Viviamo circondati da vampiri emozionali?

22 dicembre 2014 in Psicologia 0 Condivisi

“Tutti ci comportiamo come dei predatori emozionali, qualche volta”. Prendere sempre le cose sul personale ci trasforma in una preda facile per questi terribili vampiri. Vi mangerete tutto il loro veleno emozionale e lo trasformerete nel vostro veleno. Ma se riuscirete a far sì che il loro atteggiamento non vi tocchi, sarete immuni e protetti dai loro attacchi anche nel bel mezzo dell’inferno stesso.

Dr. Miguel Ruiz

I vampiri emozionali sono persone normali cariche di negatività, che si alimentano della nostra energia e buon umore. Di solito ci ipnotizzano con la loro cordialità e il loro fascino, trasmettendoci grande sicurezza nei loro confronti; quando entrano nella nostra vita, però, scopriamo che in realtà aumentano la loro autostima svalutando gli altri e manipolandoli.

La maggior parte di queste persone si trascina dietro un egoismo molto simile a quello dei bambini (capricci e insoddisfazione, volere tutto e subito), per cui i loro bisogni diventano l’unica cosa importante. Non commettono mai errori, o almeno non li ammettono, e non si sentono colpevoli. Non valorizzano lo sforzo né l’appoggio e l’affetto altrui, perché pensano soltanto al loro beneficio; nel caso in cui offrano spontaneamente il loro aiuto, solitamente celano qualche secondo fine. Di solito utilizzano le informazioni che raccolgono su di noi per metterci il bastone tra le ruote. Non rispettano nessuna regola e all’inizio potrebbero comportarsi come dei colleghi ideali e grandi lavoratori, finché i nostri bisogni non coincideranno con i loro e inizieranno quindi a trasformarsi in veri e propri depredatori del nostro stato d’animo, finché non ci avranno svuotati. È possibile che molti di voi siano obbligati a convivere con gente del genere ogni giorno (colleghi, vicini di casa, familiari). Lo psicologo J. Berntein, specialista nell’argomento, li classifica in diverse categorie.

Vampiri anti-sociali: sono divertenti e vanno contro le regole della società, desiderano una vita eccitante e che i loro desideri vengano realizzati all’istante. Sono incapaci di offrire qualcosa in cambio.

Vampiri istrionici: vogliono continuamente essere al centro dell’attenzione, trasformano qualsiasi situazione quotidiana in uno show, e non riconoscono mai un loro errore.

Quelli che non pensano mai agli altri e si considerano perfetti e pieni di talento vengono denominati vampiri narcisisti, e sono vampiri pericolosi che vi sfruttano finché possono, ma si dimenticano di voi non appena hanno raggiunto il loro obbiettivo.

Gli ossessionati con la sicurezza e il controllo, i vampiri ossessivo-compulsivi, possono essere pericolosi se ritengono che le vostre azioni possano danneggiare od interferire con il loro senso del controllo e dell’ordine. Vogliono imporre il loro perfezionismo ad ogni costo e credono nel castigo e nella censura come una strategia valida per plasmare il comportamento degli altri. In alcuni casi, possono addirittura godere pensando alla sofferenza degli altri.

Infine, esistono i vampiri paranoici, che cercano dei significati nascosti in qualsiasi cosa. Per loro nulla è trasparente, e tutto li rende diffidenti e sospettosi. Difficilmente riescono a perdonare.

L’opzione migliore per fuggire al loro controllo è allontanarsi da loro, senza dimenticare mai che siamo noi le uniche persone che possono avere il controllo su noi stessi. Loro cercheranno di cambiare le nostre abitudini e attitudini, fino a modificare i nostri valori e farci andare contro persino alle persone a cui vogliamo bene. Avranno un’influenza negativa su di noi e useranno la confusione e la paura per controllarci e modificare la nostra energia positiva. Dobbiamo quindi evitarli senza scappare spaventati e senza rinunciare alla forza che abbiamo dentro e che ci rende coraggiosi e meno vulnerabili.

Immagini per gentile concessione di Manuel5cc e Laura Tourettes

Guarda anche