Programmare la giornata: abitudine verso la felicità

Dedicando qualche minuto alla pianificazione della giornata, in un momento calmo e sereno, si aumentano le possibilità che la giornata vada bene.
Programmare la giornata: abitudine verso la felicità

Ultimo aggiornamento: 09 febbraio, 2022

Cosa fate negli ultimi momenti prima di addormentarvi? E durante i primi minuti del risveglio? La maggior parte delle persone trascorre questi momenti cruciali svolgendo attività non redditizie come controllare i social network o risolvere affari in sospeso. Tuttavia, se si impara a programmare la giornata, potranno essere usati per avvicinarsi ai propri obiettivi.

Tutti vorremmo che le nostre giornate scorressero senza intoppi, senza stress e godendo di uno stato d’animo positivo. Tuttavia, raramente facciamo qualcosa per farlo accadere.

Lasciamo semplicemente che le cose “accadano” e reagiamo quando sono già accadute. Vi suggeriamo di farvi carico degli eventi e programmare la giornata con alcuni semplici esercizi.

Donna sorridente a letto.

Programmare la giornata tramite lo stato d’animo

La pianificazione della giornata consiste nel programmare la mente per raggiungere determinati obiettivi. Possiamo influenzare ciò che pensiamo, proviamo e facciamo durante il giorno se conosciamo il nostro cervello.

A tale scopo, è importante sapere come funzionano le onde cerebrali. La mente umana opera a diversi stati in momenti diversi:

  • Beta: si verificano durante la veglia. Finché rimaniamo vigili, concentrati e mentalmente attivi. Molte volte, tuttavia, sono legate allo stress.
  • Alpha: quando siamo rilassati e iniziamo a sentirci assonnati, entriamo in uno stato alfa. Questo può essere considerato un ponte tra la mente conscia e inconscia, il che lo rende ideale per l’apprendimento e la riprogrammazione mentale.
  • Theta: queste onde cerebrali sono tipiche degli stati di sonno profondo, ma possono essere raggiunte anche attraverso attività come la meditazione. È in questo momento che l’accesso alla mente incosciente è maggiore, quindi le istruzioni possono penetrare molto più facilmente.
  • Delta: quest’ultimo stato compare durante il sonno profondo ed è caratterizzato dal fatto che il cervello emette onde di maggiore ampiezza e minore frequenza.

Per programmare la giornata è opportuno sfruttare le potenzialità offerte dagli stati alfa e theta. Ovvero quando siamo ancora consapevoli, ma distaccati dai soliti processi cognitivi.

A cosa serve programmare la giornata?

Programmare la giornata significa dare essa un’intenzione, decidere in anticipo cosa si vuole provare e tentare di realizzarlo. In questo modo si possono perseguire diversi obiettivi, ad esempio:

  • Godere di uno stato d’animo positivo, piacevole e rilassato durante la giornata. Sentirsi energici, ottimisti e senza stress.
  • Stabilire obiettivi concreti. Ad esempio, decidere che l’incontro di lavoro si svolga in modo piacevole e fluido, che l’appuntamento con il partner sia divertente e positivo o che la comunicazione con i propri figli durante la giornata sia aperta, sforzandosi di accettare le divergenze di opinione.
  • Essere produttivi e raggiungere molti obiettivi in sospeso durante la giornata. Può essere particolarmente utile per le persone che tendono a procrastinare.

Come riuscirci?

Per programmare la giornata si possono utilizzare i momenti di passaggio tra il sonno e la veglia; principalmente il momento del risveglio, ma si può iniziare anche prima di andare a dormire. Alcune strategie possono aiutarci.

Gratitudine

Quando ci svegliamo al mattino, prima di fare qualsiasi altra cosa e di alzarsi dal letto, pensiamo a tre cose della nostra vita di cui siamo grati. Non devono essere eventi spettacolari, possono essere dettagli quotidiani e semplici.

Inoltre, individuiamo tre momenti della giornata che sta iniziando che generano entusiasmo. Queste due scelte possono essere fatte mentalmente o annotate su un diario della gratitudine destinato a questo scopo e che si trova sul comodino. La gratitudine migliora l’umore e il benessere soggettivo.

Proiezione

Se avete un obiettivo specifico che desiderate raggiungere, visualizzate voi stessi mentre lo raggiungete. Ad esempio, ricevere congratulazioni dal capo per l’ottima presentazione fatta. Cercate di rendere l’immagine il più reale possibile e rimanete in quello scenario creato per alcuni minuti mentre vi state ancora svegliando.

Se invece l’obiettivo è più generale, potete visualizzarvi a casa, a fine giornata, sentendovi calmi, appagati e soddisfatti di come è andata.

Cercate di entrare nel ruolo, cosa proverete a fine giornata quando tutto sarà andato bene, Sentitelo ora come se fosse già successo.

Donna con gli occhi chiusi.

Affermazioni

Le affermazioni sono tra le tecniche più semplici, ma anche più potenti. Basta pronunciare alcune brevi frasi che riflettano cosa vogliamo vivere quel giorno.

Vanno scritte al presente e con un tono positivo. Ad esempio: “Sono calmo/a e affronto le sfide con calma e sicurezza”, ” Mi sento energico/a e motivato/a a svolgere le attività che mi propongo” o ” Mi godo un momento molto piacevole con i miei figli”. Ripetete queste affermazioni al mattino, al risveglio, sentendole come reali.

Programmare la giornata mette in sintonia con i propri obiettivi

I passaggi precedenti non sono azioni magiche che garantiranno la felicità o il successo semplicemente realizzandoli. Aiuteranno a concentrare le energie verso i propri obiettivi e a stabilire uno stato mentale favorevole al loro raggiungimento.

Affermando ed essendo intenzionati a mantenere la calma, si affronta la giornata con questa disposizione ed è più probabile mantenerla rispetto a quando ci si lascia travolgere dalle circostanze.

Quando visualizziamo noi stessi ricevere congratulazioni per la presentazione, diamo per assodato di aver fatto un buon lavoro; in questo modo acquisiremo maggiore sicurezza al momento di affrontarlo, quindi probabilmente avremo una prestazione migliore.

Conclusioni

Programmare la giornata favorisce le profezie autoavveranti. È un modo per dirigere pensieri e comportamenti con l’aiuto dell’inconscio.

Ciò con cui nutriamo la mente, verso cui dirigiamo l’attenzione è ciò che finiamo per vedere nella nostra realtà: concentriamoci dunque sulla creazione e sulla proiezione dei migliori scenari possibili per noi stessi.

Potrebbe interessarti ...
Ultimo pensiero della giornata: è il più importante?
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
Ultimo pensiero della giornata: è il più importante?

L'ultimo pensiero della giornata è davvero il più importante. O le più lo stato mentale ed emotivo con il quale ci addormentiamo?



  • Sciotto, E. A., & Niripil, E. (2018). Ondas cerebrales, conciencia y cognición. Organización para la Prevención y Promoción de la Salud en la Educación.
  • Stinson, B., & Arthur, D. (2013). A novel EEG for alpha brain state training, neurobiofeedback and behavior change. Complementary therapies in clinical practice19(3), 114-118.
  • Moyano, N. C. (2011). Gratitud en la Psicoterapia Cognitiva: elementos para su inclusión. Psicodebate11, 9-26.

I contenuti di La mente è Meravigliosa hanno uno scopo puramente informativo ed educativo. Non sostituiscono la diagnosi, la consulenza o il trattamento professionale. In caso di dubbi, è consigliabile consultare uno specialista di fiducia.