Charles Taylor e la costruzione dell'identità nella modernità

Charles Taylor ha messo in luce le grandi differenze tra l'essere umano di un tempo e quello di oggi. Oggi siamo influenzati da diverse culture e facciamo fatica a trovare un senso alla vita. Ma perché?
Charles Taylor e la costruzione dell'identità nella modernità

Scritto da Edith Sánchez

Ultimo aggiornamento: 03 gennaio, 2023

Charles Taylor è un filosofo canadese che ha lavorato sulla questione dell’identità nel mondo moderno. Più precisamente, si è soffermato su come si è costruita la moralità nel secolo scorso, poiché questo processo segna una grande rottura con il passato.

Nell’era attuale, la questione dell’identità ha acquisito un’importanza enorme, che non aveva in passato. L'”io” è diventato una questione di prim’ordine dal XIX secolo.

Prima di quest’epoca, a prevalere era una visione collettiva del mondo e della vita. L’io era un elemento in più in quella costellazione del gruppo, non una categoria decisiva, come avviene oggi.

L’opera più nota di Charles Taylor affronta proprio questo tema. Si intitola Sources of the Self: The Construction of Modern Identity ed è già considerata un classico. Molti la classificano come “comunitaria” e altri come “liberale”. La definizione più ampiamente accettata è quella di opera “comunitarista e liberale”. In termini di identità e di sé, comunitarista è colui che riconosce il peso dell’individuo e della comunità nella costruzione della realtà.

Credo che la vita umana non si capisca senza una storia. Analizzando la situazione della spiritualità e della religione, vedo che ci sono molte persone che cercano qualcosa, che sia una concezione atea o religiosa. Ci sono anche molte persone che lamentano l’erosione del cristianesimo e resistono alla sua fine. La sfida è capire le due parti, credenti e non credenti, e che coesistono ”.

-Charles Taylor-

Il gruppo interculturale lavora come una squadra
Per Taylor l’identità oggi è attraversata dal multiculturalismo.

Charles Taylor e il multiculturalismo

Uno degli aspetti fondamentali nella filosofia di Charles Taylor è il concetto di multiculturalismo. Il filosofo sottolinea che nelle società odierne l’identità è attraversata da questo fattore, e per spiegare il concetto, egli prende ad esempio la società americana, vero melting pot di culture.

Taylor sottolinea che, sebbene ci siano diverse identità culturali che coesistono negli Stati Uniti e in nazioni simili, la verità è che non c’è un’approssimazione fondamentale. In altre parole, non c’è “interculturalismo”.

Sebbene esistano determinate regole di convivenza tra le culture e queste vengano generalmente rispettate, non si comprende la differenza tra i diversi modi di pensare. Questo malinteso si manifesta poi come conflitto sociale e, soprattutto, come esclusione basata sulle differenze culturali.

Charles Taylor lo contrappone a ciò che sta accadendo in Canada. In questo paese c’è stata un’integrazione delle culture. Ciò è dovuto, secondo Taylor, al fatto che l’accento non è posto sulle norme e sulle leggi della convivenza, ma sul mutuo riconoscimento della differenza. In questo senso si parla di multiculturalismo “denso”, cioè che riconosce il forte peso e l’enorme profondità delle differenze culturali, pur rinunciando all’esercizio dell’egemonia da parte di un gruppo minoritario.

Identità moderna

Charles Taylor ha fatto un’analisi approfondita di come si configurerebbe il sé moderno, a partire dal XVI secolo. Ha preso come riferimento il sé europeo e nordamericano. Tuttavia, le sue conclusioni possono essere estese ad altre società. Quel sé è stato costruito attraverso pratiche culturali concrete, come l’arte, le forme familiari, la religione, i valori, ecc.

Taylor chiede: quali sono le fonti morali dietro queste pratiche culturali? Per rispondere a questo fa riferimento all’idea di “buono”, in particolare nel mondo moderno. In questo momento appare una nuova sensibilità, che è l’autoaffermazione. Allo stesso modo, delle diverse “macchine” che ne derivano: autocontrollo, fiducia in se stessi, autonomia, ecc.

Il contrario di quanto sopra è l’idea di non impegnarsi con il mondo, ma solo con se stessi. Tecnologia, razionalità scientifica e secolarizzazione segnano l’identità dell’io moderno. In altre parole, la strumentalizzazione e l'”oggettivazione” della natura e della realtà.

Donna che si guarda allo specchio
L’autodeterminazione prevale nell’identità moderna.

La secolarizzazione: l’aspetto chiave

Uno degli aspetti che segna una rottura storica tra l’uomo moderno ei suoi predecessori è la secolarizzazione, secondo Charles Taylor. Con ciò si riferisce al fatto che gli esseri umani sono sempre meno religiosi, in alcuni casi, o molto dispersi nelle loro credenze, in altri.

È la prima volta nella storia che gli esseri umani non sono legati tra loro da grandi credenze religiose condivise da gruppi maggioritari. In Occidente non ci sono più religioni egemoniche dominanti.

Una delle conseguenze della perdita della fede è la confusione sul senso della vita. Prima era facile trovare un senso a partire dalla religione, mentre ora è diventato chiaro che va costruito. Per questo, afferma Charles Taylor, uno dei tratti essenziali dell’identità contemporanea è il “desiderio di significato”.

Potrebbe interessarti ...
Il senso della vita secondo Viktor Frankl
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
Il senso della vita secondo Viktor Frankl

Il senso della vita secondo Viktor Frankl consiste nel trovare uno scopo, nell'assumersi una responsabilità per noi stessi e per l'essere umano in ...



  • Aguilera Portales, R. E. (2006). El debate iusfilosófico contemporáneo entre comunitaristas y liberales en torno a la ciudadanía.
  • Sahuquillo, I. M. (2006). La identidad como problema social y sociológico. Arbor, 182(722), 811-824.
  • Ruiz Schneider, C. (2013). Modernidad e identidad en Charles Taylor. Revista de filosofía, 69, 227-243.

I contenuti di La mente è Meravigliosa hanno uno scopo puramente informativo ed educativo. Non sostituiscono la diagnosi, la consulenza o il trattamento professionale. In caso di dubbi, è consigliabile consultare uno specialista di fiducia.