Sun Tzu, biografia di uno stratega

11 giugno, 2020
Sun Tzu è l'autore del libro "L'arte della guerra", l'opera filosofica e militare più famosa di tutti i tempi. L'aspetto più interessante di questo libro è la concezione del combattimento come confronto mentale, mentre le battaglie sono viste come indesiderabili.

Sun Tzu è un personaggio millenario che ha ispirato e continua a ispirare grandi leader, non solo in battaglia, ma anche nella politica e negli affari. La sua grande opera L’arte della guerra ha guidato gli strateghi di tutte le epoche, per la validità universale dei suoi principi e l’accuratezza dei suoi consigli.

L’aspetto più curioso del lavoro di Sun Tzu è l’idea di combattimento come un atto di intelligenza e non di forza bruta. Una delle grandi massime di questa opera, di fatto, indica che “vincere il nemico senza bisogno di combattere, quello è il trionfo massimo”. Condivide in gran parte le massime della tradizione delle arti marziali, che si basano anche su questo principio della non violenza.

Sun Tzu è un personaggio enigmatico, di cui si sa poco, al punto che c’è chi mette in dubbio la sua reale esistenza e pensa che questo nome sia solo uno pseudonimo adottato da diversi guerrieri. Almeno per il momento, tuttavia, l’esistenza di questo personaggio è storicamente riconosciuta.

Quando sei capace, fingi di essere incapace. Quando sei attivo, fingi di essere inattivo. Quando sei vicino, fingi di essere lontano. Quando sei lontano, fingi di essere vicino.

-Sun Tzu-

Libro sull'arte della guerra di sun tzu

Le origini di Sun Tzu

Sun Tzu nacque in Cina, probabilmente nel 544 a.C. Era un contemporaneo del famoso filosofo Confucio e visse in un periodo storico travagliato, caratterizzato da divisioni e lotte interne. Nonostante ciò, ai suoi tempi il pensiero filosofico era molto apprezzato ed è per questo che il suo trattato, quello che gli avrebbe conferito l’immortalità, è considerata un’opera maestra dai grandi pensatori.

Secondo ciò che ci è dato conoscere, questo stratega nacque nello stato di Qi e proveniva da una famiglia di aristocratici militari. Sembra che abbia appreso l’arte della guerra dal nonno. All’epoca regnava la dinastia Zhou, sotto la quale la Cina era devastata da una lotta costante tra i diversi principati e non vi era alcuna unità centralizzata.

Si ritiene che Sun Tzu si sia trasferito nel sud del paese nel 517 a.C. Si stabilì nello stato di Wu e assunse la carica di generale sotto il comando del re Hu Lu. Questo periodo storico è conosciuto come il Periodo degli Stati combattenti, durante le cosiddette Primavere e autunni della Cina.

Un militare di successo

Sun Tzu aveva la sua personale filosofia sulla guerra e presto iniziò ad applicarla con successo. Grazie a questi principi e alla sua enorme abilità come stratega, affrontò e vinse eserciti molto potenti.

Dimostrò così che le vittorie non dipendevano dalle dimensioni di un esercito, né dalla quantità di risorse disponibili, bensì dalla strategia adottata.

L’approccio di questo stratega ruotava attorno all’idea che l’arte della guerra fosse l’arte dell’inganno. Per avere successo, bisogna conoscere se stessi e il nemico in modo molto approfondito. Infine, per trarre vantaggio a proprio favore, bisogna sapere cosa pensa l’avversario e come agisce.

Uno degli aspetti interessanti del trattato sulla guerra di Sun Tzu è che sia stato scritto dal punto di vista dei perdenti. Postula inoltre che i combattimenti generino il minor numero di danni e perdite.

Come abbiamo detto all’inizio, per questo guerriero l’ideale sarebbe gestire i conflitti al fine di scongiurare la battaglia.

Combattimento di arti marziali

L’eredità di Sun Tzu

L’arte della guerra è composto da 13 capitoli ed è un libro di aforismi. All’inizio venne conservato come un testo segreto, al quale solo i grandi uomini di potere potevano avere accesso. La versione originale di questo trattato, di fatto, è stata scoperta per caso durante uno scavo archeologico solo nel 1972.

Pensate che era scritto su tavole di bambù e non era esattamente uguale alla versione che divenne popolare in tutto il mondo. Dopo aver reso note le idee di Sun Tzu, i grandi leader hanno iniziato ad applicarle, prima in Cina e poi in Giappone. Nel 1772 il libro è stato tradotto in francese e in inglese solo nel 1910.

Giunto anche in Occidente, L’arte della guerra di Sun Tzu divenne la Bibbia di diversi leader. Si ritiene che anche uno stratega come Napoleone lo abbia consultato e che il Vietnam abbia vinto la guerra contro gli Stati Uniti grazie a questo manuale.

Nel corso dei secoli, questo libro ha acquisito grande importanza non solo tra i militari, ma anche tra i politici e gli uomini d’affari. Nonostante la fama della sua opera, si sa molto poco di Sun Tzu. Si pensa che sia morto nel 496 a.C, ma non conosciamo altri dettagli sulla sua vita.

Krause, D. G. (2006). El arte de la guerra para ejecutivos: el texto clásico de Sun Tzu adaptado al mundo de hoy. Edaf.