Permanenza emotiva: come ci influenza la sua mancanza?

La permanenza emotiva ci permette di godere dei legami, confidando nella loro forza. Quando fallisce, compaiono difficoltà a livello sociale legate a comportamenti disadattivi, con i quali cerchiamo di ritrovare l'equilibrio, in un ambiente che sentiamo profondamente instabile.
Permanenza emotiva: come ci influenza la sua mancanza?
Elena Sanz

Scritto e verificato da la psicologa Elena Sanz.

Ultimo aggiornamento: 19 dicembre, 2022

Le persone hanno bisogno di fidarsi della stabilità delle nostre relazioni. Sapendo che coloro che ci amano continueranno a farlo, anche se non sono presenti o nonostante conflitti e discrepanze. Questa certezza è ciò che è noto come permanenza emotiva e, quando abbiamo un deficit in questo senso, possiamo vedere la nostra qualità di vita e il nostro benessere psicologico notevolmente diminuiti.

La mancanza di permanenza emotiva ci fa sentire insicuri, costantemente sul filo del rasoio. Genera forti sentimenti di ansia, incoraggiandoci a determinati comportamenti che vanno contro i nostri interessi.

Se avete riscontrato questo problema, le sue radici ci riportano molto indietro nella storia della vostra vita; tuttavia, la buona notizia è che oggi potete iniziare a lavorare per rafforzare questa fiducia in voi stessi.

donna triste e apatica
Le persone con una mancanza di permanenza emotiva si sentono insicure e hanno molta paura dell’abbandono.

Cos’è la permanenza emotiva?

L’idea di permanenza emotiva afferma che le emozioni continuano ad esistere quando non possono essere osservate. Questo, come vedremo in seguito, vale sia per i propri sentimenti che per quelli degli altri. Per questo genera sfiducia nelle relazioni e notevoli difficoltà di regolazione emotiva.

È un concetto legato alla permanenza dell’oggetto, una pietra miliare dello sviluppo che viene pienamente raggiunta intorno ai due anni. Si riferisce alla capacità del bambino di comprendere che l’esistenza di oggetti e persone è indipendente dalla fatto che possano essere percepiti; sì, c’è un momento in cui capiamo che le persone non cessano di esistere quando escono dalla portata dei nostri sensi.

Per quanto riguarda la permanenza emotiva, man mano che cresciamo impariamo che i sentimenti hanno continuità e che “fuori dalla vista” non significa “fuori dalla vita”. Tuttavia, affinché questa comprensione sia raggiungibile, è necessario assicurarsi che i caregiver che offrano affetto incondizionato, che siano prevedibili e che ci permettano di sviluppare quella certezza e permanenza interne.

Quando questo non accade, o se ci sono esperienze negative e successivamente legami instabili (ad esempio, con partner romantici), quel senso di continuità rispetto a se stessi e alle relazioni non si sviluppa, o è compromesso. Nascono così una serie di difficoltà.

Segni di mancanza di permanenza emotiva

Ci sono alcune indicazioni che possono aiutarci a identificare che una persona ha problemi quando si tratta di coniugare la permanenza emotiva. I principali sono i seguenti:

Problemi di regolazione delle emozioni

Le persone con una mancanza di permanenza emotiva hanno difficoltà a regolare le proprie emozioni. Tendono a turbarsi emotivamente facilmente e trovano difficile gestire i conflitti. Qualsiasi disaccordo, discussione o incomprensione viene interpretato come catastrofico e provoca grande disagio.

C’è anche una difficoltà nel ricordare come si sentiva un’emozione diversa da quella che è attiva al momento. Cioè, se la persona si sente triste, depressa o ansiosa, non ricorda che a un certo punto si è sentita felice, calma o felice.

A livello cognitivo ricorda di aver già vissuto quelle emozioni e può descriverle, ma è come se stesse descrivendo l’esperienza di qualcun altro. Per lei c’è solo quello che sta vivendo in quel momento.

Allo stesso modo, potresti avere difficoltà a capire che due emozioni possono coesistere contemporaneamente. Cioè, qualcuno può sentirsi arrabbiato o turbato e allo stesso tempo continuare ad amare l’altra persona.

Difficoltà nelle relazioni interpersonali

È nelle relazioni che si percepiscono maggiormente le conseguenze. Ed è che la persona deve convivere con una forte paura dell’abbandono nei legami affettivi che possono essere di natura molto diversa.

Non è possibile godere delle relazioni perché non ci si fida del loro carattere stabile e costante, e quindi l’insicurezza è sempre presente. Possono sorgere gelosia e un bisogno costante di rassicurare che i legami sono buoni e che l’altra persona sente ancora amore.

Questa qualità è anche un ostacolo alla fiducia negli altri, suscitando a sua volta un intenso rifiuto dell’ambiguità. Cioè, la persona ha bisogno di mantenere e generare relazioni molto ben definite. Avere dubbi sulla natura dei legami produce un’intensa sensazione di disagio.

Sofferenza psicologica e permanenza emotiva

Tutto quanto sopra causa una grande sofferenza psicologica, poiché la persona si sente non amata per la maggior parte del tempo. Spesso la accompagnano stati emotivi tristi o ansiosi ed è comune che soffra anche di bassa autostima. C’è anche una maggiore vulnerabilità allo sviluppo del disturbo borderline di personalità, a causa di questo attaccamento insicuro e di questa costruzione di permanenza emotiva che è stata troncata.

Donna che soffre per il suo ex compagno
La mancanza di permanenza emotiva implica problemi di regolazione emotiva e nelle relazioni con gli altri.

Intervenire sulla mancanza di permanenza emotiva

Fortunatamente, è possibile costruire un senso di fiducia e lavorare sull’idea di impegno e abbandono per migliorare il benessere. Prima di tutto bisognerà individuare le conseguenze della mancanza di permanenza emotiva.

A partire da questo punto, e con l’intenzione di cambiare credenze e interpretazioni, è possibile applicare strategie di efficacia interpersonale, rafforzando i pilastri che sostengono il nostro concetto di sé.

Alcune linee guida utili a questo proposito includono tenere un diario emotivo (per verificare come variano gli stati d’animo), condividere le difficoltà con i propri cari e parlarne apertamente e, soprattutto, farsi aiutare da un professionista qualificato. Tuttavia, identificare la vulnerabilità associata all’impermanenza emotiva vi aiuterà a gestire meglio le vostre emozioni.

Potrebbe interessarti ...
Il lato oscuro dell’intelligenza emotiva
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
Il lato oscuro dell’intelligenza emotiva

L'UNESCO la definisce come elemento chiave dell'apprendimento emotivo. Esiste però un lato oscuro dell'intelligenza emotiva di cui non tutti parlan...



  • Adler, G., & Buie Jr, D. H. (1979). Aloneness and borderline psychopathology: The possible relevance of child development issues. International Journal of Psycho-Analysis60, 83-96.
  • Moore, M. K., & Meltzoff, A. N. (1999). New findings on object permanence: A developmental difference between two types of occlusion. British Journal of Developmental Psychology17(4), 623-644.

I contenuti di La mente è Meravigliosa hanno uno scopo puramente informativo ed educativo. Non sostituiscono la diagnosi, la consulenza o il trattamento professionale. In caso di dubbi, è consigliabile consultare uno specialista di fiducia.