Stanislav Grof: vita e opere

21 Marzo 2019
Stanislav Grof è attualmente uno dei pionieri della psicologia transpersonale. Uno dei suoi principali contributi è stata l'esplorazione di diversi stati di coscienza. Scopriamo insieme i principali apporti di questo ricercatore.

Una delle personalità più influenti della psicologia dei nostri tempi è Stanislav Grof. Il suo nome si è affermato in questa scienza grazie alle sue ricerche sugli stati alterati di coscienza e sulla respirazione olotropica. In più, è uno dei fondatori della forza della psicologia più recente, la psicologia transpersonale.

Stanislav Grof è nato il 1° luglio 1931 a Praga, ha studiato medicina e si è specializzato in psichiatria. Ha inoltre ricevuto una formazione sulla psicoanalisi freudiana per più di 7 anni. La sua esperienza è ineguagliabile, infatti si occupa di clinica e di ricerca da più di 50 anni. Incredibile, vero?

In questo articolo parleremo della vita e delle opere di Grof. Esploreremo il mondo di questo ricercatore che ha studiato la mente attraverso l’uso di sostanze psichedeliche e passeremo in rassegna i suoi principali contributi al mondo della psicologia.

“Il problema della psicoterapia occidentale è che ogni ricercatore ha concentrato la propria attenzione su un determinato livello di coscienza e ha esteso le proprie scoperte alla totalità della psiche umana.”

-Stanislav Grof-

Psicologia transpersonale e Stanislav Grof

Nel 1969 fu coniato il termine “psicologia transpersonale”, promosso da Grof insieme ad altri autori. Grof lavorò insieme a Jamer Fadiman Miles Vich, Sonya Marguiles e Anthony Sutich. Inoltre, collaborò con Abraham Maslow e Ken Wilber. Nel 1978, fondò l’Associazione Transpersonale Internazionale (ITA).

Grof sottolinea che le altre forze della psicologia danno poca rilevanza alla spiritualità. Mosso da questa convinzione, cominciò ad avvicinarsi a diverse pratiche che credeva potessero essere integrate nello studio della mente umana e condusse delle ricerche con pazienti in questi ambiti. Così, rivendicò la spiritualità come un aspetto legittimo della nostra psiche.

Grazie alla sua pratica clinica, alle sue ricerche in psicologia transpersonale e ai contributi degli altri studiosi, attualmente abbiamo accesso a una psicologia che ha una visione più ampia e che comprende vari approcci e teorie.

Profilo testa spirituale

Stanislav Grof e le sostanze psichedeliche

Stanislav Grof partecipò come volontario a uno studio realizzato nella Scuola di Medicina di Praga, durante il quale ebbe la sua prima esperienza con l’LSD. Dopo la sua esperienza, si interessò alla ricerca su queste sostanze e sugli effetti che potevano provocare sul cervello. Insieme a un gruppo di ricercatori, iniziò a studiare la psilocibina, l’LSD e la mescalina su un gruppo di 40 persone.

Durante l’esperimento, effettuavano diversi test psicometrici ed esami biologici. Lo scopo di questa attività era comprendere se ognuna delle sostanze provocava effetti specifici o se, nell’insieme, determinavano condizioni simili. Infine, per citare le parole di Grof, osservare una “psicosi sperimentale” sarebbe stato di grande aiuto per risolvere l’enigma della psicosi.

Per 20 anni, Grof lavorò in laboratorio svolgendo psicoterapia con sostanze psichedeliche a Praga e negli Stati Uniti. Dopo il divieto di queste ricerche per le possibili conseguenze negative dell’uso di queste sostanze nei cromosomi, si trasferì all’Istituto Ealen, in cui scrisse il suo primo libro.

La respirazione olotropica

Dopo il trasferimento, insieme a Christina Grof, sviluppò la tecnica della respirazione olotropica. Questa tecnica, di tipo non farmacologico, provoca stati simili a quelli indotti dalle sostanze psichedeliche.

Etimologicamente il termine “olotropico” proviene dal greco holos, che significa “totalità”, e trepein, che vuol dire “avanzare”. Indicherebbe, dunque, il cammino verso la totalità o il procedere verso essa. Si tratta quindi di un modo di ricercare se stessi nel quale si lavora con la coscienza e che comprende diversi saperi di tradizione spirituale.

Questa tecnica psicoterapeutica transpersonale considera i sintomi, i blocchi o i problemi come il prodotto di contenuti repressi o dimenticati ai quali è possibile accedere attraverso stati espansi di coscienza o stati olotropici.

Le questioni trattate durante una sessione di respirazione olotropica riguardano diversi stati di coscienza, che comprendono ambiti come il perinatale o quello ancestrale.

Donna che respira occhi chiusi

Opere di Stanislav Grof

Come indica il sito dedicato a Grof, tra le sue pubblicazioni risultano più di 160 articoli presenti in riviste professionali e libri. Abbiamo deciso di selezionare quelle che, a nostro parere, possono risultare di maggiore interesse:

  • La tempestosa ricerca di se stessi. Crisi psicologiche e cambiamento. Si tratta di una guida per lo sviluppo personale. In questo libro, Grof descrive stati che si considera psicotici in alcune culture e offre suggerimenti a chi prova queste sensazioni. Quindi, mostra come questi stati complessi della mente possono essere positivi.
  • La mente olotropica. In questa opera, Grof offre la descrizione di diverse esperienze con questa tecnica di psicoterapia transpersonale. Al contempo, mostra l’integrazione di vicende del passato, esperienze mistiche e la relazione tra la morte e la rinascita.
  • LSD Psychotherapy – The Healing Potential of Psychedelic Medicine (Psicoterapia con l’LSD – il potenziale terapeutico della medicina psichedelica). Probabilmente questa è l’opera con la quale Grof ha ottenuto il maggior riconoscimento. In essa, è presente una guida dettagliata sull’uso dell’LSD in ambito psicoterapeutico.
  • Quando accade l’impossibile. Avventure in realtà non ordinarie. Si tratta di un’autobiografia psiconautica di Grof. Grazie a essa, possiamo entrare nel mondo interiore dell’autore attraverso i casi e le esperienze che racconta della sua vita professionale.
  • Oltre il cervello. L’esplorazione transpersonale delle possibilità della coscienza umana. In questo testo Grof espone i fondamenti della quarta forza della psicologia. Inoltre, discute dei modelli terapeutici di diverse scuole della psicologia e della psichiatria. Infine, rivendica i contributi della psicologia transpersonale.

Attualmente, Stanislav Grof è professore di Psicologia al California Institute of Integral Studies (CIIS), a San Francisco. Nell’aprile del 2016 ha sposato Brigitte Grof, sua compagna di viaggio. Entrambi girano il mondo, organizzando seminari e workshop di respirazione olotropica con lo scopo di far conoscere e rendere più accessibile questa tecnica.

Stanislav Grof è uno degli autori in vita che ha maggiormente rivoluzionato il mondo della psicologia negli ultimi anni.

  • Grof, S. (2002). Breve historia de la psicología transpersonal. Journal of transpersonal research, 2(2), 125-136.
  • Grof, S. (1994). Psicología transpersonal: nacimiento, muerte y trascendencia en psicoterapia. Editorial Kairós.
  • Puente, I. (2014). “Entrevista a Stanislav Grof: Psicología y Respiración Holotópica”. Recuperado de: http:/www.stanislavgrof.com, 20 (10).