Superare il silenzio del paziente vittima di abuso

L'abuso sessuale è un evento potenzialmente traumatico. Le persone che ne soffrono hanno anche il difficile compito di creare una storia di quanto accaduto che permetta loro di continuare a vivere. Tuttavia, in terapia non sempre trovano il supporto di cui hanno bisogno.
Superare il silenzio del paziente vittima di abuso

Ultimo aggiornamento: 01 giugno, 2022

Chi è vittima di abuso sessuale spesso sceglie il silenzio durante il percorso psicoterapeutico. Ci è stato insegnato a evitare qualsiasi domanda che potrebbe essere troppo dolorosa. Seppur nobile, questa strategia non sembra essere molto efficace per superare il silenzio del paziente che non ha elaborato il trauma degli abusi sessuali infantili.

La terapia ha lo scopo di portare alla luce il trauma quando tormenta il paziente in numerose occasioni. Questo non si manifesta solo sotto forma di incubi o ricordi ricorrenti, ma in molti altri modi e i professionisti devono essere abili nel rilevarlo.

Non è necessario ricordare aspetti specifici o dettagli irrilevanti. Aver subito abusi sessuali può causare un senso di colpa e vergogna che induce la vittima a eliminare l’esperienza dalla propria storia. L’idea è di evitare il dolore, non provarlo di nuovo.

Superare il silenzio della vittima di abuso sessuale in terapia

Lo stupro rappresenta un tabù anche tra i professionisti della salute mentale. Tuttavia, è molto comune nella nostra società. Non è legato a classe, etnia, età, privazione, genere o sessualità: non conosce confini e può riguardare chiunque.

Neil Henderson, CEO di Safeline, ha rilasciato alcuni dati agghiaccianti sugli abusi sessuali nel Regno Unito grazie a diversi studi.

1 donna su 5 (5,8 milioni) e 1 uomo su 6 (4,6 milioni) nel Regno Unito ha subito una forma di violenza sessuale a partire dai 16 anni di età e si stima che 1 ragazzo su 20 nel Regno Unito sia stato vittima di abusi sessuali.

Queste statistiche sottovalutano la reale portata del problema: solo 1 vittima su 6 rivela o denuncia reati di violenza sessuale, per “paura di non essere creduta” o per vergogna e umiliazione. L’85% delle vittime non denuncerà e solo l’1,7% del 16% degli stupri viene perseguito.

Perché se ne parla così poco? La risposta riguarda la paura di non essere creduti e lo stigma da parte della società.

Si tratta di un evento personale di cui non si vuole parlare. Gli operatori della salute mentale devono incoraggiare, senza costringere, il paziente a superare il silenzio facendo capire che non ha colpa di quanto accaduto e che possono parlarle in modo confidenziale.

L'uomo in terapia psicologica.
Le persone che parlano dell’abuso sessuale subito corrono un rischio minore che l’evento diventi un trauma con effetti invalidanti.

Gli effetti dell’abuso sessuale meritano un’attenzione particolare

Gli effetti della violenza sessuale possono essere devastanti e duraturi, colpendo non solo la vittima, ma anche la famiglia e gli amici, nonché la comunità in generale.

Molti pazienti dello specialista in abusi Neil Henderson soffrono di depressione, disturbo da stress post-traumatico, ansia, isolamento, disturbi alimentari, abuso di droghe e alcol, autolesionismo e pensieri suicidi.

Il 15% dei suicidi e il 40% dei giovani senzatetto sono conseguenza di violenze sessuali. Senza un valido supporto professionale e personale, le vittime hanno una probabilità 4 volte maggiore di subire altri abusi.

Effetti a lungo termine sullo stress quotidiano

La Dott.ssa Marianne Torp Stensvehagen ha condotto interviste approfondite con 10 vittime di abusi e ad altre 57 ha somministrato un questionario. In pochi hanno studiato questo particolare tipo di stress quotidiano tipico della vittima di abuso sessuale.

Tutti noi sperimentiamo stress nella vita quotidiana, ma aver subito abusi sessuali si traduce in una difficoltà aggiuntiva e molto significativa. Secondo questa ricercatrice, vi è una forte connessione tra lo stress quotidiano e i sintomi legati al trauma.

