Essere felici senza favole, invece di volere una favola dal finale felice

· 5 marzo 2016

Quando parliamo d’amore, i racconti di principi e principesse hanno fatto una strage nell’incosciente collettivo. Non abbiamo bisogno di vivere per sempre felici e contenti, di trovare una morale alla fine della favola o che la nostra storia si concluda con un lieto fine. Dobbiamo cercare di essere felici senza favole, invece di volere una favola con un finale felice.

No. Ciò di cui abbiamo bisogno è vivere felici a modo nostro, forgiare relazioni indipendenti, appropriarci del nostro destino. Non dobbiamo scegliere un principe azzurro o una principessa che viva in un mondo fatto tutto di rose e fiori, bensì pungerci con quelle stesse rose. E che resti la cicatrice, così impareremo che hanno un buon odore, ma che possono anche fare male.

Il problema è che sono già troppe le speranze dietro al “c’era una volta”. Siamo caduti dalle nuvole, l’amore non è come lo abbiamo visto nei cartoni della Disney né come le fiabe hanno voluto farci credere che fosse.

donna con occhi chiusi

Principessa, ti è caduta la corona

Principessa, ti è caduta la corona dal tanto piangere. I rospi non si trasformano in principi, non lo hanno mai fatto. I principi non ti portano su un tappeto volante, non ti salvano dai draghi né ti danno un bacio che ti riporti in vita.

Neanche le principesse sono quelle che erano o che “dovrebbero essere”. Ora vogliono essere ingegneri, non bambole. E se vogliono essere delle bambole, molte vogliono essere bambole esemplari. Forti, indipendenti, potenti.

Voi, salvatevi. Strappatevi il vestito. Spiegate le vostre ali per volare e dimenticatevi delle matrigne e delle carrozze incantate. Non rassegnatevi e non accettate il vostro destino, sceglietevelo. Dubitate dei lieti fine, non vivete in una favola, cercate di essere felici.

donna con specchio

Scambiate il principe azzurro con un lupo feroce

Non ha molto senso essere una donna di porcellana, fragile e delicata. Volando su una scopa, si vede tutto meglio. Dite addio alla purezza e all’innocenza e date il benvenuto all’astuzia, alla sagacità e all’indipendenza emotiva.

“Dimentica il principe azzurro. Cercati un lupo feroce che sappia vederti meglio, ascoltarti meglio e mangiarti meglio”.

-Raquel Sànchez Silva in “Cambio principe azzurro per lupo feroce”-

Scambiate i “ho bisogno di te per respirare” per un “mi piace respirare insieme a te”. Non limitatevi a morire finché non arriverà il principe a salvarvi. Siate streghe, giocate con i draghi, date da mangiare ai rospi e preparate nei vostri calderoni le migliori pozioni d’amor proprio. Date la priorità a voi stesse. Liberatevi delle tenebre.

E voi, principi, liberatevi del vostro mantello e della vostra spada. Non vi serve sconfiggere un drago o salvare la principessa. Non siete sotto gli effetti di un incantesimo, semplicemente siete innamorati. E, quando lo volete, potete anche piangere, ridere e cantare. Non siete fatti d’acciaio, siete fatti di carne e ossa.

uomo

No, non dovete salvare il mondo degli altri prima di salvare il vostro. Anche voi avete il diritto di ricevere le piccole cose belle, le cure che gli altri vi danno e vivere le vostre emozioni. Diventate lupi feroci e non rinnegate i vostri sentimenti. Le armature pesano e voi lo sapete bene.

Non dovete avanzare nella vita proteggendovi, datevi il permesso di sentire e di esplorare. Salvate voi stessi e non sentitevi obbligati ad andare di castello in castello né ad attraversare i sette mari alla ricerca di un matrimonio e della benedizione di re ultra protettivi.

Non dobbiamo cercare castelli incantati in cui vi siano segrete per i cattivi. Non dobbiamo cercare muraglie o pianure fatte di mille colori. Dobbiamo cercare occhi che ci facciano sentire le vertigini, che facciano fare i salti mortali al nostro cuore e ci facciano innamorare di un sorriso. Ma non del loro sorriso, bensì del sorriso che fanno nascere sulle nostre labbra.

uomo seduto su una scala

Le fiabe hanno sempre un lieto fine e non è quello che vogliamo. Non vogliamo amori eterni nati da destini magici né banchetti né corone. Quello che ci rende davvero felici è vivere a modo nostro, pieni di libertà e di pazzia.

Per questo, non dobbiamo cercare una favola con un finale felice, ma essere felici senza favole, senza aspettative, senza stregoni, senza corone, senza rospi. L’unico incantesimo che dobbiamo conoscere è quello dell’amor proprio, perché solo così possiamo richiedere a noi stessi una strada fatta d’incanto.