Film sulla famiglia: una selezione da non perdere!

Il cinema ci propone film per riflettere su un gruppo peculiare come la famiglia. In questo articolo vi diamo il titolo di alcuni film che soddisfano questo requisito.
Film sulla famiglia: una selezione da non perdere!

Ultimo aggiornamento: 14 novembre, 2022

Non scegliamo la nostra famiglia di nascita, eppure è determinante in molte occasioni. Che sia per mera appartenenza o per altro, in molte occasioni la famiglia predispone o incoraggia determinate decisioni. Scegliete tra i film sulla famiglia che abbiamo selezionato per voi.

Ma prima di iniziare vogliamo chiederci: cos’è la famiglia? Si tratta di un gruppo di persone legate da un primo o secondo grado di consanguineità, sebbene vi siano anche rapporti familiari di adozione.

I modelli familiari variano a seconda di diverse variabili, come la società, la cultura o il peso della religione. Di conseguenza, anche la regolamentazione degli obblighi e dei diritti delle famiglie in ogni luogo dipende da queste variabili.

Come possiamo vedere, l’universo familiare è immenso e complesso, ha molte sfumature; Tante famiglie quante sono in questo mondo. Qualcosa che di solito ignoriamo, ma che il cinema ci avvicina a rifletterci sopra.

1. Familia, di Fernando León de Aranoa

Familia è il primo film di Fernando León de Aranoa, regista che aveva già lavorato nel mondo della televisione. Nel 2012 Paolo Genovese dirige Una famiglia perfetta, film che prende come punto di partenza la trama di León de Aranoa.

Il tema centrale del film è la crisi della famiglia. Un argomento che prende forma attraverso la necessità per Santiago (Juan Luis Galiardo) di celebrare il suo anniversario circondato da una falsa “parentela” che lo fa sentire amato per un giorno.

Tuttavia, la rappresentazione teatrale del clan svela il lato oscuro di questa istituzione, cosa che si svela nelle immagini metonimiche dei titoli di coda su cui la telecamera si sofferma a mostrare i dettagli di una foto di famiglia che nasconde la vera storia del rapporto tra i suoi membri.

Violenza domestica

Ci sono numerosi riferimenti alla violenza domestica nel film. Nella scena iniziale, Martín racconta l’aneddoto della nascita di Santiago che fa riferimento a questo tipo di violenza: suo padre voleva essere il primo a picchiarlo perché non fosse il medico, estraneo, a dargli i primi “pizzicotti”.

Ci sono altre scene in cui questo tipo di violenza è esemplificato: quando Santiago stringe la cintura e aggiunge: “e, se no, possiamo sempre usarlo per colpire i bambini”. In un’altra scena, guardando una fotografia di famiglia, Santiago suggerisce che suo padre ha maltrattato sua madre.

Le contraddizioni inerenti a questa istituzione si manifestano nella giustapposizione di due piani. Da un lato, le scene del gioco o lo spazio delle apparenze. In esso emergono i segreti, le bugie ei principali problemi degli artisti, nonché la crisi del matrimonio del regista e dell’attrice protagonista. Dall’altro, lo spazio della vita quotidiana o scene della “vita reale” dei personaggi.

2. Una separazione

Scritto e diretto da Asghar Farhadi, è un paradigma del cinema iraniano contemporaneo. In questo modo di fare film, prevale il desiderio di ritrarre la vita quotidiana ei conflitti della società persiana in una prospettiva naturalistica priva di artifici.

Fahardi appartiene alla nuova ondata di registi iraniani introdotta da Abbas Kiarostami. Fatta eccezione per il film Shah-re-ziba, del 2004, in cui si occupava della pena di morte, la trama centrale del resto dei cinque lungometraggi che completano la sua filmografia è la crisi di coppia.

Nader (Payman Moaadi) e Simin (Leila Hatami) sono una coppia iraniana della classe media che ha chiesto il divorzio. Vuole che tutta la famiglia vada all’estero, dove sua figlia Termeh avrà un futuro migliore, ma Nader rifiuta: la sua argomentazione è che deve prendersi cura del padre malato di Alzheimer.

Il film descrive il processo di distruzione di due famiglie a causa del fatto che i loro membri mettono gli interessi personali prima di chiarire la verità. Sullo sfondo, la risoluzione di un conflitto che si confronta con i matrimoni rappresentati nel film.

