Quando eravamo bulli: il documentario che racconta l'altra parte del bullismo

Il regista di documentari Jay Rosenblatt, in “Quando eravamo bulli”, torna sulla scena di un terribile episodio di bullismo. Lo fa per costruire e condividere un resoconto molto personale di quello che è successo.
Quando eravamo bulli: il documentario che racconta l'altra parte del bullismo
Cristina Roda Rivera

Scritto e verificato da la psicologa Cristina Roda Rivera.

Ultimo aggiornamento: 15 dicembre, 2022

When We Were Bullies  (Quando eravamo bulli) è un documentario della HBO con una nuova premessa. Qual è l’effetto del bullismo sulle persone che lo hanno perpetrato e permesso? Ricordano gli eventi? E se lo fanno, ricordano il loro ruolo nel bullismo o l’hanno dimenticato?

Molti documentari e film si sono concentrati sugli effetti del bullismo sulle vittime. È logico che il nostro sguardo si poggi su di loro, poiché è ciò che produce in noi empatia. Tuttavia, vedere l’umanità e i sentimenti di chi abusa in un dato momento può essere molto spaventoso.

Non immaginiamo che l’effetto della disumanizzazione e del senso di colpa sia molto maggiore nel tempo tra coloro che hanno perpetrato il bullismo che tra coloro che lo hanno ricevuto. Possono avere delle conseguenze, ma possono superare con un aiuto professionale, oltre a potersi concentrare sulla guarigione e riacquisire fiducia.

Le norme morali sono più importanti man mano che cresciamo e ad un certo punto della vita, gli atti che sono stati compiuti durante l’infanzia o la giovinezza possono pesare sulle spalle. Molto più del previsto e di quanto non speravamo.

Riconoscere se stessi come qualcuno con cattive intenzioni e capace di abusare di qualcuno in una situazione in cui quella persona è vulnerabile può diventare un ricordo terrificante nella vita adulta. Sia per chi ha commesso molestie sia per chi le ha permesse.

Ragazzo spaventato seduto sul pavimento
Si ritiene che tra il 15% e il 50% dei bambini e dei giovani potrebbero essere stati vittime di bullismo.

Quando eravamo bulli, una prospettiva diversa

Il documentario di Jay Rosenblatt, candidato agli Oscar, inizia con il regista e il suo amico Richard J. Silberg che scalano la recinzione di una scuola a Brooklyn, New York. I sessantenni lottano per tornare sulla scena di un assalto al cortile della scuola nel 1965, quando erano in quinta elementare. È stato un episodio di bullismo la cui memoria il regista Rosenblatt aveva soppresso per molti anni. Ma una volta tornato a galla, non riusciva più a togliersi quell’episodio dalla mente.

In When We Were Bullies (Quando eravamo bulli), Rosenblatt riflette su come una serie di coincidenze negli ultimi due decenni lo abbia portato a voler provare a mettere insieme quello che è successo da bambino.

Sapevo che era in qualche modo complice dell’intera classe che circondava, derideva e attaccava fisicamente un ragazzo di nome Richard (sfortunatamente, gli insegnanti lo soprannominavano Dick per differenziarlo dagli altri tre Richard della classe). Tuttavia, i dettagli di quegli episodi erano nascosti da qualche parte nel profondo dei recessi della memoria di Rosenblatt.

Il ricordo di quello che è successo

Più di mezzo secolo dopo, Jay Rosenblatt rivisita l’orribile evento nel cortile della scuola per il suo documentario. Rosenblatt ha rintracciato 20 ex compagni di classe per chiedere come ricordano il loro comportamento quel giorno più di 50 anni fa e come si sono sentiti dopo che la loro insegnante, la signora Bromberg, li ha puniti chiamando l’intera classe “animali”.

È interessante notare la scelta di non intervistare la vittima, poiché i temi del film ruotano attorno alla complicità e alla collaborazione che derivano da una mentalità da “mafia” e dall’impatto duraturo di tali eventi dell’infanzia sui colpevoli.

L’episodio della violenza in sé era tutt’altro che un momento decisivo nella giovinezza di Rosenblatt, non solo perché il bullismo era un evento abbastanza regolare all’epoca, ma perché il suo fratellino morì durante quello che avrebbe dovuto essere un intervento chirurgico di routine per la colite. Fu quella tragedia che cambiò completamente la sua infanzia ed era il ricordo di questo evento stesso che era “fresco” nella sua mente.

Tuttavia, l’episodio di bullismo è rimasto sommerso fino agli anni ’90, quando Rosenblatt stava lavorando a The Smell of Burning Ants, che lo ha reso una figura all’interno del mondo del cortometraggio sperimentale. Quel film ha esaminato la crudeltà e il dolore che i bambini hanno inflitto e di cui sono stati complici durante la loro crescita.

Quando eravamo bulli: una strana coincidenza

Durante la revisione delle immagini trovate di bambini che litigavano, un frammento ha innescato il ricordo dell’episodio di bullismo di un altro compagno di classe nella sua infanzia. Poi è arrivata una di quelle coincidenze piuttosto sorprendenti che alla fine hanno portato alla realizzazione di questo documentario.

Rosenblatt, che vive a San Francisco, ha incontrato Richard Silberg per discutere del lavoro. Si è scoperto che anche il signor Silberg era di Brooklyn. Jay Rosenblatt scoprì presto che non erano solo compagni di classe della quinta elementare.

