Scopaesthesia: quando ci sentiamo osservati

Senza sapere come, a volte abbiamo la sensazione che qualcuno ci stia osservando. Questa sensazione talmente difficile da definire e così strana è un meccanismo di difesa del cervello, finalizzato a uno scopo per preciso: tenerci vigili.
Scopaesthesia: quando ci sentiamo osservati

Ultimo aggiornamento: 16 giugno, 2021

La scopaesthesia è l’etichetta attribuita alla sensazione di essere osservati. Tutti l’abbiamo provata più di una volta; è come un terzo occhio mentale in grado di percepire al di là del nostro normale campo visivo, per avvertirci che qualcosa sta accadendo. Ebbene, si tratta di un qualche potere psichico?

La risposta è no. La scopaesthesia è una tipologia di sensazione, non una capacità fuori dal normale in grado di permetterci di presagire che qualcuno ci sta osservando senza che lo vediamo. A volte -bisogna dirlo- abbiamo ragione. A volte basta girare la testa per scoprire che, in effetti, c’è qualcuno che ci sta seguendo o che ci osserva da lontano.

Ma potremmo anche sbagliarci. Quella sensazione può diventare reale, ma è comunque interessante conoscere un aspetto su questo fenomeno. In realtà ha una finalità ben specifica che non è altro se non quella di farci rimanere vigili.

Il nostro cervello anticipa costantemente i rischi e, dunque, la scopaesthesia non è altro che un meccanismo ereditato dai nostri antenati. Scopriamo altre informazioni su questo argomento. 

Le persone sono diffidenti per la natura e la scopaesthesia è un riflesso di questa diffidenza.

Sentirsi osservati.

Scopaesthesia: quando mi sento osservato

Uno dei primi a studiare il fenomeno della scopaesthesia fu Edward Titchener. Questo noto psicologo della fine del XX secolo è stato anche il fondatore della psicologia strutturalista, nonché una delle figure che ha approfondito maggiormente lo studio della mente e anche il fenomeno dell’introspezione.

Nel 1898 decise di pubblicare uno studio sulla scopaesthesia, dopo avere conosciuta tante persone che affermavano di sentirsi osservate o, ancora peggio, di poter capire quando qualcuno le stava osservando senza alcun bisogno di voltarsi. Tichener non credeva a questi fenomeni extrasensoriali, ma da bravo scienziato, per prima cosa avrebbe dovuto dimostrare con dati scientifici se questa abilità fosse reale oppure no.

Il suo studio venne pubblicato sulla rivista Science, e in molti lo percepirono come uno dei lavori più interessanti portati a termine dalla psicologia della percezione. Le conclusioni a cui arrivò sono le seguenti.

Ciò che succede alle nostre spalle ci preoccupa

C’è chi ritiene che il fenomeno della scopaesthesia non sia altro che un fenomeno di egocentrismo. Pensare di essere il centro degli sguardi altrui. Ebbene questa convinzione non è completamente vera né si adatta a ciò che ci dicono gli scienziati. Lo stesso Edward Titchener segnalò a suo tempo che questa esperienza non è altro che un ulteriore meccanismo di sopravvivenza.

Tutto quello che succede alle nostre spalle può essere pericoloso. La nostra mente lo sa, il cervello ha il controllo visivo su tutto ciò che abbiamo di fronte, ecco perché a volte ci fa percepire di essere osservati, per metterci in allarme nel caso in cui dobbiamo difenderci o scappare.

La nostra percezione al di là di ciò che vediamo e il fenomeno della scopaesthesia

Le persone non sono dotate solo di 5 sensi. L’essere umano è in grado di percepire qualcosa che va oltre i suoi stessi occhi, le sue mani, il suo olfatto, l’udito o il tatto. Inoltre, è interessante sapere che siamo dotati all’incirca di 26 sensi, come la cinestesia, ovvero la capacità di percepire dei movimenti che vanno ben al di là del nostro corpo o dell’interocettivo (quel senso che ci permette di sapere cosa succede dentro di noi).

Così, un aspetto interessante che ci ha svelato lo studio condotto dall’Università dell’Illinois, condotto dal Dottor Steven Buetti, è che molte persone non vedenti riescono a percepire di avere qualcosa davanti a loro. Questo è possibile grazie all’amigdala, una piccola regione cerebrale associata alle nostre emozioni e alla percezione di minacce esterne, associate anch’esse alla scopaesthesia.

Negli esperimenti del XIX secolo Edward Titchener le persone intervistate affermavano di essere certe che qualcuno le stesse osservando un numero di volte nettamente superiore a quando ci si sarebbe aspettati.

Pertanto, qualcosa deve pur succedere nel cervello se nella metà dei casi effettivamente la sensazione era fondata. Al di là del puro caso, questo tasso di verità potrebbe trovare una spiegazione nell’amigdala e in quei numerosi sensi a nostra disposizione e che sono capaci, in un certo senso, di lanciare un allarme su “possibili” rischi.

Amigdala e cervello umano.

La profezia che si autoadempie

Esiste una terza spiegazione che potrebbe darci una definizione del fenomeno della scopaesthesia: stiamo parlando di una profezia che si autoadempie. In questo caso non si verifica altro che una situazione curiosa e interessante e, a volte, siamo noi stessi a far sì che la gente finisca per osservarci.

A volte, quando abbiamo la sensazione che qualcuno ci stia osservando, non possiamo evitare di voltarci o di guardarci intorno. Il fatto di muoversi è già uno stimolo per far sì che le persone prestino attenzione alle persone che ci circondano. Senza dubbio, qualcosa di logico e ricorrente.

In conclusione, quella sensazione che ci dice che qualcuno ci sta osservando ha più di una spiegazione. Ebbene, al di là del fatto che a volte potremmo sbagliarci oppure no, vale la pena ricordare che questa sensazione ha una sua finalità, che non è altro che quella di farci rimanere vigili. Non è mai un male ascoltare questa sensazione.

Potrebbe interessarti ...

Interocezione: oltre i 5 sensi
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
Interocezione: oltre i 5 sensi

L'interocezione è la capacità di riconoscere gli stimoli e le sensazioni inviati dal nostro corpo. Migliorarla significa investire in qualità della...