Persone che non collaborano: come gestire le persone ostili?

Lavorate con qualcuno che non collabora e sa solo come protestare e divincolarsi? Ci sono personalità difficili con le quali è difficile formare una squadra e persino vivere insieme. Se questo è il vostro caso, vi spieghiamo cosa fare. Prendete nota!
Persone che non collaborano: come gestire le persone ostili?
Valeria Sabater

Scritto e verificato da la psicologa Valeria Sabater.

Ultimo aggiornamento: 29 novembre, 2022

Le persone che non collaborano sono ostili come palizzate che ostacolano tutto. Sono quelle figure che vedono problemi e difetti in ogni cosa, quelle con le quali ci vuole tanto per mettersi d’accordo e che, con il loro atteggiamento, minano lo spirito e anche la voglia di intraprendere qualsiasi attività. Se vivete con una persona così o se siete costretti a lavorare con un collega con questo profilo, sapete di cosa stiamo parlando.

Questo è un problema che incontrano anche molti leader aziendali, visto che se c’è una cosa che sperano è di poter guidare un progetto, in modo che ogni membro del team assuma il ruolo e la responsabilità assegnati. Tuttavia, a volte c’è chi solleva le proprie lamentele al punto da sabotare il progetto e minare l’armonia.

Quando un’azienda assume un lavoratore, lo fa per il suo valore apparente e la sua conoscenza. Tuttavia, spesso si ritrova ad affrontare e gestire comportamenti ostili per i quali non sempre è preparata.

È vero che si può sempre optare per il licenziamento, ma le persone ostili hanno un comportamento che si vede spesso e che spesso ci sopraffà. 

Si può fare qualcosa in questi casi? O dovremmo semplicemente accettare il fatto che coloro che si rifiutano di collaborare sono semplicemente ostruzionisti nati e non c’è possibilità di cambiamento?

Il successo di un’azienda e di un rapporto, qualunque esso sia, parte sempre dalla capacità di saper collaborare e raggiungere accordi.

esempio di persone che non collaborano
L’ostruzionismo è un tipo di comportamento aggressivo che crea distanza e confronto.

Le persone che non collaborano o ostili

Tutti abbiamo provato la piacevole sensazione di andare d’accordo con un gruppo di persone. Quando ciò accade, tutto scorre per il meglio: idee, obiettivi raggiunti, conversazioni arricchenti e persino produttività.

Succede in ambito lavorativo e anche in qualsiasi contesto sociale, anche familiare e affettivo. Questo ambiente positivo parte sempre da un elemento magico e cruciale: la cooperazione. Però, dalla parte opposta, ci sono loro, le persone che non collaborano.

Per comprendere queste presenze vale la pena ricordare la teoria interpersonale della psicoanalista tedesca Karen Horney. Secondo questo modello, il nevroticismo può essere espresso in tre modi: essendo docile e dipendente dagli altri, mostrando distacco, cioè scappando dalle persone e, infine, dimostrandosi ostili.

L’Università dello Utah ha persino condotto uno studio di ricerca per creare un inventario ed essere in grado di rilevare questi modelli di personalità.

Tuttavia, ciò che è risultato interessante in questo studio della dottoressa Horney è stato capire che dietro a chi ostacola tutto di solito c’è un’infanzia segnata dall’abbandono, un’educazione molto critica e una mancanza di calore.

Quindi, un altro aspetto interessante su questo profilo, è conoscere le forme in cui si presenta. È molto probabile che qualche modello di comportamento ci sia noto.

Persone che non collaborano: il “so tutto io”

Le persone che non collaborano parlano contro di noi perché, secondo loro, ne sanno più di noi. Sono individui che percepiscono di avere competenze e conoscenze migliori rispetto alla media. Questo livello di superiorità li porta a disprezzare qualsiasi idea, qualsiasi proposta e tentativo di portare a termine un compito.

Il drammatico

Tutto andrà storto. L’ostruzionismo si manifesta anche attraverso il vittimismo. È comune vedere uomini e donne mettere bastoni in ogni ruota quando usano il reclamo come meccanismo di blocco.

In queste situazioni è comune sentire frasi come le seguenti: “è che non mi prendi in considerazione nei tuoi piani, è che non mi ascolti mai o sicuramente il tuo piano sarà un disastro”, ecc.

L’esplosivo

Le persone non collaborative a volte possono mostrare un tratto un po’ più problematico. Ci riferiamo a quell’impulsività esplosiva e imprevedibile che si trasforma in risposte aggressive. Passano da calmi ad arrabbiati in pochi secondi. Possiamo credere, per un attimo, di avere il loro consenso e il loro appoggio ma, dopo qualche secondo, qualcosa li fa sobbalzare e andare contro di noi.

Il narcisista ostruzionista

In effetti, molti dei profili con comportamenti antagonisti mostrano una personalità chiaramente narcisistica. Sono uomini e donne molto abili nel boicottare ogni progresso, ogni tentativo di raggiungere un obiettivo e addirittura favorire l’unione di un gruppo di lavoro.

