Quoziente emotivo 2.0: che cos'è?

Avere una buona intelligenza emotiva può essere più decisivo che avere un QI geniale. Ma come possiao valutarlo? Come possiamo sapere chi ha buone capacità emotive? Ve lo spieghiamo di seguito.
Quoziente emotivo 2.0: che cos'è?
Valeria Sabater

Scritto e verificato da la psicologa Valeria Sabater.

Ultimo aggiornamento: 22 gennaio, 2023

Entrare in empatia con chi ci circonda, essere persone socialmente responsabili, saper comunicare ciò che vogliamo esprimere. E ancora, essere in grado di regolare le nostre emozioni per prendere decisioni più efficaci e ponderate. Tutte queste competenze ci permetterebbero di navigare molto meglio nel viaggio della vita, ma come facciamo a sapere se siamo abili in questa serie di dimensioni o se dovremmo lavorarci molto di più? Qual è il nostro quoziente emotivo?

La verità è che esistono molteplici strumenti per valutare l’intelligenza emotiva, sia nei bambini che negli adulti. Tuttavia, non tutte queste risorse sono valide o efficaci. Molti di questi test sono organizzati in domande generali con le quali si ottengono punteggi distorti. Sono i classici test che tutti possiamo trovare online e che mancano di rigore scientifico.

È utile sapere che abbiamo passato molti decenni a cercare di capire se l’intelligenza emotiva è un costrutto scientifico che può essere misurato.

Da quando Mayer, Caruso e Salovey lo hanno descritto negli anni ’90 e Daniel Goleman lo ha reso popolare con i suoi libri, ci sono stati molti tentativi di sviluppare un test valido per valutarlo. Attualmente disponiamo dell’inventario EQ-I 2.0, che si pone come il più utilizzato e quello con la maggiore affidabilità. Scopriamone di più.

“L’intelligenza emotiva definisce un ‘pensatore con un cuore’ che percepisce, comprende e gestisce efficacemente l’arte delle relazioni sociali.”

-Mayer e Salovey-

Inventario del quoziente emotivo 2.0
L’Emotional Quotient Inventory 2.0 attinge a più di vent’anni di ricerca.

Emotional Quotient Inventory 2.0: a quale scopo?

Reuven Bar-On è uno psicologo israeliano e uno dei pionieri più importanti nella ricerca sull’intelligenza emotiva. Potremmo dire che è, insieme allo stesso Goleman e Mayer, Caruso e Salovey, un’altra delle figure più importanti in questo campo. È colui che ha sviluppato l’inventario del quoziente emotivo 2.0, uno degli strumenti più efficaci e attualmente utilizzati in questo ambito.

Il Dr. Bar-On ha pubblicato uno studio nel 2014 in cui ha descritto questo strumento che mira a valutare comportamenti emotivamente e socialmente intelligenti. Va notato che questa risorsa ha alle spalle più di 20 anni di ricerca e che rende più facile, ad esempio, sapere in quali aree ci distinguiamo di più e quali dimensioni in questa materia dovremmo migliorare.

L’Emotional Quotient Inventory 2.0 può essere applicato dall’età di 16 anni e la sua somministrazione richiederebbe poco più di mezz’ora. Con esso possiamo ottenere informazioni sulle nostre capacità emotive associate alle relazioni, al lavoro e alla vita in generale.

“Una visione della natura umana che ignora il potere delle emozioni è purtroppo miope.”

-Daniel Goleman-

Scale e sottoscale EQ-i 2.0

L’inventario EQ-I 2.0 valuta 15 competenze che sono organizzate in 5 aree molto specifiche. Va notato che questo modello per l’analisi dell’intelligenza emotiva delle persone non si concentra su quelle aree che Daniel Goleman ha introdotto nel suo lavoro. Reuven Bar-On è noto per aver definito il terzo modello principale di intelligenza emotiva e aver completato il modello originale.

Analizziamo le scale che compongono questo strumento.

1. Autopercezione

L’auto-percezione definisce la nostra capacità di comprendere ed essere consapevoli delle nostre capacità, abilità e competenze. È anche la visione che abbiamo di noi stessi, una qualità essenziale per saperci muovere nelle nostre relazioni e sfide quotidiane. Inoltre, questa scala è composta da tre sottoscale:

  • Autostima: valutazione che le persone hanno di noi stessi.
  • Realizzazione di sé. Dovremmo tutti avere una buona disposizione per cercare di migliorare e raggiungere i nostri obiettivi vitali.
  • Autoconsapevolezza emotiva. Essere consapevoli e capire cosa proviamo, cosa ci accade e di cosa abbiamo bisogno è un pilastro fondamentale dell’intelligenza emotiva.

2. Abilità interpersonali e quoziente emotivo

Come possiamo migliorare le nostre relazioni affettive? In quali modi potremmo avere più successo sul lavoro? Come affrontare i disaccordi, i problemi e le differenze con le persone che ci circondano?

Le abilità interpersonali costituiscono questo strumento di base all’interno del modello di intelligenza emotiva Reuven Bar-On e sono composte dalle seguenti sottoscale:

  • Capacità di relazionarsi. Definisce quelle competenze che molti applicano naturalmente quando interagiscono con gli altri e che è più difficile per gli altri utilizzare in modo efficace.
  • Empatia. All’interno dell’inventario del quoziente emotivo 2.0, sapersi connettere e comprendere con le realtà emotive degli altri è una dimensione decisiva.
  • Responsabilità sociale. In questo caso, la persona socialmente responsabile è colui che ha le capacità per arricchire la nostra società, essendo sensibile al benessere degli altri, praticando il rispetto, la giustizia, l’altruismo, ecc.

