Persona emotivamente non disponibile

Com'è una persona emotivamente non disponibile? Presentiamo i tratti per riconoscerla. Sebbene a volte desideri aprirsi agli altri, ne è incapace.
Persona emotivamente non disponibile

Ultimo aggiornamento: 12 settembre, 2022

Capita di incontrare qualcuno che piace, sembra esserci sintonia, si trascorre il tempo insieme, ma ecco che all’improvviso questa persona sembra fare un passo indietro. Sembra essere guidata dalla paura o dice chiaramente che non vuole nulla di serio, che non è pronta, che ha difficoltà ad aprirsi. Potrebbe trattarsi di una persona emotivamente non disponibile.

Affinché una relazione funzioni, è importante che entrambe le parti diano e ricevano; se si apre emotivamente solo una, non è una relazione. È come navigare per mare su una barchetta in cui solo uno dei due rema. Cosa accadrebbe? Avanzare sarà difficile e sfiancante.

Los tesso succedere nelle relazioni. Entrambe le parti devono aprire il proprio universo interiore per creare uno spazio comune fatto di intimità e condivisione. Ma come riconoscere una persona emotivamente non disponibile? Ne parliamo nelle righe che seguono.

Coppia che parla.
Le persone emotivamente non disponibili hanno difficoltà a instaurare un rapporto intimo.

Persona emotivamente indisponibile: cosa significa?

Essere emotivamente disponibili significa essere aperti a un’altra persona che entra nella nostra vita, a cui vogliamo donare affetto e da cui desideriamo ricevere lo stesso.

Allo stesso modo, creare spazi fatti di intimità in cui scambiare conversazioni intime, amore, passione, confessioni. Con una persona emotivamente non disponibile accade il contrario:

  • È difficile raggiungere un certo grado di intimità.
  • Non riesce facilmente a chiedere aiuto e a lasciarsi aiutare.
  • Difficilmente esprime i suoi sentimenti, apre il suo cuore.
  • Instaura relazioni piuttosto superficiali, poiché non è emotivamente coinvolta.
  • Appare indifferente alle rotture.
  • Non è disponibile per amare e lasciarsi amare.

Riconoscere la persona emotivamente non disponibile

I tratti di personalità che presentiamo nelle righe che seguono aiutano a riconoscere una persona emotivamente non disponibile.

1. Evitare l’intimità

La persona evita l’intimità, quello spazio comune, caldo e familiare che si crea a mano a mano che aumenta la fiducia tra due persone, così come il tempo condiviso.

Sebbene si possano condividere momenti molto divertenti con quella persona, non si crea mai uno spazio di autentica intimità.

2. Bastone e carota

È probabile che la persona emotivamente non disponibile dia “bastone e carota” (il noto rinforzo intermittente). Cosa significa?

Che un giorno si mostra euforica all’idea di stare insieme ed è affettuosa, il giorno dopo è chiusa in se stessa, seria, persino severa. Molte volte lo fa inconsciamente, perché non sa cosa vuole davvero.

3. Difficoltà a parlare di emozioni o esperienze intime

La persona emotivamente non disponibile ha difficoltà a parlare delle sue emozioni o delle esperienze più intime. Quando si inizia a parlare della sfera emotiva, si chiuderà a riccio, sarà evasiva o userà l’umorismo per non aprirsi.

“Non potrai muovere altri cuori se dal tuo cuore non esce nulla”.

-Goethe-

4. La persona emotivamente non disponibile stabilisce dei limiti

Queste persone pongono limiti fin dall’inizio. Per esempio, non dormire insieme, non pranzare con altri amici, non incontrare la famiglia. Oltre a ciò, sono piuttosto rigidi nei confronti dei suddetti limiti.

Linee rosse che consentono loro di segnare distanza emotiva e “proteggersi” da tutto ciò che richiede intimità, impegno, in definitiva la parte più emotiva di qualsiasi relazione.

5. Manifestazioni di affetto incostanti (o inesistenti)

Queste persone tendono anche a mostrare un certo schema nel donare affetto. Possono mostrarsi affettuose di tanto in tanto, ma non sono costanti.

All’improvviso, senza una ragione apparente, le dimostrazioni di affetto si affievoliscono, cambiano, scompaio. Allo stesso modo, può anche succedere che non siano mai dirette.

“Un’emozione non provoca dolore. La resistenza o la soppressione di un’emozione provoca dolore.”

-Frederick Dodson-

6. Molte parole, poche azioni

La persona emotivamente non disponibile fa grandi promesse, ma nel momento della verità, le sue azioni dicono tutt’altro. Potrebbe non farlo in malafede, perché vorrebbe aprirsi, ma qualcosa glielo impedisce.

A ciò si devono le incongruenze tra quello che dice e quello che fa. Un consiglio per quando si verifica tale dinamica: attenetevi ai fatti, non alle parole.

7. Annullare gli impegni presi

La persona emotivamente non disponibile ha l’abitudine di annullare all’ultimo minuto gli impegni presi, quando escogitano un programma migliore, perché, in realtà, preferisce fare altro. Dà la priorità al divertimento rispetto alla coerenza o all’impegno.

8. La persona emotivamente non disponibile evita l’impegno

La persona può dire chiaramente o mostrare attraverso le sue azioni di non volersi impegnare; ne è un esempio l’abitudine di annullare spesso gli impegni presi.

Scappa da relazioni che richiedono un certo coinvolgimento, perché in realtà cerca un rapporto più superficiale. Nulla che sfoci nella sfera più profonda ed emotiva.

Uomo che parla con la fidanzata.
La persona emotivamente non disponibile evita l’impegno e mostra affetto a intermittenza.

Come comportarsi con la persona emotivamente non disponibile?

Se avete incontrato una persona che vi piace, con cui sentite un certo feeling, ma che non si mostra emotivamente disponibile (perché lo dice o perché lo dimostra), dovete riflettere su quello che volete.

Questa situazione vi va bene? Vorreste più coinvolgimento, più impegno? Qualunque risposta è lecita, ma bisogna ascoltare se stessi e agire di conseguenza. Avete il diritto tanto di volere una persona emotivamente disponibile al vostro fianco come di non volervi impegnare in una relazione.

L’importante è essere coerenti e onesti; si tratta di prova inconfondibile di autostima, che attirerà anche persone che cercano lo stesso.

Potrebbe interessarti ...
Aspettarsi che il partner cambi
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
Aspettarsi che il partner cambi

In una certa misura è normale innamorarsi del potenziale di un'altra persona. Ma ha senso aspettarsi che il partner cambi?



  • Bisquerra Alzina, R. y Laymuns, G. (2016). Diccionario de emociones y fenómenos afectivos. Valencia: PalauGea Comunicación.
  • González, T. T., & García, A. O. (2009). El Compromiso y la Estabilidad en la Pareja: Definición y Dimensiones dentro de la Población Mexicana. Psicología Iberoamericana17(1), 38-47.
  • Torres González, Tamara & Moreira Mayo, Mercedes & Ojeda García, Angélica (2010). ¿Amor y Compromiso en la Pareja?: de la teoría a la práctica. Revista Iberoamericana de Diagnóstico y Evaluación – e Avaliação Psicológica, 2 (30),125-142.[fecha de Consulta 10 de Septiembre de 2022]. ISSN: 1135-3848. Disponible en: https://www.redalyc.org/articulo.oa?id=459645442008