In qualche modo, il loro comportamento ostile e ostruzionista consente loro di ottenere un certo dominio sugli altri grazie alla loro ostilità. Sono quelle presenze che agiscono come un virus su ogni palco, fanno ammalare tutto , spengono la motivazione e ogni spiraglio di raggiungimento di qualsiasi obiettivo.

Quando una persona con tendenze ostruzionistiche e persino problematiche viene individuata, un’azienda può scegliere di affidarle compiti di routine e semplici. L’idea è che con il suo comportamento non pregiudichi il lavoro degli altri e si occupi solo di obiettivi molto standardizzati.

Gruppo di lavoro che parla di persone che non collaborano
Nessun gruppo di lavoro sarà in grado di raggiungere un obiettivo se ha uno o più ostruzionisti nella sua squadra.

Come gestire le persone che non collaborano?

È molto probabile che questo tipo di situazione dominata da persone che non collaborano ci sia molto familiare. Conosciamo, oltretutto, il costo che questo suppone per un’organizzazione, così come per qualsiasi ambiente in cui i suddetti profili annichiliscono l’armonia e la produttività. La domanda che, senza dubbio, ci saremo posti in più di un’occasione è cosa possiamo fare.

Una strategia da attuare

Esiste una strategia valida che ci permette di ottenere un cambiamento di queste cifre? La risposta è semplice. Non possiamo aspettare che l’ostruzionista cambi, l’unica via d’uscita è imparare a trattarlo in modo che la sua presenza influisca su di noi il meno possibile.

D’altra parte, se qualcuno con questo comportamento viene individuato in un ambiente di lavoro, è preferibile non assegnargli posizioni di comando e relegarlo a compiti di routine e altamente standardizzati che non richiedono il raggiungimento di accordi con altre figure. Vediamo ora quali approcci potrebbero esserci utili per affrontarli:

Ascoltate senza cadere nelle provocazioni

Discutere con un narcisista o qualcuno provocatorio è inutile. È una battaglia persa. La nostra energia e il nostro spirito sono spariti. È più preferibile in tutti i casi limitarsi ad ascoltare le loro lamentele e ragionare senza reagire. Sappiamo che l’unica cosa che cercano è imporre il loro potere creando distanze e problemi, ma sappiamo anche che non staremo al gioco con loro o cadremo nelle loro trappole.

Basta ascoltarli e poi fare ciò che si ritiene opportuno senza perdere la calma.

Mostratevi fiduciosi e sicuro di voi con le persone che non collaborano

Evitiamo di vacillare, dubitare o lasciarci trasportare dalla cattiva condotta delle persone poco collaborative. Fate loro vedere che vi fidate delle vostre capacità e che le loro critiche, minacce o dubbi non mineranno la vostra forza di volontà.

Avere fiducia in se stessi significa ignorare chi porta solo rumore, essere una persona efficiente e decisa significa fare orecchie da mercante a chi vuole solo vederci fallire.

Fate capire che non cooperare porta a delle conseguenze

Prima o poi le persone non collaborative devono pagare un prezzo per il loro comportamento e il loro atteggiamento. Come sempre accade con i narcisisti o le figure problematiche, finiscono per incontrare isolamento e rifiuto sociale.

Affinché un’organizzazione, un team o una relazione funzionino, bisogna saper convivere, raggiungere accordi e cooperare. Ciò richiede intenzionalità e apertura emotiva, un forte impegno verso gli altri e un atteggiamento positivo.

Chi porta con sé il peso delle proprie frustrazioni vuole solo portare altrove lo stesso squilibrio e caos. La cosa migliore in questi casi è fargli capire che, con questo atteggiamento, ha solo due opzioni: cambiare o andarsene. Chi ostacola, distrugge. Teniamolo a mente.

Potrebbe interessarti ...
Superare gli ostacoli è sempre possibile
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
Superare gli ostacoli è sempre possibile

Tendiamo a concentrarci sulla ricerca di soluzioni, spesso al di fuori di noi. Eppure, è in nostro potere superare gli ostacoli.



  • Carlson, S. E., Smith, T. W., Parkhurst, K. A., Tinajero, R., Grove, J. L., Goans, C., Hirai, M., & Ruiz, J. M. (2022). Moving toward, moving against, and moving away: An interpersonal approach to construct validation of the Horney–Coolidge Type Inventory. Journal of Personality Assessment, 104(5), 650–659. https://doi.org//10.1080/00223891.2021.1991358
  • Sleep, C. E., Lynam, D. R., & Miller, J. D. (2022). Understanding individuals’ desire for change, perceptions of impairment, benefits, and barriers of change for pathological personality traits. Personality Disorders: Theory, Research, and Treatment, 13(3), 245–253.

I contenuti di La mente è Meravigliosa hanno uno scopo puramente informativo ed educativo. Non sostituiscono la diagnosi, la consulenza o il trattamento professionale. In caso di dubbi, è consigliabile consultare uno specialista di fiducia.