Soffro di ansia: perché mi succede?

Alcune persone hanno passato tutta la vita a soffrire di ansia. Ci sono momenti più difficili di altri, ma anche così, la sensazione di logoramento è immensa e le conseguenze si fanno sempre più evidenti. Perché succede? Perché soffriamo di questi spiacevoli stati psicologici?
Soffro di ansia: perché mi succede?
Valeria Sabater

Scritto e verificato la psicologa Valeria Sabater.

Ultimo aggiornamento: 07 gennaio, 2023

Perché soffro di ansia? Perché sento questa pressione al petto che non mi fa respirare e questi pensieri carichi di paura e irrequietezza? L’ansia eccessiva, quella che interferisce con la qualità della vita, continua ad essere un enigma per molte persone. A volte appare senza alcun trigger specifico e offusca tutto, deforma e accelera tutto con la sua lunga ombra.

Benjamin Franklin diceva che per dissuadere quella sensazione così estenuante, non c’è niente di meglio che non anticipare i problemi o pensare a quelle tempeste che non si scateneranno mai veramente. Però, ammettiamolo, quando si prova ansia non valgono i consigli, così come non valgono la meditazione, nemmeno qualche giorno di vacanza o dipingere mandala. Tutte queste attività sono solo palliativi, strategie di sollievo temporaneo che, in realtà, non risolvono nulla a lungo termine.

Soffro di ansia e non riesco a controllarmi

Perché l’ansia che sfugge al nostro controllo è come un mostro invisibile che provoca dolore allo stomaco, fa battere forte il cuore e ci lascia intrappolati in una spirale che non smette di crescere. Quell’entità che è incorporata nella mente non scompare proprio così. E no, non è nervosismo.

L’ansia sta diventando un compagno appiccicoso di cui ancora non parliamo abbastanza e, purtroppo, trascuriamo eccessivamente. Approfondiamo l’argomento.

Ragazza che si chiede perché ho l'ansia?

Perché soffro di ansia?

Quando ci chiediamo perché l’ansia ci attanaglia, succede perché abbiamo raggiunto un punto in cui ci sentiamo sopraffatti. Sappiamo che qualcosa non va. Questo sistema di allerta del corpo, necessario per poter reagire alle pressioni, ai rischi e alle sfide del nostro ambiente, a volte va fuori controllo e sopravvaluta i pericoli.

La parte più complicata di tutto questo è che l’ansia sta cessando di essere per molte persone quella sensazione normale e persino necessaria che ti attanaglia quando vai a sostenere un esame, quando hai un colloquio di lavoro o un appuntamento medico.

Vale a dire, non è più quella reazione che si scatena di tanto in tanto e di cui si conosce l’innesco. Ora quella sensazione di angoscia e incertezza è costante. Ha cessato di essere adattivo per diventare, in molti casi, patologico.

Tanto che stud i sulla salute mentale come quello condotto in Spagna nel 2017 già ci avvertivano che oltre il 9% della popolazione soffre di ansia cronica. Le persone cadono in questa condizione e non hanno strumenti per affrontarla. Inoltre, spesso non fanno nemmeno il passo per chiedere un aiuto specializzato. Mettono a tacere la loro angoscia come ben sanno e lasciano passare il tempo come possono finché, ad esempio, non compare il primo attacco di panico.

Ma… perché succede? perchè soffro di ansia? Perché molte delle persone che conosco ne soffrono? Analizziamo le cause.

Fattori predisponenti

Ci sono variabili che ci predispongono a soffrire un po’ più di ansia rispetto al resto. Uno di questi fattori scatenanti è spiegato da fattori genetici e familiari. Il fatto che uno dei nostri genitori abbia una maggiore tendenza a vivere questa condizione aumenterà il rischio che ne soffriamo anche noi. Non lo determina, ma solleva tale possibilità.

