago e una principessa, ma aveva sempre in mente la moglie e il figlio.

Nel frattempo, Penelope, rimasta da sola, iniziò a essere assillata da numerosi corteggiatori, che si stabilirono con la forza nella sua casa, mangiando e bevendo a loro piacimento. Tutti la incitavano ad accettare uno di loro, dato che avevano dato per morto Ulisse. Lei, tuttavia, sentiva che suo marito era vivo e che sarebbe tornato.

Mare e cielo azzurro.


L’astuzia di Penelope

L’Odissea narra che per evitare di dover accettare uno degli insistenti corteggiatori, Penelope diceva loro che avrebbe scelto quando avrebbe finito di tessere un arazzo. Con un abile trucco, la donna lavorava durante il giorno e disfaceva tutto di notte.

Trascorsero così quattro anni, al termine dei quali Ulisse finalmente tornò a casa. Dopo una serie di prove, lo riconobbe. Dopodiché Ulisse si sbarazzò immediatamente dei proci.

Ci sono diverse versioni a questo punto. Quella più diffusa, e che ci piace di più, racconta che Penelope e Ulisse da quel momento “vissero felici e contenti”. Un’altra versione indica che Ulisse ripudiò la moglie, accusandola di aver attratto i corteggiatori. Ci sono anche versioni in cui la uccise perché infedele o che l’ha restituita a suo padre per lo stesso motivo.

Penelope è il modello della donna altruista, che tace e aspetta paziente. È costretta a fare e disfare, più e più volte, il proprio lavoro mentre attende il ritorno dell’amore “perduto”. Il suo arazzo rappresenta un circolo vizioso di tenacia e resistenza. Il suo atteggiamento, quello che la cultura occidentale ha stabilito come ideale per una moglie.

Potrebbe interessarti ...
Il mito di Imeneo, dio greco del matrimonio
La Mente è MeravigliosaLeggilo in La Mente è Meravigliosa
Il mito di Imeneo, dio greco del matrimonio

Il mito di Imeneo narra di un matrimonio preparato nei minimi dettagli tra due giovani profondamente innamorati e il popolo pronto a festeggiarli.



  • Agudelo, P. A. (2011). (Des) hilvanar el sentido/los juegos de Penélope. Uni-pluriversidad, 11(3), 93-110.