Sindrome del primogenito sfollato

La sindrome del primogenito sfollato si riassume in una serie di reazioni proprie del bambino quando arriva un nuovo fratello in casa. Non si tratta di egosimo, né di un capriccio, bensì di un adattamento a un qualcosa che costa caro.
Sindrome del primogenito sfollato
Sergio De Dios González

Revisionato e approvato da lo psicologo Sergio De Dios González.

Scritto da Edith Sánchez

Ultimo aggiornamento: 15 dicembre, 2022

La sindrome del primogenito sfollato ci parla di una difficoltà che colpisce i fratelli maggiori. Ha a che fare con l’arrivo di un fratellino. Colpisce anche, pur se non in modo così evidente, il figlio “di mezzo”.

È vero che attualmente non sono molte le famiglie che hanno più di due figli e che quelle che decidono di avere un figlio unico stanno crescendo di numero. Tuttavia, ci sono ancora abbastanza famiglie con fratelli e sorelle maggiori. Questi sono i più suscettibili alla sindrome del primogenito sfollato.

Il secondo o terzo figlio è al sicuro dalla sindrome del primogenito sfollato per un’ovvia ragione: hanno avuto fratelli sin dalla nascita. Ignorano cosa significhi essere l’unico nella mente e nel cuore dei loro genitori. Vediamo in cosa consiste questo problema e come risolverlo.

Il bambino è un testimone sempre attento alla moralità degli adulti o alla sua mancanza ”.

-Robert Coles-

Grande fratello che guarda il suo fratellino
Quando arriva un fratellino, viene visto come un intruso dal fratello maggiore.

Quando arriva “l’intruso”.

La sindrome del primogenito sfollato comprende una serie di comportamenti e reazioni prototipiche nel figlio maggiore quando arriva un fratello. L’essenza di questo quadro psicologico è che questo piccolo che è arrivato, in linea di principio, è visto come un intruso e non come qualcuno con cui si ha un legame filiale.

Tutti i fratelli maggiori, e talvolta anche gli altri, sperimentano la situazione, ma non sempre con la stessa intensità. Solitamente è transitorio, ma ci sono anche casi in cui questa situazione diventa permanente. In ogni caso, è qualcosa che influisce sul benessere del bambino e provoca anche problemi di salute.

La caratteristica più tipica della sindrome del primogenito sfollato è il desiderio del fratello maggiore di attirare l’attenzione dei suoi genitori. Allo stesso modo, il desiderio di attaccare o eliminare l'”intruso” arrivato, anche se sembra amarlo e mostra di volersi prendere cura di lui. Se i genitori non sanno come gestire questa situazione, possono causare gravi danni emotivi al bambino.

Sintomi della sindrome

Un bambino affetto dalla sindrome del primogenito sfollato, soprattutto se molto piccolo, non sa cosa gli sta accadendo. Non gli è nemmeno chiaro se rifiuta suo fratello o sua sorella. Guarda come tutti si concentrano sul bambino appena arrivato e prestano maggiore attenzione a lui o lei.

Solitamente presenta cambiamenti nel suo comportamento, espressi in una o più delle seguenti manifestazioni:

  • Maggiore aggressività.
  • Estrema passività.
  • Scarso rendimento scolastico.
  • Introversione.
  • Disattenzione.
  • Poca partecipazione al gioco.
  • Alterazioni dell’appetito.
  • Disturbi del sonno.
  • Scoppi d’ira frequenti o “capricci”.
  • Possono tornare a succhiarsi il pollice, parlare come bambini più piccoli, ecc.

Possono verificarsi anche sintomi fisici o addirittura problemi di salute. A volte ci sono più problemi digestivi, infezioni o mal di testa. È anche possibile che sviluppino allergie come dermatiti o asma. In alcuni casi arrivano a presentare febbre e persino convulsioni.

Bambina gelosa del suo fratellino
La sindrome del primogenito sfollato può colpire i bambini sia fisicamente che psicologicamente.

Cosa fare di fronte a un caso di sindrome del primogenito?

La sindrome del primogenito sfollato può estendersi all’età adulta, quando non è gestita in modo appropriato. A volte fa nascere nei bambini divenuti adulti un profondo sentimento di abbandono e la percezione di “non avere posto nel mondo”. C’è anche una tendenza alla gelosia e uno stato di lutto apparentemente inspiegabile.

La cosa migliore da fare è iniziare a lavorare con il bambino prima che nasca. Devi insegnargli a condividere uno spazio che prima era solo suo. Pertanto, è molto importante coinvolgerlo nei preparativi per il parto. Chiedi la sua opinione sul posto che occuperà il neonato. Anche per aiutare a comprare i vestiti del fratellino e tutto ciò di cui avrà bisogno.

È molto importante assicurarsi di capire che la madre deve andare in ospedale per avere il bambino. In tenera età non è facile capire le assenze prolungate, e forse meno quando la mamma torna a casa con un neonato in braccio.

Pertanto, è essenziale assicurarsi che il bambino continui a occupare un posto importante nella vita dei genitori. Condividere con lui l’arrivo del secondogenito come un evento di famiglia e non come un cambiamento drastico di cure e affetti. Se ci sono difficoltà, tuttavia, è indicato visitare un terapeuta per offrire una guida al riguardo.

Potrebbe interessarti ...
Curiosità sui figli unici
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
Curiosità sui figli unici

Esistono diversi miti sui figli unici che sono stati demoliti dalla scienza. Oggi sono sempre di più le famiglia con un solo figlio.



  • Cañizares, A. R., Robles, R. D., & Garnés, M. C. G. (2015). Los celos ante la llegada de un nuevo hermano. Riesgos. In Congreso Internacional Infancia en Contextos de Riesgo (pp. 2286-2289).


I contenuti di La mente è Meravigliosa hanno uno scopo puramente informativo ed educativo. Non sostituiscono la diagnosi, la consulenza o il trattamento professionale. In caso di dubbi, è consigliabile consultare uno specialista di fiducia.