Attaccamento ansioso e più vuoti di memoria

Avete paura che il vostro partner vi abbandoni? Vivete l'amore con grande intensità, ma anche con un mix di paura e angoscia? Molto probabilmente la memoria soffre di vuoti di tanto in tanto..vi spieghiamo perché.
Attaccamento ansioso e più vuoti di memoria
Valeria Sabater

Scritto e verificato da la psicologa Valeria Sabater.

Ultimo aggiornamento: 14 gennaio, 2023

Se c’è qualcosa che ogni essere umano merita di avere, è un’infanzia felice. Tuttavia, quando veniamo al mondo, nessuno garantisce che i genitori che ci toccano siano i migliori o che il legame primario stabilito con loro sia il più sano. Perché l’attaccamento instaurato con i nostri caregiver costituisce quella cornice mentale con cui interpreteremo, nel bene e nel male, come sono le relazioni. Oggi parliamo degli effetti dell’attaccamento ansioso.

Come dicevamo, pochi eventi sono più trascendentali per il nostro sviluppo psicosociale ed emotivo di quell’ancoraggio precoce con coloro che hanno l’obbligo di prendersi cura di noi, proteggerci e insegnarci cos’è l’affetto. Pertanto, un modello genitoriale dannoso che viene spesso subito è incoerente. Ci riferiamo a quei genitori che, a volte, sono affettuosi e altre, invece, distanti.

Questa ambivalenza nel trattamento e nell’attenzione fa sì che il bambino non sappia cosa aspettarsi in ogni momento. Se ieri le paure venivano accolte e confortate e domani invece si ricevono urla o indifferenza, il cervello rimane intrappolato nell’incertezza e nell’ansia. Se il sistema di attaccamento ha un’importanza fondamentale nella regolazione delle emozioni, coloro che sono stati cresciuti sotto questo schema mostrano sequele multiple e sorprendenti.

Sappiamo che l’attaccamento ansioso nell’infanzia si traduce in tassi più elevati di disturbi d’ansia e attacchi di panico nell’età adulta. Anche a maggior rischio di scivolare in relazioni di dipendenza. Ora abbiamo conosciuto la sua relazione con i fallimenti della memoria. Lo analizziamo.

Le relazioni con persone caratterizzate da attaccamento ansioso sono spesso stressanti. Hanno bisogno di un feedback positivo costante in modo che non sorga la paura dell’abbandono o la paura di non essere amati.

Abbracciare la coppia che simboleggia le persone ansiosamente attaccate
L’attaccamento ansioso ci porta a relazioni di dipendenza in cui la paura dell’abbandono è una costante.

Paure e ansia nel cervello delle persone con attaccamento ansioso

Le persone con attaccamento ansioso vivono accompagnate da paure infinite e invisibili. Temono di essere respinti e abbandonati dalle loro figure più vicine. Analizzano ogni parola, interazione, gesto e situazione, alla ricerca di potenziali lacune nella relazione. “L’ho deluso? Sta pensando a qualcun altro? Se ci mette così tanto a tornare, è perché gli è successo qualcosa?”

Il vivere dominato da una narrazione mentale costruita su un’infanzia di attenzioni ineguali e affetti incoerenti lascia un segno indelebile. Uomini e donne ansiosamente attaccati cercano disperatamente l’attenzione di coloro che li circondano. Hanno bisogno che l’affetto sia convalidato in ogni momento e che gli altri siano la loro scialuppa di salvataggio quotidiana. Qualcosa del genere può esaurire l’ambiente, gli amici e i partner.

Tuttavia, dobbiamo capire come l’impronta di quell’infanzia privata abbia alterato il suo sviluppo cerebrale. Uno studio di ricerca condotto dal Research Center for Brain and Cognitive Neuroscience, Liaoning University, in Cina, mette in luce qualcosa di rilevante. Essere cresciuti sotto un attaccamento ansioso altera diverse regioni del cervello e questo influisce su vari processi cognitivi.

La personalità dell’attaccamento ansioso è focalizzata sulla paura del rifiuto e sulla sua ossessione per l’analisi eccessiva delle loro relazioni. Questo fa sì che smettano di prestare attenzione ad altre aree e non solo soffrano di vuoti di memoria, ma creino anche falsi ricordi.

Un cervello in allerta che dimentica le informazioni

Le persone ansiosamente attaccate mostrano una sovrastimolazione nella corteccia cingolata posteriore destra, che fa loro provare qualsiasi emozione più intensamente. E non solo. Questa regione è collegata al rilevamento delle minacce.

