Terapia basata sui punti di forza

La scienza ci dice che una volta scoperti i punti di forza, ci si sente più sicuri e in grado di lavorare su obiettivi e desideri. La terapia di cui parliamo oggi si basa su questa idea.
Terapia basata sui punti di forza

Ultimo aggiornamento: 05 gennaio, 2022

La terapia basata sui punti di forza si basa sulla psicologia positiva e mira a potenziare la persona. Tutti portiamo grandi valori interni che possiamo sviluppare.

Tuttavia, le nostre circostanze vitali possono ancorarci in stati mentali dominati da debolezza, bassa autostima, insicurezza e mancanza di fiducia che, come la ruggine, deforma tutto.

Possiamo scoprire e valorizzare i nostri punti di forza anche grazie alla terapia psicologica. È sempre utile e appagante per la persona che affronta un dolore, un trauma o un disturbo dell’umore sviluppare le sue potenzialità. In questo modo godrà di più strategie per prendere nuove decisioni e orientare il presente nella direzione desiderata.

Assertività, pazienza, resilienza, perseveranza, indipendenza, creatività… Ognuno di noi ha punti di forza eccezionali che possono guidarci verso la riva della felicità, come un faro in lontananza. Scopriamo in cosa consiste questo approccio terapeutico.

“E se studiassimo gli aspetti più positivi delle persone, invece di concentrarci su quelli negativi?”

-Donald Clifton-

Donna con le braccia alzate.

Terapia basata sui punti di forza: definizione e scopo

Il padre della terapia basata sui punti di forza è lo psicoterapeuta americano Donald Clifton. Questa metodologia terapeutica ha acquisito un notevole significato a metà del XX secolo. Il suo contributo allo studio dello sviluppo umano è stato eccellente e, ancora oggi, si parla del movimento noto come CliftonStrengths.

La terapia basata sui punti di forza è definita come una strategia psicologica volta ad aiutare ad affrontare le sfide. Ciò è possibile disattivando la “mentalità del deficit” per potenziare il valore interiore.

Lo scopo è smettere di considerarsi vittime del destino e lavorare sul proprio sviluppo. Dentro di sé è possibile scoprire abilità dormienti che permetteranno di sopravvivere e affrontare situazioni difficili. Vediamo, però, più obiettivi di questo modello terapeutico.

Scopi terapeutici

Lavorare sui punti di forza non significa trascurare i disturbi psicologici o le difficoltà vitali del paziente. Gli scopi della terapia sono i seguenti:

  • Può essere applicata come strumento complementare all’interno del percorso terapeutico. È comune integrarlo nella terapia cognitivo-comportamentale o umanistica.
  • I professionisti che applicano questa risorsa lavorano in collaborazione con il paziente. Questi deve adottare un atteggiamento attivo per scoprire il suo potenziale e come usarlo.
  • Questa terapia è utile per le persone con bassa autostima, disturbi emotivi e relazionali, pazienti con depressione, ansia, stress post-traumatico, dipendenze, schizofrenia.
  • Lo scopo principale della terapia basata sui punti di forza è migliorare la mentalità del paziente in modo che abbia una visione più positiva di se stesso nella sua relazione con il mondo. Solo così potrà affrontare situazioni avverse.
Paziente nella terapia basata sui punti di forza.

Tecniche usate nella terapia basata sui punti di forza

Nel 2020, l’Università di Melbourne ha condotto uno studio interessante e rivelatore. La terapia basata sui punti di forza potrebbe essere considerata utile nei pazienti che hanno avuto un episodio di psicosi. In altre parole, questa risorsa è uno strumento complementare a molti approcci terapeutici.

Consente alla persona di sentirsi più sicura e sia l’autostima che la funzione cognitiva sono ottimizzate. Ora, come raggiungerlo? Queste sarebbero alcune chiavi di base:

1. Identificazione dei punti di forza

Per identificare i punti di forza del paziente, Donald Clifton ha sviluppato un questionario (disponibile nel suo libro Now, Discover Your Strengths ). Tuttavia, possono essere esplorati anche attraverso una serie di domande:

  • Guardando indietro, qual è stato il mio progetto, compito o obiettivo di maggior successo?
  • Cosa mi piace fare di più?
  • In cosa mi considero bravo?
  • In quali situazioni sono più felice?
  • Di quale caratteristica vado più orgoglioso ?
  • Quali sono i punti di forza che gli altri riconoscono in me?
  • Quali abilità mi piace usare in tutto ciò che faccio?

2. Chiarimento degli obiettivi nella terapia basata sui punti di forza

La terapia basata sui punti di forza è orientata agli obiettivi. L’obiettivo principale è promuovere il cambiamento e guidare la persona verso il miglioramento di sé. Per fare ciò, ti consigliamo di chiarire quali sono i tuoi obiettivi a lungo termine ea breve termine.

3. Riformulazione: soppesare i punti di forza con i punti deboli

Quando una persona diventa consapevole dei propri punti di forza, è tempo di sfruttarli per gestire i propri limiti e debolezze. Per fare questo, niente di meglio che fare un esercizio di riformulazione. Ad esempio, se uno dei miei punti di forza è l’assertività, perché non dico alla mia famiglia che devo pormi dei limiti?

La terapia basata sui punti di forza si arricchisce di domande. Con loro, la persona deve svegliarsi, vedere le cose in prospettiva e prendere coscienza di determinate realtà. Come avrei potuto usare questa forza che ora so di avere quando stavo attraversando quel brutto momento? Come puoi aiutarmi adesso?

4. Diario dell’applicazione dei punti di forza

Ultimo ma non meno importante, si raccomanda al paziente di utilizzare il proprio diario della forza. Consiste nel tenere un registro della domanda. Devi registrare quando li applichi o dove avresti dovuto usarli e non l’hai fatto.

Questo esercizio è un modo per gestire queste risorse per trarne vantaggio. Per concludere, come ha detto lo stesso Donald Clifton, la vera tragedia nella vita non è mancare di punti di forza, ma non utilizzare quelli che già si hanno. Svegliamoli, facciamoli nostri per tracciare la realtà che vogliamo.

Potrebbe interessarti ...
Punti di forza personali: brillare da dentro
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
Punti di forza personali: brillare da dentro

Il primo passo per brillare di luce propria sta nel riconoscere i propri punti di forza personali. Sapete quali sono i vostri?



  • Clifton, Donald (2000) Ahora, descubra sus fortalezas. Ediciones Gestion.
  • Govindji, R., & Linley, P. A. (2007). Strengths use, self-concordance and well-being: Implications for strengths coaching and coaching psychologists. International Coaching Psychology Review, 2(2), 143-153.
  • Linley, P. A. (2008). Average to A. Realising strengths in yourself and others. Coventry, UK: CAPP Press.
  • Linley, P. A., & Burns, G. W. (2010). Strengthspotting: Finding and developing client resources in the management of intense anger. Happiness, healing, enhancement: Your casebook collection for applying positive psychology in therapy, 1-14.
  • Seligman, M. E., Rashid, T., & Parks, A. C. (2006). Positive psychotherapy. American psychologist, 61(8), 774.