Il signor Silberg fu l’istigatore di quel fatidico giorno e ricordò vividamente l’intero assalto. È stato quando il regista di documentari ha concentrato la telecamera sul suo passato per cercare di capire come lui e i suoi compagni di classe ricordavano quello che era successo.

L’idea di parlare di quello che è successo

In un’efficace scelta creativa del regista, sentiamo le voci adulte dei compagni di classe, ma vediamo solo i volti dei loro figli nella foto di classe dell’anno. La maggior parte di loro non aveva ricordi significativi del bullismo. Ma molti ricordavano Dick come molto intelligente, ma socialmente goffo e fastidioso.

Da bambini è possibile che abbiano usato la loro età come scusa per attaccare Dick. Tuttavia, secondo Rosenblatt, col senno di poi, si sono tutti pentiti di come è stato trattato il loro compagno di classe.

Da adulti, molti di noi possono riflettere sulla propria infanzia, incluso essere complici o silenziosi quando si verificava il bullismo. Ciò richiede un livello di maturità per osservare le nostre azioni.

Tuttavia, quando siamo bambini o adolescenti, la dissonanza cognitiva è spesso troppo difficile da superare. È difficile per i preadolescenti e gli adolescenti pensare a se stessi come una brava persona e allo stesso tempo affrontare il fatto di aver fatto qualcosa di crudele a un altro essere umano. Quando arriviamo agli adulti, dobbiamo iniziare ad affrontarlo.

Foto di bambini nel cortile della scuola
I bulli primari sono spesso bambini con bassa autostima e problemi di autocontrollo.

Il colloquio con l’insegnante

Il regista Rosenblatt è riuscito a intervistare la sua insegnante di quinta elementare, la signora Bromberg, poco prima che morisse. Scoprì che era ancora viva in quel momento.

Nonostante il ricordo del compagno di classe Silberg della signora Bromberg che chiamava con rabbia la classe “animali” e li picchiava, l’insegnante stessa non ricordava quel particolare episodio di bullismo. Per lei, era solo un altro esempio di studenti che si comportavano male durante la sua lunga carriera nel campo dell’istruzione.

Nella sua conversazione con Rosenblatt davanti alla telecamera, l’insegnante commenta il fatto che i bambini sembrano essere programmati per rilevare la vulnerabilità degli altri bambini. Tuttavia, questa è una visione piuttosto parziale dei fatti. Non tutti i giovani vulnerabili diventano automaticamente vittime di bullismo, che è l’abuso deliberato di potere per causare danni, fisici o di altro genere, e spesso viene fatto ripetutamente.

I bulli prendono anche coloro in cui producono una risposta o una reazione. Se una vittima mostra che i tentativi del bullo di intimidirla non funzionano, il bullo di solito indietreggia, anche se non sempre.

Raramente le molestie avvengono in privato. Ci sono sempre spettatori e quindi il bullismo deve essere affrontato da insegnanti e altri adulti responsabili con l’intero gruppo e non solo con la diade di autore e vittima.

Uno sguardo che bulli e i carnefici dovrebbero avere

Il modo in cui affrontiamo il bullismo invia un messaggio alle vittime, ai bulli e agli astanti. Con alti tassi di ansia, depressione e suicidio tra le vittime di bullismo, non possiamo permetterci che gli adulti si siedano in disparte.

Si potrebbe pensare che Rosenblatt si sarebbe avvicinato a Dick, vittima dell’incidente di bullismo nel cortile della scuola. Sebbene inizialmente avesse pensato di farlo, alla fine ha deciso che non era la mossa giusta. Dick non era il punto focale del film. Tenere Dick in disparte e non arrivare a nessun senso di chiusura ha reso il film più universale.

È una riflessione aperta per gli adulti che una volta hanno terrorizzato o ridicolizzato qualcuno. Ora forse sono genitori e si sentono disumanizzati per quella parte della loro vita in cui, quando erano prepotenti, hanno perso parte della loro umanità. Riflettere su di esso nel modo in cui propone questo documentario può essere curativo.

Potrebbe interessarti ...
Anoressia: 5 film per capire questo disturbo
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
Anoressia: 5 film per capire questo disturbo

Sebbene non vi siano molti film sull'anoressia, abbiamo stilato una breve lista di cinque film, al fine di sensibilizzare sul problema.



  • Brank, E. M., Hoetger, L. A., & Hazen, K. P. (2012). Bullying. Annual Review of Law and Social Science8, 213-230.
  • Gómez, A., Gala, F. J., Lupiani, M., Bernalte, A., Miret, M. T., Lupiani, S., & Barreto, M. C. (2007). El” bullying” y otras formas de violencia adolescente. Cuadernos de medicina forense, (48-49), 165-177.
  • Sánchez, V., Ortega, R., & Menesini, E. (2012). La competencia emocional de agresores y víctimas de bullying. Anales de Psicología/Annals of Psychology28(1), 71-82.

I contenuti di La mente è Meravigliosa hanno uno scopo puramente informativo ed educativo. Non sostituiscono la diagnosi, la consulenza o il trattamento professionale. In caso di dubbi, è consigliabile consultare uno specialista di fiducia.