6 segreti per essere felici secondo Harvard

· 30 ottobre 2016

Uno dei più celebri imperatori romani, colui che fu capace di abolire le lotte tra gladiatori, una volta disse: “La felicità della tua vita dipende dalla qualità dei tuoi pensieri”. Il suo nome era Marco Aurelio. Sapete come fare per rendere i vostri pensieri di qualità? La risposta ce la dà l’università di Harvard, che ha reso noti i sei segreti per essere felici.

Potreste essere portati a pensare che si tratti soltanto di un altro fra gli innumerevoli studi che dicono la stessa cosa. Prima di giudicare, però, vi chiediamo di leggere il prossimo paragrafo. Se non vi convince, potete cambiare lettura.

L’Università di Harvard è considerata il centro per eccellenza per chi vuole studiare psicologia e gode di professori del calibro di Tal Ben-Shahar o Howard Gardner. Lo studio che vi presentiamo, inoltre, è iniziato nel 1938 e si è concluso nel 2012, dopo anni di ricerche e investigazioni. Se queste informazioni non vi hanno convinto, comprendiamo se non proseguirete oltre. Se la curiosità vi ha invece stuzzicato, restate con noi.

Come essere felici secondo Harvard

Sono serviti esattamente 75 anni e 20 milioni di dollari all’Università di Harvard per far luce sui 6 segreti per trovare la felicità. Qui di seguito ve li riveliamo.

1. L’amore può tutto

Secondo il dottor George Vaillant, una delle linee guida della ricerca durata ben 75 anni è che l’amore è indispensabili per essere felici. È  necessario essere consapevoli di questo, imparando ad affrontare anche i momenti in cui l’amore non è presente o sembra scomparire.

mani cuore autostima

In ogni caso, Vaillant ha le idee molto chiare: il dottore, infatti, afferma con decisione che “la felicità è amore”. Adesso lo sapete, se desiderate con tutti voi stessi essere felici, dovete aprire il vostro cuore.

2. Relazioni e connessioni interpersonali

Il secondo punto emerso dallo studio è legato alle relazioni significative e alle connessioni interpersonali. In questo senso, è bene tenere a mente che la famiglia, gli amici e la cerchia sociale giocano un ruolo vitale per la nostra felicità e il nostro benessere.

Stando a quanto afferma la scienza, intessere intime relazioni sul posto di lavoro aiuta a ridurre lo stress e può essere d’aiuto per risolvere situazioni complesse. Le relazioni interpersonali in qualsiasi ambito si rivelano dunque fondamentali per trovare la felicità.

 “Lo scopo dell’educazione è far sì che le persone desiderino fare ciò che devono fare”

-Howard Gardner

3.L’alcol come punto negativo

Credete che l’allegria e l’eccitazione che provate quando assumete alcolici siano positive? Nulla di più sbagliato. Secondo quanto emerso dallo studio, le sostanze alcoliche non solo sono nocive per la salute fisica, ma sono anche alla base di gravi problemi emotivi e di depressione se assunte in eccesso.

La ricerca, inoltre, mette in relazione l’assunzione di alcol con il consumo di tabacco, abitudine che non comporta solo un alto rischio di mortalità, ma che provoca anche effetti negativi sul benessere della persona. Come quando, per esempio, nei momenti di tensione in cui non si può consumare del tabacco, la persona diventa molto più vulnerabile ed ansiosa.

4. I soldi non sono la soluzione

Questa ricerca è fautrice della conosciuta frase secondo la quale “i soldi non fanno la felicità”. Per questo motivo, lavorare per ottenere i massimi risultati non sembra essere un’alternativa saggia. Secondo Vaillant, ciò che importa è sentirsi realizzati e felici con il proprio lavoro, a prescindere dalla remunerazione.

Di fatti, lo studio ha dimostrato che il denaro rende le persone peggiori: porta corruzione, può arrivare ad alterare i principi di un uomo e a fargli perdere di vista i propri valori.

5. L’importanza dell’ottimismo

Secondo lo studio, i bambini ottimisti che si sono sottoposti alla ricerca sono vissuti più a lungo ed hanno avuto un’esistenza più felice. Tuttavia, l’ottimismo deve essere accompagnato da una buona dose di responsabilità e buon senso.

bambina-sorridente

6. La nostra vita è sempre aperta al cambiamento

Ritenete che la vostra vita sia un totale disastro? Credete di aver perso tempo per niente? Pensate che non ci sia più nulla da fare per migliorare? Ebbene, vi sbagliate. Secondo la ricerca, qualsiasi momento è buono per cambiare e cominciare ad essere felici.

È fondamentale modificare il proprio modo di pensare e il proprio atteggiamento. Cominciare a dar valore alle piccole cose, ad acquisire abitudini più sane, a non colpevolizzarvi per gli errori del passato e, in definitiva, ad essere più ottimisti e positivi.

 “La felicità è amore. Punto e basta.”

-George Vaillant-

Dopo 75 anni, 20 milioni di dollari e 268 individui analizzati, quello proposto sembrerebbe il quadro perfetto riguardo alle condizioni fondamentali per essere felici. Avete il coraggio di metterlo in pratica? In marcia allora, fatevi forza e godetevi ciò che avete intorno.