Prendersi cura delle relazioni: 5 regole d'oro

Prendersi cura delle relazioni: 5 regole d'oro

Ultimo aggiornamento: 24 marzo, 2022

Quando si cura qualcosa, quando si presta attenzione ai piccoli dettagli e si rimane affascinati giorno dopo giorno, le relazioni diventano migliori, più appaganti e profonde. Le nostre cure evitano che qualcosa si rompa facilmente e che cicatrici e ferite siano troppo spesso presenti. Ma come prendersi cura delle relazioni?  

Ci sono persone che entrano nella nostra vita per donarci luce, ma le terremo con noi solo se le nostre interazioni ci aiutano a legare, a sostenere quel legame in modo nobile, sincero e forte.

Dimentichiamo facilmente che per mantenere viva la fiamma dell’amicizia, dell’amore e di qualsiasi altra relazione, dobbiamo tenere presenti alcuni principi fondamentali nelle nostre azioni.

È importante riflettere su questo perché le seguenti regole d’oro vanno oltre le abilità relazionali che guidano la nostra vita quotidiana e il nostro essere.

Giovane con un pesce in mano che rappresenta la freddezza della menzogna.

Regole per prendersi cura delle relazioni

1. La lingua è abbastanza forte da spezzare un cuore

Le parole non vengono portate via dal vento. Queste nidificano nel cuore e sono in grado di costruire o distruggere, calmare o alimentare, far crescere o diminuire. Brutte parole, cattive maniere oppure opinioni sbagliate possono spezzare un cuore in modo permanente.

Il modo in cui comunichiamo con gli altri la dice lunga sul rispetto che nutriamo nei loro confronti, non possiamo pensare che tutto sia lecito solo perché c’è fiducia. È fondamentale, quindi, curare le forme e i contenuti di ciò che esprimiamo.

Dobbiamo comunicare una notizia spiacevole con delicatezza e questo significa con affetto, preoccupazione o disagio. Il modo migliore per farlo è alludere ai comportamenti ed evitare di etichettare la persona sulla base di una cattiva azione.

Le nostre parole devono superare i tre setacci di Socrate : quello della verità, dell’utilità e della gentilezza. Se una cosa non è vera, non è utile e non fa bene a chi la diciamo, meglio evitarla.

Donna con maschera e prendersi cura delle relazioni.

2. Prendersi cura delle relazioni evitando la menzogna e la falsità

La verità fa male una volta, ma la bugia fa sempre male. Nulla mina una relazione alla pari della menzogna e la falsità. Entrambe sono in grado di distruggere tutto lungo il loro cammino, devastare le foreste più fitte e far crollare le torri più alte.

La menzogna ci porta a mettere in discussione mille verità, anche le esperienze più franche. Esistono diversi tipi di bugie, ovviamente, ma una relazione sana non può essere sostenuta da esse.

Ricordiamo che la fiducia è un bene di lusso che non si regala a nessuno, e quando un sentimento importante come la fiducia si rompe, qualcosa dentro di noi muore.

Coppia con testa a cubo di Rubik.

3. La distanza maggiore tra due persone è data da un malinteso

La frase che meglio illustra questa riflessione è la seguente: “Tra ciò che pensiamo, ciò che vogliamo dire, ciò che pensiamo di dire, ciò che diciamo, che vogliamo sentire, ascoltiamo, pensiamo di capire e capiamo, ci sono nove possibilità di non capirsi ”.

Voler capirsi non è il problema, il problema è sapersi incontrare nonostante lo stato emotivo di ciascuno, nonostante le priorità e sebbene in molte occasioni sia difficile trovare un punto in comune.

La differenza è che ascoltiamo per capire e non per rispondere, parliamo del disagio causato da atteggiamenti o parole, comunichiamo senza parole che ci facciano per capire.

Ciò vale non solo nei momenti di conversazione, ma anche dopo, quando ci troviamo da soli a riflettere. È importante riflettere al riguardo, perché molte volte la foga del momento non ci permette di pensare con lucidità, il che favorisce condotte dannose e orgogliose

Commettere errori è comune e umano, ma dobbiamo anche sapere come regalare il perdono sincero.

4. Meno domande a un paio di occhi tristi e più abbracci

Convalidare le emozioni altrui è essenziale per poter basare una relazione sull’accettazione. Comprendere le emozioni e trasmettere comprensione fa la differenza.

Con questa massima intendiamo affermare l’importanza di non giudicare e di non cadere nel “ti avevo avvertito” o “non hai motivo di pentirti di tutto”.

Ogni persona conduce la propria guerra e sebbene la totale empatia cognitiva ed emotiva sia in qualche modo utopica, non possiamo smettere di cercare di fare la migliore lettura emotiva possibile dell’altro.

Essere solidali nei momenti difficili nel modo giusto getta le basi per una relazione forte; è particolarmente importante prestare attenzione a come gestiamo le emozioni negative degli altri.

5. Dedicare del tempo, il regalo più bello, per prendersi cura delle relazioni

È altrettanto importante essere al fianco delle persone che amiamo nei momenti difficili quanto lo è nei momenti belli. L’accompagnamento fornisce ossigeno psicologico e la condivisione significa vivere.

Circondarsi di persone che amiamo e che ci amano, vivere con loro nei bei tempi e avere sorrisi da ricordare fa la differenza. D’altra parte, elemosinare attenzioni non è un’opzione. Né per noi né per gli altri.

Non importa quanto siamo occupati, possiamo sempre dedicare una breve telefonata o un messaggio per far capire agli altri che sono nei nostri pensieri.  Non farlo contribuisce a generare una distanza che nel tempo diventa molto difficile da colmare.

Conclusioni

È importante costruire stili di comunicazione e di comportamento che sommano e non sottraggono. Non perdiamo, quindi, l’occasione di migliorare come partner, amici, figli, genitori, fratelli, colleghi, ecc.

Fare uno sforzo per gestire correttamente queste 5 regole d’oro per prendersi cura delle relazioni renderà senza dubbio il mondo più nobile, sincero e costruttivo.

Illustrazione principale di Anne Soline

Potrebbe interessarti ...
Autoosservazione e come influenza le relazioni?
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
Autoosservazione e come influenza le relazioni?

È sufficiente sedersi con un gruppo di persone e guardarle per individuare alcune differenze sulla base della autoosservazione.