Allo stesso modo, c’è anche chi presenta un sistema di allerta più sensibile, che vive sempre in uno stato di preallerta pensando che possa accadere qualcosa di brutto o pericoloso. Inoltre, come rivelato da uno studio, è stato possibile verificare l’ esistenza di un’anomalia in alcune proteine deputate alla regolazione della produzione di serotonina.

Il suo malfunzionamento genera una iperattivazione dell’amigdala e con essa, la sensazione di paura e costante allarme, angoscia, irrequietezza che non viene dissuasa e che alimenta la preoccupazione.

La nostra personalità

Ci sono alcuni tratti della personalità che possono aumentare il rischio di ansia. Il perfezionismo, la bassa autostima, l’insicurezza, la timidezza, l’essere più o meno ossessivi con certi aspetti aumentano senza dubbio questa predisposizione.

Perché soffro di ansia? Affrontare eventi stressanti, sia presenti che passati

Se ti chiedi “perché ho l’ansia?” ricorda che spesso questo è il risultato di uno stress accumulato nel tempo e non affrontato. Situazioni come essere disoccupati da molto tempo o addirittura lavorare in condizioni di lavoro negative lasciano l’ansia come ovvio seguito.

I problemi familiari o relazionali, la crescita dei figli o l’instabilità economica sono situazioni di grande usura psicologica.

Tuttavia, bisogna anche guardare oltre le situazioni presenti. Il passato nasconde anche fattori scatenanti che potrebbero aver plasmato la persona che siamo ora. Qualcuno forse ferito da un’infanzia di maltrattamenti, episodi di abuso, dover vivere qualcosa di stressante come la perdita di un parente o aver subito un evento avverso modella anche la presenza di ansia patologica.

uomo che pensa

Malattie croniche

Se vi state domandando perché soffrite di ansia, sappiate che potrebbe essere dovuto a una malattia cronica. Disturbi come il diabete, la fibromialgia, il cancro, le malattie cardiache, ecc., aumentano questo rischio. Sono situazioni in cui lo stile di vita cambia, ci sentiamo limitati, presi da quelle alterazioni di cui, purtroppo, siamo prigionieri.

Sperimentare ansia o soffrire di depressione è una conseguenza del tutto comprensibile. D’altra parte, non possiamo nemmeno ignorare l’aspetto delle dipendenze. Il consumo di alcol e droghe aumenta questa predisposizione.

Riflessioni conclusive sul perché soffro di ansia

La sensazione insopportabile di convivere con l’ansia di solito ha dietro dei fattori scatenanti che la spiegano. Tuttavia, al di là delle cause c’è qualcosa di più rilevante: le strategie per controllarlo. Non possiamo vivere senza questa sensazione, l’ansia non può scomparire perché è parte di noi.

Tuttavia, con la terapia e l’aiuto professionale possiamo mantenerla a quel livello ottimale in cui essere noi stessi, respirare, proiettarci, sentirci di nuovo motivati senza che quella sfera mentale ci renda di nuovo prigionieri.

Potrebbe interessarti ...
Imparate a vincere l’ansia
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
Imparate a vincere l’ansia

Se l'ansia fa parte della vostra vita, combattetela con un semplice rimedio


Tutte le fonti citate sono state esaminate a fondo dal nostro team per garantirne la qualità, l'affidabilità, l'attualità e la validità. La bibliografia di questo articolo è stata considerata affidabile e di precisione accademica o scientifica.


  • Shri, R. (2010). Anxiety: Causes and Management. The Journal of Behavioral Science5(1), 100–118.
  • Trait Anxiety Mediated by Amygdala Serotonin Transporter in the Common Marmoset” by S.K.L Quah, L. McIver, A.C. Roberts and A.M. Santangelo, 11 May 2020, JNeurosci.
    DOI: 10.1523/JNEUROSCI.2930-19.2020

I contenuti di La mente è Meravigliosa hanno uno scopo puramente informativo ed educativo. Non sostituiscono la diagnosi, la consulenza o il trattamento professionale. In caso di dubbi, è consigliabile consultare uno specialista di fiducia.