Psicologia dell'odio

Oggi parliamo di uno dei sentimenti più distruttivi. Se volete saperne di più sul perché proviamo odio o su come ci influenza, non perdetevi questo articolo.
Psicologia dell'odio

Ultimo aggiornamento: 14 luglio, 2022

Avete mai sentito parlare della psicologia dell’odio? La nostra singolare capacità comunicativa e i mezzi di cui disponiamo ci permettono di conoscere buona parte delle emozioni e dei sentimenti che influenzano le nostre interazioni sociali.

Per fortuna, la maggior parte di essi sono positivi, aiutano a crescere e danno valore e importanza a chi si lascia permeare da essi. L’amore ne è un chiaro esempio.

Questo sentimento ha ricevuto enorme attenzione non solo dagli studi sulle relazioni umane, ma anche dall’industria dei consumi. Ma cosa ne è dell’altra faccia della medaglia: l’odio? Che posto occupa nello studio dell’esistenza umana?

Numerose e disparate fonti ci permette di capire l’amore: romanzi, film, ricerche scientifiche e filosofiche, ecc. Ma che dire dell’odio? Quali materiali consultiamo per capire la psicologia dell’odio?

Cos’è l’odio?

Esistono molte definizioni del termine “odio”. È stato considerato in molteplici modi: come atteggiamento emotivo, giudizio normativo, sentimento, motivazione, valutazione generalizzata, etc.

Nonostante le discrepanze concettuali, una componente è sempre presente: il desiderio di ferire l’altro. Questo desiderio può essere un mezzo per un fine o un fine in sé.

In altre parole, possiamo desiderare di danneggiare un altro per ripristinare un ordine stabilito, elevarci, ottenere piacere, affermare la nostra autonomia o prevenire l’abbandono. In tutti questi casi, indipendentemente dall’intento, lo scopo è quello di nuocere.

A livello interpersonale, l’odio svolge diverse funzioni come autoriparazione, vendetta, comunicazione di stati emotivi o ripristino dell’autonomia. A livello intergruppo, è stato considerato un mezzo funzionale per comportamenti politici, come l’affiliazione e la coesione all’interno del gruppo.

Inteso come sentimento a breve o lungo termine, l’odio è alterato e intensificato da altre emozioni, come vendetta, rabbia, disprezzo. Diversi fattori intervengono nella complessità, cronicità e stabilità di questo sentimento, soprattutto a livello motivazionale.

L’odio, pertanto, è influenzato dalla motivazione che intensifica le tendenze di base all’azione. Roseman (2008) ha suggerito che queste tendenze all’azione sono una parte intrinseca dell’esperienza emotiva e le ha etichettate come componenti “emotive” del sistema emotivo.

Sebbene l’odio sia influenzato da altre emozioni, come rabbia, antipatia e disprezzo, non dovrebbe essere identificato con esse. La ricerca scientifica rivela che l’odio è più eccitante rispetto a queste tre emozioni morali ed è più vicino al disprezzo che alla rabbia e al disgusto.

Una vera sorpresa! Il buon senso ci dice che è più simile alla rabbia, ma la ricerca afferma il contrario. Come spesso accade, il nostro buon senso non sempre indovina.

Uomo e donna arrabbiati che si voltano le spalle a vicenda.
L’odio avvelena lo stato d’animo, rende diffidenti e talvolta aggressivi.

Psicologia dell’odio: differenze tra odio e rabbia

L’odio e la rabbia si distinguono in quanto a valutazione, tendenze all’azione e obiettivi motivazionali. Per quanto riguarda le valutazioni, la condotta iraconda è descritta come influenzabile e modificabile.

Nel caso dell’odio, invece, la condotta è considerata stabile e incapace di alterare le sue caratteristiche negative. Inoltre, queste valutazioni sono dirette alla persona e non alle sue azioni, come nel caso della rabbia.

In relazione alle tendenze all’azione e agli obiettivi motivazionali, l’odio differisce dalla rabbia in quanto mira a danneggiare, umiliare o distruggere (uccidere) l’altro, mentre la rabbia mira a costringere l’altro ad agire in un dato modo. Sebbene entrambi abbiano alcune somiglianze, i loro obiettivi emotivi sono totalmente diversi.

Correlato neurale nella psicologia dell’odio

In una ricerca è stato riscontrato che vedere una faccia odiata aumenta l’attività del giro frontale mediale, nello specifico a carico di putamen destro, corteccia premotoria, lobo frontale e insula mediale.

I ricercatori hanno anche scoperto tre aree in cui l’attivazione è correlata linearmente con i livelli di odio: l’insula destra, la corteccia premotoria destra e il giro frontomediale destro.

