Quando è bene andare dallo psicologo?

· 16 gennaio 2015

Anche se viviamo in una società sempre più aperta, esistono ancora false credenze riguardo agli psicologi e ai loro pazienti. Al contrario di quanto spesso si crede, chi si rivolge ad un professionista per avere aiuto psicologico non deve per forza essere “pazzo” o disperato, e naturalmente non bisogna nemmeno andare dallo psicologo ogni volta che ci troviamo di fronte a una situazione complicata.

Ci sono dei momenti in cui è bene richiedere il supporto di uno psicologo per andare avanti e superare alcune situazioni che ci stanno facendo male. I casi in cui sarebbe bene iniziare una terapia psicologica sono i seguenti.

Casi in cui una persona dovrebbe andare dallo psicologo

Idee e sentimenti negativi

Quando stiamo male con noi stessi, non ci piace la persona che siamo o ci sottovalutiamo costantemente o per un lungo periodo. Tra i sentimenti negativi che possiamo individuare come segnale d’allarme ci sono la solitudine, la tristezza, le idee fataliste sul nostro futuro, paure irrazionali e in generale qualsiasi sentimento che arrivi ad avere delle ripercussioni negative sulla nostra quotidianità.

Abuso di sostanze

L’assunzione eccessiva di sostanze come droghe, alcol, tabacco o qualsiasi sostanza che danneggi il nostro organismo e che non sia prescritta dal medico è un altro dei casi in cui uno psicologo ci può aiutare a uscire da questo circolo vizioso. In questo punto rientrano anche altri tipi di abusi e dipendenze, come quelli dal cibo o al sesso. In tutti questi casi, lo studio dello psicologo può essere un integratore ideale di altri trattamenti e questo professionista può collaborare con altri dottori o specialisti.

Lutti ed eventi traumatici

La perdita di un nostro caro può generare seri conflitti emotivi da cui è molto difficile uscire e andare avanti. Quando ci rendiamo conto che non riusciamo a superare una perdita, è una buona idea cercare l’aiuto di uno specialista che ci aiuti a ritrovare l’equilibrio emotivo di cui abbiamo bisogno. Nel caso della morte di un nostro caro, possiamo recarci anche dallo psicologo tanatologo, ma uno psicologo clinico può essere d’aiuto in ogni caso.

Alterazioni del comportamento

Identificare quali sono le situazioni in cui delle alterazioni nel nostro comportamento rendono necessario andare dallo psicologo può essere complicato. Questo è dovuto al fatto che tutti cambiamo costantemente, fa parte della nostra evoluzione come persone. Tuttavia, alcuni cambiamenti possono indicarci la necessità di andare da uno specialista. Alcune di queste situazioni sono gli sbalzi costanti e ingiustificato dell’umore oppure le alterazioni nella nostra condotta che generano problemi o isolamento ingiustificato.

Lo studio dello psicologo è uno strumento

Dobbiamo vedere lo psicologo come uno strumento che ci aiuterà a ritrovare l’equilibrio quando ne abbiamo bisogno. E allo stesso tempo, dobbiamo essere coscienti del fatto che in alcuni casi lo psicologo è solo il primo passo per identificare problemi più seri che potrebbero richiedere l’intervento di altri specialisti.

È bene comprendere che andare dallo psicologo deve essere visto come un modo per migliorare la nostra vita e non un motivo di vergogna o di critiche perché stiamo mettendo i nostri problemi nelle mani di un’altra persona.