Siamo fatti di coraggio e speranza

11 giugno, 2020
E poi arriva un momento in cui ci accorgiamo che non siamo fatti solo di sogni e di infinite domande. In noi risiede una grande dose di coraggio che siamo stati costretti a dimostrare a un certo punto della nostra vita, perché siamo luce e speranza. Ci aspettano grandi cose da vivere.

Gli scienziati affermano che l’essere umano è fatto per il 99% di quattro elementi chimici: carbonio, idrogeno, ossigeno e nitrogeno. Segnalano anche che il 73% dei nostri atomi deriva dall’esplosione di enormi stelle. Eppure, mancano ancora due elementi, perché la vita ci insegna che siamo fatti di coraggio e di speranza.

Siamo esseri straordinari. Siamo creature che, come ben diceva Stephen Hawking, abitano in un pianeta minore che orbita intorno a una stella di medie dimensioni. Nonostante ciò, possiamo comprendere l’universo e scrivere la nostra storia con grande coraggio e creatività. E questo anche se a volte dimentichiamo e trascuriamo i nostri punti di forza psicologici, perdendo quel luccichio originale che le stelle hanno lasciato nel nostro DNA.

Eppure, è normale che questo succeda ed è persino auspicabile. Non si può essere degli eroi tutti i giorni, è impossibile essere forti in ogni circostanza della vita. Abbiamo assolutamente il diritto di cadere, di rannicchiarci tra le crepe dei nostri fallimenti e di ripararci negli abissi delle nostre sconfitte, per qualche tempo. Ci sono esperienze che richiedono necessariamente un periodo di stallo.

I più grandi eroi, in fin dei conti, non solo quelli che sfoggiano luccicanti armature o uniformi dai colori appariscenti. I veri eroi sono fatti di carne e ossa, di cicatrici, di storie tristi e di una pelle indurita dalle mille esperienze. Siamo esseri testardi che raramente perdono le speranze. E questo ci rende unici.

Uomo che guarda il tramonto perché siamo fatti di coraggio

Siamo fatti di coraggio e speranza, non dimentichiamolo

Non lasciate che questo messaggio si dissolva nel nulla: siamo fatti di speranza e di coraggio. Siamo frammenti di audacia mescolati a frammenti di entusiasmo e sogni.

Spesso protestiamo perché il mondo non sempre è all’altezza dei nostri desideri e delle nostre aspettative. Cocciuti quando lavoriamo per i nostri obiettivi e smemorati, a volte, quando ci trascuriamo un po’, tra le tante pressioni, i doveri e gli impegni.

Howard Gardner, psicologo e professore presso l’Università di Harvard, afferma che uno dei nostri più grandi difetti è la difficoltà che ci contraddistingue nell’affrontare i cambiamenti. Sono quelli i momenti in cui ci sottovalutiamo di più.

Siamo esseri intelligenti, ma rinunciamo con fatica a situazioni vantaggiose, ad alcune abitudini, alla nostra stabilità, a quella routine in cui determinate attività, impegni e persone riempivano le nostre giornate.

Forse dimentichiamo che il ciclo della vita non è altro che un processo in continuo divenire. Ci sono sconfitte e ci sono successi. Ci sono porte che si chiudono e finestre che si aprono.

Un cambiamento fa paura e ci ripetiamo più e più volte che non siamo pronti a una cosa del genere. Eppure, come segnalato da Kakuzo Okakura, filosofo giapponese del XIX secolo, l’arte di vivere non è altro che un continuo riadattarsi alle circostanze che mutano.

Di fronte al cambiamento che spaventa, ci vuole coraggio!

Due anni fa l’Università dell’Alabama (USA) ha condotto un interessante studio sul concetto di coraggio. I responsabili di questo progetto, i dottori Mark Howell ed Elaine Coshgell, si sono occupati di analizzare un numeroso gruppo di persone che nel corso della loro esistenza avevano dovuto affrontare situazioni difficili, cambiamenti traumatici.

Da questo punto di partenza, è stato possibile affermare che la personalità dotata di coraggio possiede i seguenti tratti:

  • Le persone coraggiose imparano a essere determinate e proattive.
  • Hanno degli obiettivi nella vita e se ne ricordano tutti i giorni.
  • Quando hanno un problema, non restano immobili. Si mettono in cerca di strategie per risolverlo.
  • Sono uomini e donne entusiasti.
  • Sanno chiedere aiuto, sanno esprimere le proprie paure e le proprie preoccupazioni a coloro di cui si fidano, e lo fanno per aprirsi ad altri punti di vista.
  • Il coraggio è una qualità innata. Si associa alla resilienza ed è, in fin dei conti, una risposta del nostro cervello, spinto dall’istinto di sopravvivenza.
Giovane donna scruta orizzonte

Siamo fatti di coraggio e di speranza: un meccanismo da azionare nei giorni più tempestosi

Possiamo prendere ispirazione dalla scoperta che il coraggio è un meccanismo innato in tutti noi. Siamo fatti di coraggio e speranza perché è grazie a questo orientamento e a questi ingranaggi che andiamo avanti. Tale forza psicologica garantisce la nostra sopravvivenza, ci permette di rialzarci, a testa alta, attivando la nostra mente, il nostro cuore e la nostra volontà, e tutto questo per smettere di temere il cambiamento.

Ovviamente non è facile. E come dicevamo all’inizio, magari non potremo contare tutti i giorni sulle energie necessarie a vincere le nostre paure. Eppure il nostro cervello è dotato di qualità affascinanti, che ci guidano nella pratica così indispensabile del meccanismo di superamento.

L’intelligenza e la creatività ci esortano a risolvere i problemi in modo originale. La caparbietà ci dota di un motore in cui non c’è spazio per la resa.

Non possiamo neppure dimenticare le nostre emozioni. Come segnala Antonio Damasio, queste ultime stimolano la nostra omeostasi, portandoci ad agire, a sopravvivere, ad adattarci e a reagire. Siamo fatti di coraggio, speranza e sogni. Non dimentichiamolo.

Siamo esseri con un DNA fatto della stessa sostanza delle stelle che ci hanno donato la vita. Siamo fatti per splendere nei giorni più bui.