La ricerca mostra che esiste un modello unico di attività cerebrale quando la persona prova odio. Sebbene questo schema sia diverso da quello associato all’amore romantico, i due condividono due aree: il putamen e l’insula.

Psicologia dell’odio e teoria del triangolo

Come la teoria triangolare dell’amore, anche l’odio ha una struttura triangolare secondo il modello teorico di Sternberg. Le tre componenti di questa struttura sono: intimità, passione e impegno. Nel caso dell’odio, questi sono presentati nella loro versione negativa.

Intimità

La prima componente dell’odio è la negazione dell’intimità. Se nell’amore, l’intimità implica vicinanza emotiva, nel caso dell’odio, la sua negazione implica una ricerca attiva del distanziamento emotivo, del distacco.

Questa distanza è dovuta al fatto che l’individuo o il gruppo suscita repulsione o disgusto in coloro che provano odio. Questi sentimenti possono rimanere dormienti per anni.

Passione

La passione nell’odio è fatta di paura o rabbia in risposta a una minaccia. La rabbia porta ad avvicinarsi all’oggetto odiato per attaccarlo o distruggerlo, mentre la paura porta al suo evitamento.

La reazione di lotta e fuga fa parte dell’odio, perché la persona è percepita come un pericolo reale o immaginario, quindi bisogna scappare o eliminarla.

Impegno

Questa componente è caratterizzata da svalutazioni e atteggiamenti di disprezzo verso ciò che si odia, sia esso un gruppo o una persona. È molto comune che l’oggetto odiato sia visto come subumano.

L’obiettivo di coloro i quali promuovono l’odio è che il gruppo o la persona vengano svalutati anche dagli altri e percepiti come qualcosa da rifiutare, distruggere o danneggiare.

Uomo arrabbiato che urla.
L’odio è un’emozione sociale che sorge di fronte a ingiustizia, disprezzo o vergogna.

Come nella teoria triangolare dell’amore, la combinazione di queste tre componenti forma diversi tipi di odio:

  • Freddo: disgusto (negazione dell’intimità). Caratterizzato da sentimenti di disgusto.
  • Caldo: rabbia/paura (passione). È caratterizzato da sentimenti di rabbia o paura. La reazione può essere fuga o attacco.
  • Freddo: svalutazione / diminuzione (impegno). Questo tipo di odio freddo si basa su pensieri di indegnità nei confronti della persona o del gruppo odiati.
  • Bollente: disgusto (negazione dell’intimità + passione). È caratterizzato da sentimenti di disgusto in combinazione con rabbia o paura verso l’oggetto odiato.
  • Sobbollire: disgusto (negazione dell’intimità + impegno). Si basa su sentimenti di avversione e pensieri di indegnità nei confronti della persona o del gruppo odiato. Vi sono anche sentimenti di disgusto.
  • Bollente: insulto (passione + impegno). La persona odiata rappresenta una minaccia, lo è sempre stata e sempre lo sarà.
  • Bruciore: annientamento (negazione dell’intimità + passione + impegno). È caratterizzato da un veemente desiderio di distruggere l’altro, di annientarlo.

Conclusioni

L’odio è un sentimento che ha causato molta distruzione sul nostro pianeta, non solo ha provocato la morte di milioni di vite umane, ma anche animali.

Sebbene questo sentimento si sia evoluto per scopi adattativi, il modo in cui lo usiamo influenza non solo la nostra sopravvivenza in quanto a individui, ma anche come specie.

Potrebbe interessarti ...
Odio di sé: persone che detestano se stesse
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
Odio di sé: persone che detestano se stesse

L'odio di sé è il verme che rovina tutto, la voce interiore che avvelena e spegne i potenziali, il valore e le opportunità.



  • Aumer, K. (2016). The psychology of love and hate in intimate relationships. Springer.
  • Fischer, A., Halperin, E., Canetti, D., & Jasini, A. (2018). Why we hate. Emotion Review10(4), 309-320.
  • Martínez, C. A., van Prooijen, J. W., & Van Lange, P. A. (2021). Hate: Toward understanding its distinctive features across interpersonal and intergroup targets. Emotion.
  • Roseman, I. J. (2008). Motivations and emotions: Approach, avoidance, and other tendencies in motivated and emotional behavior. In A. J. Elliot (Ed.), Handbook of approach and avoidance motivation (pp. 343–366). New York: Psychology Press.
  • Sternberg, R. J., & Sternberg, K. (2008). The nature of hate. Cambridge University Press.