Carnage: una caricatura della quotidianità

2 aprile 2018 in Film 115 Condivisi
Scena del film Carnage

Senza uscire dalla stanza e con soli quattro attori assistiamo a una magnifica ridicolizzazione della vita di tutti i giorni. Carnage è un film di Roman Polanski, adattamento dell’opera teatrale Le Dieu du Carnage di Yasmina Reza.

Il film conta senz’altro su un cast eccezionale: Kate Winslet, Jodie Foster, Christoph Waltz e John C. Reilly sono i quattro e unici attori del film. Si tratta di un cortometraggio, è statico in termini di spazi, limitato nei personaggi, ma con una sceneggiatura molto potente. L’intero peso del film si basa sull’interpretazione degli attori e sulla sceneggiatura.

Carnage: un conflitto di bambini?

Tutto inizia dopo la disputa di due bambini in un parco, l’unico scenario esterno che vediamo, e il litigio finisce quando uno colpisce l’altro con un bastone. Poi ci rechiamo a casa dei Longstreet, la famiglia del bambino che è stato picchiato e che, in seguito a ciò, si è fatto male alla bocca. I genitori di entrambi i bambini si incontrano nell’appartamento in questione per cercare di trovare una soluzione al problema.

  • I Cowan: genitori del figlio “aggressore”, sono una coppia elegante e distinta. Il padre, Alan, è un avvocato riconosciuto, ma senza scrupoli; e la madre, Nancy, è un investitore finanziario di dubbia moralità. Entrambi rispecchiano il prototipo di “buona famiglia” benestante che gode di riconoscimento sociale e che finge di essere esemplare, tuttavia ci rendiamo subito conto della falsità e dell’ipocrisia di queste apparenze.
  • I Longstreet: i genitori del bambino aggredito rappresentano una coppia che finge di essere esemplare, pacifica e capace di risolvere i conflitti in modo educato. Michael, il padre, sembra un uomo calmo, accomodante, ben intenzionato, che cercherà di alleviare le tensioni. Da parte sua Penelope, la madre, è una convinta pacifista e scrittrice, anche se fin dall’inizio vediamo una certa ostilità da parte sua verso i loro “ospiti”.

Durante tutto il film i personaggi si smascherano e passano dal politicamente corretto all’aggressività. Persino Michael, che sembrava il pacificatore, mostrerà un lato oscuro e rancoroso. La conversazione si trasformerà in un’autentica carneficina, dove i coltelli voleranno in tutte le direzioni possibili. Ciò che all’inizio sarebbe stata la risoluzione di un conflitto e un esempio per i loro figli, diventa un’autentica giungla, dove ognuno di loro lascia vedere la sua vera natura.

Gli argomenti e la coerenza scompariranno, l’aggressività aumenterà e il tono, i personaggi perderanno completamente i ruoli e cadranno nella peggiore versione di sé stessi. Arrivando a fare uso persino della beffa, dell’imitazione maliziosa degli interlocutori; la situazione, apparentemente seria, si trasformerà in un argomento assurdo che rasenta l’infantilismo.

Carnage e l’egocentrismo

In Carnage vengono esplorati gli impulsi più primitivi dell’essere umano, il suo lato più viscerale e più oscuro viene alla luce, il tutto in uno spazio quasi claustrofobico, perché ogni tentativo dei Cowan di lasciare l’appartamento verrà meno con l’inizio di una nuova discussione.

Le discussioni, a volte, generano un loop che ci sommerge in un vicolo cieco da cui è difficile fuggire e, quando sembra che sia stato risolto tutto, un altro argomento ci intrappolerà e ci costringerà a entrare nel conflitto. Ed è così che sembrano risolvere i conflitti nel film, intrappolati tra le quattro pareti di una stanza che sanno che non li porterà da nessuna parte. Quando si avvicinano alla porta, quando sembra che tutto sia finito, entrano in una nuova discussione e rimangono di nuovo bloccati nel soggiorno.

I conflitti sono così tanti che un’iniziale guerra tra due famiglie finisce per diventare una lotta uomini contro donne per arrivare, infine, a uno scontro completamente individualista. Ognuno dei partecipanti difende sé stesso, l’ostinazione umana sarà estrema, tutti vogliono avere ragione e tutti pensano che se il mondo fosse uguale a loro, sarebbe di gran lunga migliore.

Carnage presenta una caricatura della natura umana, vediamo alcuni personaggi che usano numerosi meccanismi di difesa, molto primari e basilari, che perdono i loro ruoli e non hanno problemi a dare una pugnalata al vicino.

Ognuno di loro ha costruito un’immagine di sé che vuole proiettare e, quando si indebolisce, cadono nell’aggressività, perché non possono permettere al loro ego di sentirsi attaccato.
Condividere

Il film Carnage

La critica alla società

Abbandonando le convenzioni sociali, mostrando il loro vero carattere, vediamo la realtà dietro la maschera, vediamo l’ipocrisia e la mancanza di moralità del nostro mondo. Polanski porta un’aria pessimista nella nostra vita quotidiana, poiché i personaggi non ci sembrano strani ed è facile identificarsi con alcuni di loro o identificare persone del nostro ambiente circostante.

I soldi e l’importanza dello status saranno criticati nel film, specialmente attraverso il personaggio di Alan Cowan, che è più preoccupato del proprio lavoro che delle proprie relazioni personali; mostra interesse solo per l’educazione di suo figlio e lo vediamo come un personaggio immorale quando scopriamo che il suo lavoro è difendere un’azienda farmaceutica il cui farmaco causa seri problemi di salute. Inoltre, vive incollato al suo cellulare per affrontare questioni di lavoro, qualcosa che gli permette di uscire continuamente dalla discussione e che sarà un fattore scatenante per i conflitti impedendo la comunicazione tra le due famiglie.

Penelope è il personaggio in netto contrasto con quello di Alan, perché sembra molto concentrata su cause umanitarie e consapevole dei problemi del terzo mondo; tuttavia è molto ingenua e crede a tutto quello che vede, non conoscendo i reali interessi dell’Occidente alla base degli aiuti al Sudan.

Coppia che guarda il cellulare

Viene messa in discussione l’iperprotezione che si verifica in molti casi nei confronti dei bambini, impedendo loro di risolvere autonomamente i conflitti, incolpando eccessivamente qualcuno e vittimizzando gli altri… quando, in realtà, ci sono molte sfumature. Viene derisa l’importanza del lato materiale nella nostra società, ad esempio con la scena del vomito sui libri d’arte o della distruzione del telefono cellulare.

Questa situazione caotica e priva di significato, alla fine, non porta da nessuna parte. L’elemento migliore è che alla fine saranno i bambini a dare una lezione ai loro genitori attraverso una breve scena. Nel parco in cui tutto è iniziato, i bambini sembrano essersi lasciati alle spalle le loro differenze. Questo ci fa riflettere e ripensare al fatto che forse complichiamo troppo le nostre vite e tutto potrebbe essere ridotto a una semplice discussione tra bambini che finiscono per stringersi la mano.

Critica, commedia e realismo vanno di pari passo in questo film che mette in scena una situazione quotidiana, che va oltre i falsi sorrisi, e ci mostra l’essere umano come un animale in gabbia che, quando rompe le sbarre, non è altro che un essere violento ed egoista. Carnage è un’opera d’arte che crea una caricatura della nostra società attuale, la stupidità umana è uno dei temi centrali del film.

Guarda anche