Stimolazione magnetica transcranica: un trattamento per la depressione

La stimolazione magnetica transcranica è una tecnica che si basa sulla stimolazione elettrica delle cellule nervose. Questo intervento cerca di recuperare la loro funzionalità, e quindi migliorare l'umore del paziente.
Stimolazione magnetica transcranica: un trattamento per la depressione
Sergio De Dios González

Revisionato e approvato da lo psicologo Sergio De Dios González.

Ultimo aggiornamento: 27 marzo, 2023

La stimolazione magnetica transcranica (TMS) è una procedura che viene effettuata per trattare la depressione in quei casi in cui la psicoterapia o i farmaci non hanno dato risultati. Questa condizione è nota come “depressione refrattaria al trattamento”. Ciò che si cerca di fare con questa procedura è stimolare la corteccia cerebrale. In particolare, produrre cambiamenti elettrici nei neuroni per ottenere finalmente un cambiamento nella percezione e nel comportamento della persona interessata.

Questo trattamento viene utilizzato anche in altri disturbi come morbo di Parkinson, schizofrenia, epilessia, disturbi del dolore, autismo, ADHD e disturbi motori di vario genere. Vediamo cos’è la stimolazione magnetica transcranica e cosa ci si può aspettare da essa.

La depressione è una prigione in cui sei sia il prigioniero che il carceriere crudele.”

Dorthy Rowe

Donna triste che ha paura di soffrire di nuovo di depressione
La stimolazione magnetica transcranica è un trattamento approvato dalla Commissione Europea.

Stimolazione magnetica transcranica

La stimolazione magnetica transcranica è un metodo di intervento che si basa sull’applicazione di campi magnetici. Questo viene eseguito in modo controllato e lo scopo è quello di stimolare l’attività delle cellule nervose.

La TMS utilizza impulsi elettromagnetici per depolarizzare la membrana dei neuroni. Se questo tentativo riesce in quelle celle appare un “potenziale d’azione”. Ciò significa che iniziano a emettere segnali elettrici in grado di regolare adeguatamente le sinapsi, ovvero le connessioni tra le cellule nervose. Questo migliora o corregge la trasmissione delle informazioni nel sistema nervoso.

In alcune occasioni, malattie come la depressione colpiscono la membrana dei neuroni. A volte è necessario stimolarla affinché riprenda la sua normale funzione; altre volte si cerca di inibirla, con lo stesso obiettivo. Lo specialista incaricato di eseguire queste procedure è il neurofisiologo clinico.

La procedura

La prima cosa che una persona con depressione refrattaria dovrebbe fare è partecipare a una valutazione medica che valutarà la presenza di uno stato di salute compatibile con il metodo e  l’assenza di controindicazioni per l’applicazione della stimolazione magnetica transcranica.

Prima di iniziare ogni sessione, la persona deve proteggere le proprie orecchie con un elemento di barriera, come tappi per le orecchie o qualcosa di simile. A volte è necessario applicare un sedativo prima di eseguire la procedura. Una volta preparato, il paziente entrerà in una stanza in cui indosserà un casco con un elettromagnete sul cuoio capelluto.

Successivamente, viene eseguita una mappatura del cervello, che è un’esplorazione generale delle aree da stimolare. Una volta individuata l’area indicata, si accende la bobina e si applica la stimolazione, in modo controllato. Solitamente si procede in crescendo, fino alla soglia motoria, che si verifica quando c’è una contrazione delle dita. Successivamente, il campo magnetico viene lasciato fluire per un tempo variabile.

L’applicazione della stimolazione magnetica transcranica deve essere effettuata in un centro medico, ma non richiede il ricovero. In genere, ogni sessione dura 30 minuti. In generale, si consiglia di applicarlo quotidianamente, per un periodo da 20 a 25 giorni.

Possibili effetti collaterali e controindicazioni

In generale, la stimolazione magnetica transcranica è sicura. Tuttavia, in alcune persone può causare mal di testa, vertigini, formicolio o una sensazione di pizzicore sul viso o sul cuoio capelluto. A volte si verificano lievi spasmi in queste aree. Raramente si verificano effetti collaterali più gravi. Questi includono perdita dell’udito, convulsioni o episodi psicotici. Per questo motivo, è molto importante utilizzare questo trattamento con cautela.

Per quanto riguarda le controindicazioni, le principali sono le seguenti:

  • Uso di pacemaker.
  • Uso di impianti cocleari o del sistema nervoso.
  • Impianti dentali.
  • Presenza di schegge o elementi metallici all’interno dell’organismo.
  • Incidenti cerebrovascolari recenti.
  • Gravidanza.
Uomo sottoposto a trattamento di stimolazione magnetica transcranica
La stimolazione magnetica transcranica è stata autorizzata dalla FDA nel 2008 per il disturbo depressivo maggiore resistente.

Efficacia della stimolazione magnetica transcranica

La stimolazione magnetica transcranica può ridurre drasticamente i sintomi della depressione e persino farli scomparire completamente. I primi risultati si vedono solitamente poche settimane dopo l’inizio del trattamento. In alcuni casi è possibile che dopo aver applicato la procedura si raccomandi di continuare con i trattamenti convenzionali per la depressione, fondamentalmente psicoterapia e farmaci.

In alcuni casi basta una sola serie di sedute per eliminare i sintomi della depressione. Altre volte è necessario fare una seconda o terza serie qualche tempo dopo. Il medico indicherà il percorso da seguire, nel caso in cui questo trattamento non generi effetti visibili.

Potrebbe interessarti ...
Stimolazione del nervo vago per calmare i sintomi della depressione
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
Stimolazione del nervo vago per calmare i sintomi della depressione

Recenti studi hanno dimostrato che la stimolazione del nervo vago consente di calmare i sintomi della depressione resistente.


Tutte le fonti citate sono state esaminate a fondo dal nostro team per garantirne la qualità, l'affidabilità, l'attualità e la validità. La bibliografia di questo articolo è stata considerata affidabile e di precisione accademica o scientifica.


  • de la Cal, A. M. (2004). Utilización terapéutica de los campos magnéticos. I: Fundamentos del Biomagnetismo. Patología del aparato locomotor, 2(1), 22-36.
  • Leon-Sarmiento, F. E., Granadillo, E., & Bayona, E. A. (2013). Presente y futuro de la estimulación magnética transcraneal. Investigación Clínica, 54(1), 74-89.
  • Sánchez Batista, I. (2014). Trastornos motores y trastornos del lenguaje: una perspectiva desde la lingüística clínica.

I contenuti di La mente è Meravigliosa hanno uno scopo puramente informativo ed educativo. Non sostituiscono la diagnosi, la consulenza o il trattamento professionale. In caso di dubbi, è consigliabile consultare uno specialista di fiducia.