3. Autoespressione e quoziente emotivo

Una caratteristica che molti di noi dovrebbero migliorare è l’autoespressione emotiva. Non è facile saper esprimere ciò che sentiamo, pretendere ciò di cui abbiamo bisogno o comunicare emozioni difficili quando le proviamo senza arrecare danno all’altro. Si tratta di una competenza di vita che configura una scala decisiva in questo strumento e che si compone delle sottoscale:

  • Assertività: vi considerate in grado di comunicare ciò che pensate/sentite e desiderate con rispetto e in modo costruttivo?
  • Indipendenza. Questa sottoscala misura l’attitudine ad essere autonomi e non essere emotivamente dipendenti dagli altri.
  • espressività emotiva. Le persone devono essere efficaci nell’esprimere le nostre emozioni sia verbalmente che non verbalmente.

4. Processo decisionale

Nessuno di solito ci insegna come prendere buone decisioni. Stabiliamo questo apprendimento attraverso prove ed errori e con una buona dose di riflessione e consapevolezza di sé.

Saper decidere attraverso la riflessione, l’analisi e persino l’intuizione costituisce una dimensione decisiva dell’Emotional Quotient Inventory 2.0. Le sue sottoscale sono le seguenti:

  • Risoluzione del problema. Di fronte a qualsiasi sfida o difficoltà, è essenziale sapere come regolare sia gli impulsi che le emozioni. Solo allora riusciremo a gestire con successo problemi grandi e piccoli.
  • controllo dell’impulso. Ci sono quelli che, a causa della loro personalità, si abituano a rispondere in modo impulsivo a quasi ogni parte della loro vita. Tutto questo lo porta a più di un rimpianto. Essere emotivamente abili richiede anche la padronanza di questa dimensione.
  • Saper contrastare la realtà. Le persone devono sviluppare una buona capacità di filtrare la realtà oggettivamente e non tanto attraverso le nostre emozioni.

Reuven Bar-On è l’unico psicologo a formulare e includere l’ottimismo come variabile critica nel suo modello di intelligenza emotiva. Per questo esperto, questa dimensione è essenziale per gestire i problemi.

5. Gestione dello stress

Il fatto che l’Emotional Quotient Inventory 2.0 includa questa dimensione lo arricchisce e lo rende davvero utile. Attualmente, tutti abbiamo bisogno di sapere come comprendere e regolare i nostri stati di stress.

L’intelligenza emotiva ci insegna anche come temperare i pensieri irrazionali e quegli stati interni che ci fanno perdere il controllo sulla nostra vita.

  • Flessibilità. La mente flessibile sa adattarsi all’incertezza e a qualsiasi sfida, evitando blocchi o comportamenti di evitamento.
  • Tolleranza allo stress. Che ci piaccia o no, lo stress fa parte della vita. La chiave è sapere come regolarlo prima che qualsiasi circostanza ci travolga.
  • Ottimismo. Un atteggiamento positivo e fiducioso ci permette di affrontare al meglio qualsiasi problema.
Cervello con un cuore che simboleggia l'inventario del quoziente emotivo 2.0
Gli strumenti per valutare l’intelligenza emotiva ci permettono di scoprire quali sono le aree su cui dovremmo lavorare molto di più.

Quoziente emotivo: è uno strumento affidabile?

L’EQ-i 2.0 è stato sviluppato e applicato per la prima volta nella popolazione statunitense. Tuttavia, nel corso degli anni, questo inventario è stato convalidato in tutti i paesi e rappresenta lo strumento più utilizzato per misurare l’intelligenza emotiva.

Questo è un test coerente con una buona validità che è stato efficace in qualsiasi cultura. Viene frequentemente utilizzato sia in contesti educativi che soprattutto in ambienti di lavoro. Ad esempio, rende più facile migliorare le capacità di leadership dei dipendenti e persino ottimizzare le prestazioni dei team di lavoro.

Per concludere, si tratta di uno strumento di facile applicazione e che può fornirci informazioni molto utili, soprattutto per sapere quali aree dobbiamo migliorare per investire in benessere e felicità.

Potrebbe interessarti ...
L’importanza dell’intelligenza emotiva
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
L’importanza dell’intelligenza emotiva

Intelligenza emotiva: essere in grado di gestire le proprie emozioni e manifestarle in modo consono



  • Bar-On, R. (2004). The Bar-On Emotional Quotient Inventory (EQ-i): Rationale, description and psychometric properties. In G. Geher (Ed.), Measuring emotional intelligence: Common ground and controversy. Hauppauge, NY: Nova Science.
  • Bar-On, R. (2006). The Bar-On model of emotional-social intelligence (ESI). Psicothema, 18 , supl., 13-25.
  • Butler, C. J., & Chinowsky, P. S. (2006). Emotional intelligence and leadership behavior in construction executives. Journal of Management in Engineering, 22(3), 119-125.
  • Day, A. L., Therrien, D. L. & Carroll, S. A. (2005). Predicting psychological health: Assessing the incremental validity of emotional intelligence beyond personality, Type A behaviour, and daily hassles. European Journal of Personality19(6), 519-536.
  • Van Zyl, Casper. (2014). The psychometric properties of the Emotional Quotient Inventory 2.0 in South Africa. South African Journal of Industrial Psychology. 40. 10.4102/sajip.v40i1.1192.

I contenuti di La mente è Meravigliosa hanno uno scopo puramente informativo ed educativo. Non sostituiscono la diagnosi, la consulenza o il trattamento professionale. In caso di dubbi, è consigliabile consultare uno specialista di fiducia.