Testimoni di bullismo: guardare e non agire

I testimoni di bullismo sono una parte fondamentale dell'equazione. Un triangolo che include gli aggressori e le vittime, ma anche coloro che assistono agli abusi.
Testimoni di bullismo: guardare e non agire

Ultimo aggiornamento: 24 marzo, 2022

Il bullismo è un fenomeno che coinvolge i carnefici, le vittime, ma anche coloro i quali sono testimoni di ciò che accade. I testimoni di bullismo a volte non sono d’accordo con quanto sta accadendo, altre volte non se ne preoccupano e in alcuni casi si godono persino la scena.

La verità è che, sebbene in molte occasioni non siano considerati nell’equazione, secondo gli studi anche loro fanno parte del problema.

I testimoni sono in realtà un fattore chiave nel fenomeno del bullismo. Così come in molte occasioni sono il combustibile che tiene acceso il fuoco, possono anche essere determinanti nella sua soluzione o nella sua prevenzione.

Simile a quanto accade nella società, gli atti abusivi acquistano forza quando godono dell’approvazione o della permissività dell’ambiente. L’atteggiamento individualistico consente ai semi del bullismo di attecchire e crescere.

Sebbene in linea di principio l’abuso sia rivolto a un’altra persona, non è escluso che in futuro venga reindirizzato verso quelli che oggi sono testimoni. Voltarsi dall’altra parte potrebbe diventare un atteggiamento molto controproducente.

“Non restare in silenzio. Non permettere mai a te stesso di essere una vittima. Non accettare che qualcuno definisca la tua vita, definisci te stesso”.

-Campi temporali-

Testimoni di bullismo

Anche i testimoni di bullismo sono responsabili della sofferenza.

I testimoni del bullismo sono persone a conoscenza o che assistono ad atti di bullismo. Nella maggior parte dei casi, anche coloro che svolgono questo ruolo sono interessati dalla situazione e alla fine sono visti come vittime secondarie.

Non è raro che questi bambini o giovani presentino sintomi simili a quelli della vittima diretta. Paura, ansia, sbalzi d’umore o rendimento scolastico inferiore sono alcuni segnali che li tradiscono. La loro grande paura è prendere un giorno il posto che ora occupa la vittima.

Il problema del bullismo è più facile da correggere quando l’ambiente è contrario a esso. Genitori, insegnanti e bambini o giovani estranei al problema possono fermare o aumentare questa dinamica. Il problema è che il più delle volte il bullismo è tenuto segreto e i testimoni collaborano per mantenerlo tale.

Allo stesso modo, in molti casi i testimoni del bullismo non parlano, perché non vogliono apparire come spioni agli occhi dei coetanei, ma anche perché non hanno abbastanza fiducia negli adulti che li circondano.

Come reagiranno istituzionalmente il resto dei compagni di classe, i genitori o il centro scolastico quando verranno a conoscenza del problema?

Tipi di testimoni del bullismo

La reazione più comune nei testimoni ad atti di bullismo è essere invasi da paura e sentirsi inibiti ad agire. Tuttavia, la paura spesso si manifesta in modi diversi da quelli convenzionali. Questo dà origine a diverse condotte. I testimoni possono rispondere alla situazione in vari modi, come i seguenti:

  • Attivamente. La paura li spinge a unirsi agli aggressori, anche se inizialmente non sono d’accordo con loro. Uniscono le forze per ingraziarsi e quindi evitare di diventare vittime di molestie.
  • Passivo-aggressivo. In questo caso non partecipano pienamente agli abusi, ma li approvano con risate o commenti che implicano la loro accettazione di ciò che sta accadendo, anche se in fondo non ci credono. Agiscono come rinforzi.
  • Atteggiamento attento. Corrisponde a coloro che osservano in silenzio e cercano così di rendersi invisibili. In pratica, è un comportamento di approvazione, poiché non si oppongono a ciò che accade.
  • Atteggiamento prosociale. Si riferisce ai bambini o ai giovani che affrontano la situazione ed esprimono apertamente il loro disaccordo o disapprovazione. A volte si limitano a commentarlo e altre volte vanno oltre e lo denunciano.

Rendere più forti i testimoni

I testimoni di bullismo dovrebbero evitare questi comportamenti.

Gli autori di bullismo sono quasi sempre una minoranza. Spesso hanno bisogno di un pubblico che li sostenga, perché il loro gioco è diventare figure di potere e nessuno lo fa senza testimoni. Inoltre, la presenza di spettatori rafforza l’atto di umiliazione implicito nel bullismo.

I testimoni del bullismo subiscono in parte le conseguenze delle molestie, ma può succedere anche qualcosa di peggiore, ovvero che diventano indolenti -producendo un fenomeno di stanza (ciò che è anomalo diventa normale)-, come meccanismo di difesa per affrontare la situazione.

Ciò è altamente negativo, poiché promuove la violenza sociale ed è un veleno per la solidarietà. Stabilisce una sorta di barbarie nelle relazioni, da cui alla lunga nessuno esce indenne.

A volte anche genitori e insegnanti diventano testimoni muti del bullismo, perché non intraprendono azioni approfondite per affrontare il problema. Ciò è persino più negativo, poiché si invia un messaggio di piena approvazione a ciò che accade.

Sebbene queste situazioni debbano essere corrette, è anche importante prevenirle con l’educazione dei testimoni; bisogna essere molto chiari sull’intensità della sofferenza che la vittima può provare. Inoltre, è necessario conoscere il protocollo di azione quando si rileva un problema di bullismo.

Potrebbe interessarti ...
Cyberbullismo: aspetti legali
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
Cyberbullismo: aspetti legali

Il cyberbullismo causa gravi danni emotivi sul minore che è in pieno sviluppo della propria personalità. Quali sono gli aspetti legali?




I contenuti di La mente è Meravigliosa hanno uno scopo puramente informativo ed educativo. Non sostituiscono la diagnosi, la consulenza o il trattamento professionale. In caso di dubbi, è consigliabile consultare uno specialista di fiducia.