Un’educazione incoerente in termini di affetto e sicurezza forma un cervello che vede costantemente dei rischi. Rischi, ovviamente, legati all’idea che certe figure smettano di provare affetto, affetto o amore per loro. L’attaccamento ansioso ci rende esseri ipervigili, figure che anticipano futuri catastrofici e vivono nella morsa della paura dell’abbandono.

Ora, cosa significa questo? A livello relazionale, forse possiamo immaginarlo. Vivere con qualcuno dominato da queste dinamiche mentali ed emotive è estenuante. Tuttavia, a livello cognitivo, il costo dell’ipervigilanza si traduce in una chiara difficoltà a porre l’attenzione nel mondo reale e oltre i suoi turbolenti labirinti di paura e ansia.

I vuoti di memoria, le dimenticanze, le incomprensioni e le dimenticanze sono una costante.

Nell’attaccamento ansioso, l’attenzione viene dirottata e vengono creati falsi ricordi.

L’universo teorico dell’attaccamento è di moda e gli studi su di esso non smettono di apparire. Ne è un esempio lo studio recentemente pubblicato sul Journal of Personality and Social Psychology. Secondo questo lavoro, le persone con attaccamento ansioso non solo soffrono di problemi di memoria, ma creano anche falsi ricordi.

Questo fenomeno è molto invalidante. Se le relazioni sono già complesse per qualcuno con questo tipo di attaccamento, la loro quotidianità diventa più caotica quando vengono portati alla luce fatti che non sono veri. Quando nel bel mezzo di una conversazione, improvvisamente si riferiscono a cose mai accadute o dette, discussioni e problemi sono comuni.

I vuoti di memoria sono fastidiosi, ma i falsi ricordi provocano tensione e angoscia. Ma a cosa è dovuto, a cosa è dovuto? Spesso questo profilo della personalità è così avvolto nelle loro emozioni e pensieri che mescolano la realtà con l’inventiva delle loro paure. In questo modo dà forma a favole che diventano ricordi a cui danno veridicità. Quando la verità è che sono il prodotto di una mente dominata dall’ansia e dalla paura dell’abbandono.

L’ansia e una mente ipervigile ostacolano il corretto funzionamento delle nostre funzioni esecutive, come l’attenzione e la memoria. Così, quando si vive concentrati solo sulla paura di non essere amati o di essere abbandonati, dimenticanze e falsi ricordi sono comuni.

Donna che fa terapia che simboleggia le persone ansiosamente attaccate
La terapia è essenziale per poter riflettere su come ci leghiamo al fine di sviluppare un attaccamento più sicuro.

Come affrontare il problema dei fallimenti di memoria se soffro di attaccamento ansioso?

Le persone ansiosamente attaccate tendono a formare relazioni dipendenti e dolorose. Inoltre, è comune che soffrano di disturbi d’ansia, come una fobia o un disturbo ossessivo-compulsivo. I vuoti di memoria, come i falsi ricordi, non sono altro che gli effetti di una mente preoccupata, una debole autostima e una storia del passato che richiede la nostra attenzione.

Tutti possiamo imparare a relazionarci meglio con gli altri, dalla sicurezza personale e dalla fiducia. Per raggiungere questo obiettivo, è essenziale passare attraverso un processo psicoterapeutico con cui sviluppare un approccio mentale più sano in cui la paura non esiste e siamo in grado di costruire attaccamenti più sicuri. Quelli che partono dalla fiducia in se stessi.

Una mente sicura di sé, con una sana autostima, gestisce molto meglio l’ansia e le paure nei rapporti con gli altri. Solo allora ci sentiremo più realizzati, capaci di focalizzare l’attenzione su ciò che conta e non sul territorio di paure e ansie infondate.

Potrebbe interessarti ...
Strange situation e tipi di attaccamento
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
Strange situation e tipi di attaccamento

Il test della strange situation, ideato dalla psicologa Mary Ainsworth nel 1960, permette di analizzare il tipo di attaccamento sviluppato dal bamb...



  • Deng, M., Zhang, X., Bi, X. et al. Neural basis underlying the trait of attachment anxiety and avoidance revealed by the amplitude of low-frequency fluctuations and resting-state functional connectivity. BMC Neurosci 22, 11 (2021). https://doi.org/10.1186/s12868-021-00617-4
  • Hudson, N. W., & Chopik, W. J. (2022). Seeing you reminds me of things that never happened: Attachment anxiety predicts false memories when people can see the communicator. Journal of Personality and Social Psychology. Advance online publication. https://doi.org/10.1037/pspp0000447

I contenuti di La mente è Meravigliosa hanno uno scopo puramente informativo ed educativo. Non sostituiscono la diagnosi, la consulenza o il trattamento professionale. In caso di dubbi, è consigliabile consultare uno specialista di fiducia.