Relazione madre figlio durante l'infanzia

Lo psicoanalista René Spitz si è distinto per la sua ricerca sul rapporto madre-figlio. Cosa lo ha portato a dedicarti a questo argomento?
Relazione madre figlio durante l'infanzia

Ultimo aggiornamento: 12 gennaio, 2022

René Spitz è stato uno psicoanalista americano che ha dato contributi molto interessanti in merito alle relazioni durante l’infanzia, in particolare la relazione madre figlio.

In un primo momento Spitz era uno studente di medicina, ma quando scoprì il lavoro di Sigmund Freud, cambiò rotta verso l’universo della psicoanalisi. Durante gli studi, Spitz incontrò Freud poiché desiderava approfondire se stesso per diventare un buon psicoanalista.

Sebbene la sua carriera fosse stata interrotta a causa della prima guerra mondiale, la riprese quattro anni dopo la fine del conflitto. Desiderava diventare insegnante.

Voleva condividere le conoscenze acquisite su di sé per aiutare gli altri a conoscere se stessi e a diventare psicoanalisti. Il suo lavoro, tuttavia, si concentrava su una fase essenziale della vita dell’essere umano: l’infanzia.

René Spitz, un insegnante molto stimato

Nel 1926 Spitz divenne membro della Società Psicoanalitica Viennese. Quattro anni dopo, proseguì la ricerca che stava conducendo presso la Società Psicoanalitica Tedesca. Fu solo nel 1932 che iniziò a lavorare come insegnante a Parigi.

Il suo lavoro e la sua passione per la psicologia resero René Spitz un insegnante molto stimato da tutti i suoi studenti.

Con il passare del tempo, le sue ricerche proseguirono. Tuttavia, fu dopo la guerra e il suo trasferimento in America che si interessò al rapporto madre figlio durante l’infanzia.

Dopo essere stato assunto come professore all’Università del Colorado, iniziò a lavorare con i bambini orfani per rispondere a domande quali: Come si sente un bambino che non ha genitori e che non ha avuto una famiglia (e come capire questo concetto )?

Padre che tiene la mano di suo figlio.

Depressione anaclitica e ospedalizzazione

Le ricerche svolte da René Spitz hanno permesso la nascita di due nuovi concetti:

  • Depressione anaclitica.
  • Sindrome da ospedalizzazione.

La depressione anaclitica si riferisce al quadro depressivo che i bambini presentano durante i primi mesi di vita. Si deve alla prolungata separazione dalla madre e alla mancanza di cure affettive che ne deriva.

La sindrome da ospedalizzazione si riferisce al ricovero urgente che una madre può richiedere e che la costringe a separarsi dal figlio. Questa situazione potrebbe causare una depressione anaclitica nei bambini, un termine che abbiamo già trattato.

Oltre a tutti gli studi svolti, René Spitz è stato autore di rapporti e pubblicazioni su rinomate riviste legate al suo campo di ricerca. Il suo lavoro era così popolare che nel 1962 fu nominato presidente della Denver Psychoanalytic Society.

René Spitz ha dato un contributo molto importante al trattamento della relazione madre figlio durante l’infanzia. Allo stesso modo, è stato il primo autore a valutare la presenza di disturbi psichiatrici nei bambini, poiché fino ad ora questi erano presi in considerazione solo nella popolazione adulta.

Come dato curioso, possiamo dire che il suo lavoro si integra perfettamente con quello di Bowlby. Per questo motivo in molte pubblicazioni i due autori vengono discussi insieme.

Il rapporto madre figlio secondo René Spitz

René Spitz ha studiato il modo in cui la separazione anticipata dalla madre influisce sui primi mesi di vita del bambino.

Lo psicoanalista è giunto alla conclusione che la mancanza di protezione, affetto e attaccamento potrebbe portare alla morte a causa della possibile depressione anaclitica.

Allora cosa è successo ai bambini orfani o le cui madri si sono separate da loro e non si occupavano dei loro bisogni? In molti casi sono diventati violenti, insicuri, freddi e distanti con gli altri.

Spitz riteneva che questi bambini fossero molto propensi a riprodurre il comportamento delle madri. Il tempo da dedicare ai minori era ritenuto da lui molto importante. Non a caso, ci ha lasciato la seguente frase:

“Anche se sei molto impegnato, dovresti sempre avere il tempo di far sentire importante qualcuno.”

Relazione madre figlio.

Conclusioni

L’incontro con Freud ha segnato un prima e un dopo nella vita di René Spitz. L’inizio di una vita dedicata alla psicoanalisi e all’indagine del rapporto tra i bambini e le loro madri durante l’infanzia. Il suo lavoro viene consultato ancora oggi da molti ricercatori.

Potrebbe interessarti ...
Come influisce la depressione sulla relazione madre-figlio
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
Come influisce la depressione sulla relazione madre-figlio

Cosa succede quando la depressione influisce sulla relazione tra madre e figlio? Possiamo fare qualcosa a riguardo? Vediamo come comportarci.



  • Betancourt, L. (2009). Autismo, depresión anaclítica y prevención en salud mental infantil. Revista colombiana de Psiquiatría38(1).
  • Bonet de Luna, C., Fernández García, M., & Chamón Parra, M. (2011). Depresión, ansiedad y separación en la infancia: Aspectos prácticos para pediatras ocupados. Pediatría Atención Primaria13(51), 471-489.
  • Briolotti, Ana Soledad. (2016). El problema del hospitalismo en la medicina rioplatense y el rol de los saberes psi en la subjetivación de la maternidad y la infancia (1933-1965). Revista Ciencias de la Salud14(3), 423-438. https://dx.doi.org/10.12804/revsalud14.03.2016.10
  • Galán, A. (2010). El apego: Más allá de un concepto inspirador. Revista de la Asociación Española de Neuropsiquiatría30(4), 581-595.
  • Martínez Herrera, M. (2014). Psicopatología y “teoría de las relaciones objetales”. Revista de Ciencias Sociales (Cr)2(144).
  • Mendiola, Rosario. (2008). Teoría del apego y psicoanálisis. Clínica y Salud19(1), 131-134. Recuperado en 11 de febrero de 2019, de http://scielo.isciii.es/scielo.php?script=sci_arttext&pid=S1130-52742008000100007&lng=es&tlng=es.
  • Vega, Verónica C., Roitman, Denise, & Barrionuevo, José A.. (2011). Influencias del apego a la madre en el vínculo con los pares en la adolescencia: Diferencias entre una muestra femenina clínica y no clínica. Anuario de investigaciones18, 381-388. Recuperado en 11 de febrero de 2019, de http://www.scielo.org.ar/scielo.php?script=sci_arttext&pid=S1851-16862011000100042&lng=es&tlng=es.