Gli uomini hanno paura, le donne idealizzano

· 27 novembre 2016

L’amore non è sempre stato così complicato. Prima che in Occidente si instaurasse l’idea dell’amore romantico, gli uomini e le donne avevano relazioni più stabili. Oggigiorno, invece, le persone si muovono in due realtà paradossali: da una parte, una buona parte di individui vuole incontrare quella persona meravigliosa che segni il prima e il dopo nella sua vita amorosa; dall’altra, un cospicuo numero di persone vuole separare l’idea del “grande amore” dalla frustrazione e dalla sofferenza.

In altre parole, molti ricercano i benefici dell’amore, ma non vogliono pagarne i costi. Questi immaginari sono presenti nella mente degli uomini e delle donne. Tuttavia, i maschi li interpretano e li vivono in un certo modo, mentre le donne in un altro.

“Amare non vuol dire solo desiderare, ma è soprattutto comprendere”.

(Françoise Sagan)

La maggior parte degli uomini non è consapevole della sua paura di amare. Quasi tutti scelgono di disinteressarsi all’argomento, di passare da un rapporto all’altro senza avere il tempo di dire “che begli occhi che hai”, di essere cinici davanti alle manifestazioni d’affetto. Le donne, invece, tendono ad essere esperte nell’idealizzazione, subito seguita dallo sminuimento, di quegli uomini con cui non sono riuscite a costruire una storia d’amore.

Gli uomini e le loro paure

Il grande timore della maggior parte degli uomini è quello di “impegnarsi”. Nonostante questa parola sembri molto chiara, in realtà ha diversi significati. Ognuno la intende e la comprende in modo distinto.

uomo-e-donna-dietro-a-un-velo

Qualcuno pensa che impegnarsi significhi risvegliare troppe aspettative in una donna. Per questo fa attenzione e soppesa attentamente ogni passo che dà nella relazione. Altri ritengono che l’impegno sia presente quando aprono il loro cuore e ne mostrano l’interno. Altri ancora credono di essere impegnati quando la relazione supera una certa durata. Insomma, ognuno dà alla paura che percepisce la forma che vuole.

Secondo il Dottor Juan David Nasio, celebre psicoanalista argentino residente a Parigi, tutte queste paure nascono da un’unica fonte: il timore di defraudare o “tradire” le loro madri. In fondo in fondo, nella zona dell’inconscio, gli uomini sono devoti a vita all’idea che solo la loro madre meriti l’amore completo e si sentono incapaci di provare questo stesso sentimento con altre donne.

È questa la radice di tale sensazione, espressa da molti con “in lei c’è qualcosa che non va”, riferendosi a molte delle donne che conoscono. Questi uomini passano da una relazione fallita all’altra. Se ci facessero caso, noterebbero che sono loro i primi a sabotare l’opportunità di costruire una vera storia d’amore per mezzo della loro trascuratezza, assenza di sensibilità o mania del controllo. Dopodiché, si lamentano per il fatto che nessuna donna soddisfa i requisiti richiesti.

Le donne e la loro idealizzazione

Molte donne costruiscono castelli in aria, nei quali fanno finta di essere principesse. Pertanto imbastiscono storie d’amore inverosimili, in cui il “principe” dovrebbe farsi carico di tutte le loro nevrosi e insicurezze. Egli dovrebbe essere una sorta di padre magnanimo in grado di generare in loro il sentimento di sicurezza che è manchevole e di proteggerle dalle vicissitudini della vita.

donna-con-capelli-davanti-al-viso

La maggior parte delle donne dirà che non è vero. Si vedono come donne moderne, autonome e indipendenti. Tuttavia, passano la vita a fare e disfare relazioni.

Ogni volta che ne finisce una, dentro di loro si dicono “gli uomini non meritano niente”, si dichiarano deluse da qualcuno che non era come sembrava all’inizio. Desiderano un uomo che si comporti come una donna; non riescono a capire che il sesso opposto è proprio così: opposto.

Andando più a fondo nell’argomento, scopriamo che la delusione e lo sminuimento degli uomini deriva proprio dal sentimento di “tradimento delle fantasie”, ovvero dal fatto che gli uomini non trattino le donne come delle principesse o regine.

Ma in fin dei conti, anche i maschi possono stufarsi dei capricci delle femmine. Le donne si lamentano perché gli uomini non hanno lasciato la moglie per loro, perché non le hanno protette come fossero bambine viziate, perché non si sono comportati come dei cavalieri. Perché commettono errori, perché sono uomini in carne ed ossa e non principi.

Fantasia e realtà

Amare non è semplice e lasciarsi amare nemmeno. Ma diventa assolutamente impossibile quando entrambi i partner sono legati alle loro fantasie infantili e non intendono rinunciarvi. Quando rendono l’amore un’impresa impossibile.

Diventano incapaci di apprezzare e valorizzare tutte le contraddizioni che ci rendono umani e che sono proprio ciò che, se è vero amore, l’altro deve accettare, senza tentare di porvi rimedio.

alberi-uomo-e-donna