La novità del suo studio risiede nei risultati che indicano che l’intensità dei sintomi del disturbo da stress post-traumatico tra le donne vittime di grave abuso sessuale è correlata a un alto grado di fastidio quotidiano, scarsa quantità di stimoli positivi giornalieri, uso di strategie di coping disadattive e bassi livelli di stabilità emotiva.

Gli eventi avversi della vita, come gli abusi sessuali, possono sfuggire al controllo della donna a causa di un’evidente posizione di svantaggio rispetto al suo aggressore. Tuttavia, la valutazione e la gestione degli eventi quotidiani possono essere migliorate.

Stress quotidiano e prolungato che può essere mimetizzato con altri disturbi psicologici

Per le donne che hanno subito abusi sessuali, le situazioni in cui l’evento viene ricordato sono molte e varie.

“L’abuso colpisce l’intera vita quotidiana della persona. Le interviste dimostrano che molti degli eventi che i più vivono come normali, come prendere l’autobus o andare in un negozio, causano uno stress insopportabile ad alcune donne vittime di abuso”, afferma Torp Stensvehagen.

Per esempio, riconoscere un profumo o una voce simile a quelli del violentatore mentre è intollerabile. Molte persone con una storia di abusi sessuali hanno preferito isolarsi dopo l’evento per molto tempo a causa del senso di colpa e vergogna.

A poco a poco queste sensazioni si ripercuotono a livello fisico. Sembra impossibile trovare una soluzione a molti disturbi fisici e comportamenti, eppure c’è. Molte persone si isolano dalla normale vita quotidiana, dall’istruzione e dalla vita professionale. Vivono la loro sofferenza in completa solitudine e senza un aiuto professionale per tutta la vita.

Lo studio ha scoperto che le donne che presentano sintomi di PTSD riportano livelli più alti di stress quotidiano, meno piaceri giornalieri, poca calma nella vita quotidiana e un maggiore uso di strategie di coping inappropriate.

E se chiedendo al paziente di superare il silenzio si aprissero le porte a un nuovo inizio? Si ha sempre la possibilità di non parlare, ma si tratta forse della spinta di cui molte persone hanno bisogno.

Donna triste in terapia.
Il senso di colpa e la vergogna sono le emozioni più vissute dopo un’esperienza di abuso sessuale.

Superare il silenzio del paziente: grandi effetti terapeutici

I professionisti della salute mentale hanno il dovere di aiutare a prevenire le conseguenze avverse a lungo termine di un evento traumatico. Ciò richiede essere consapevoli dei segni e dei sintomi comunemente sperimentati dalle vittime di abuso sessuale.

La formazione sul trauma dà l’opportunità di affrontare in modo adeguato la situazione e aiutare meglio i pazienti. Allo stesso modo, è possibile prevenire disturbi, sintomi e possibili malattie legati allo stress fisico ed emotivo.

Rendendola una routine, il professionista che chiede diventa più sicuro di sé e il paziente sarà più incline a rispondere, proprio perché abituato. Un simile approccio aiuta a rilevare ulteriori casi di abuso.

È molto importante rilevare l’abuso sessuale, promuovere l’espressione di quanto accaduto e ottenere aiuto il prima possibile. Ciò si tradurrà in riduzione dello stress e migliori strategie di coping a lungo termine.

Potrebbe interessarti ...
Come difendervi dall’abuso psicologico
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
Come difendervi dall’abuso psicologico

Come comportarsi di fronte ad un abuso psicologico per uscire dal circolo



  • Henderson, L. (1996). Sin narrativa: Abuso sexual infantil. Virginia J. Soc. Pol’y & L. , 4 , 479.
  • Stensvehagen MT, Bronken BA, Lien L, Larsson G. Interrelación de estrés postraumático, molestias, mejoras y afrontamiento en mujeres con antecedentes de abuso sexual grave: un estudio transversal. Revista de Violencia Interpersonal . 2022;37(5-6):2289-2309. doi: 10.1177/0886260520935479