Dall’inizio del film, lo spettatore è un testimone privilegiato il cui giudizio sul comportamento e l’atteggiamento dei personaggi varia a seconda delle informazioni a loro disposizione.

3.Rosetta

Tra i film sulle famiglie, ne troviamo anche alcuni in cui l’abbandono e l’abbandono dei genitori segnano il destino della loro prole. Questo film dei fratelli belgi Jean Pierre e Luc Dardenne, vincitori della Palma d’Oro al Festival di Cannes 1999, è stata l’esperienza cinematografica più viscerale dell’anno.

Rosetta, interpretata da Émilie Dequenne, vive in un garage con la madre alcolizzata. Semplicemente, vorrebbe cambiare la sua vita. La lotta per un lavoro dignitoso esemplifica anche la lotta dei poveri contro i poveri in un sistema capitalista.

Rosetta è un personaggio che si stabilisce nel cuore dello spettatore prima che ci sia il tempo per riflettere su di lei. È come se i fratelli Dardenne volessero trasformare un’esperienza di realismo in qualcosa di “banale”. Il film ha fatto una tale impressione in Belgio che nel novembre 1999 è stata approvata una legge sui salari destinati ai giovani con il nome di “piano Rosetta “.

4. Film sulla famiglia: Vai e vivrai, di Radu Mihaileanu

Il primo film epico dedicato all’emigrazione degli ebrei etiopi in Israele. Il lavoro di Radu Mihaileanu segue una formula che consente agli spettatori di essere coinvolti emotivamente in una storia di cui gran parte del pianeta non è a conoscenza.

Schlomo è un bambino etiope di nove anni che viene mandato dalla madre all'”Operazione Moses”, un programma che riporta gli ebrei etiopi in Israele. Ma Scholomo ha un segreto: non è né ebreo né orfano, due bugie che segneranno tutta la sua esistenza.

In Israele, Schlomo ha la fortuna di cadere in una famiglia felice e amorevole, composta da una madre protettiva, un padre premuroso e un nonno saggio. È un dramma familiare che abbraccia la politica complessa e divisiva di Israele, in cui i moderati affrontano i fondamentalisti per “l’anima” del Paese.

Il giovane Schlomo si trova al centro del dibattito, mentre opinioni nere, ortodosse e laiche esplodono sullo sfondo di proteste politiche, raid aerei e pregiudizi razziali.

Go and Live è tanto la storia di un bambino quanto lo è di qualsiasi persona che inizia a crescere e rinasce in un nuovo paese.

5. Film sulla famiglia: Little Miss Sunshine, di Jonathan Dayton e Valerie Faris

Un melodramma familiare, Little Miss Sunshine è anche una magnifica messa in scena della formula di far convivere una famiglia per un periodo di tempo considerevole .

Little Miss Sunshine rappresenta il meglio del cinema americano, dove oltre ai grandi film assemblati in studio, c’è anche la produzione cinematografica indipendente.

La famiglia Hoover si reca in California per sostenere la più giovane del clan (Abigail Breslin) mentre cerca di vincere il concorso Little Miss Sunshine. Durante il viaggio, ognuno di loro dovrà affrontare i propri fantasmi.

Una famiglia unita senza saperlo

La famiglia è composta da sei persone. Sheryl Hoover (Toni Collette), una madre che ogni giorno deve assumersi più responsabilità, a cui si aggiungono le cure di un fratello che ha tentato il suicidio.

Nel frattempo, il marito di Sheryl, Richard Hoover (Greg Kinnear), sta cercando di lanciare una carriera come oratore motivazionale. Il figlio di Sheryl, Dwayne (Paul Dano), ha promesso di non parlare fino a quando non avrà raggiunto il suo obiettivo di diventare un pilota collaudatore nell’Air Force.

Anche il padre di Richard, Edwin (Alan Arkin), vive con la famiglia; viveva in una residenza, ma le sue relazioni con la droga lo hanno cacciato dal centro.

Infine, c’è Olive (Abigail Breslin), l’aspirante concorrente di un concorso di bellezza. La piccola Miss Sunhine ci avvicina a un gruppo di anime un po’ ingenue e assediate da conflitti che devono iniziare un viaggio per raggiungere quell’obiettivo che le unisce.

Potrebbe interessarti ...
Film da guardare in famiglia
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
Film da guardare in famiglia

In questo articolo vi proponiamo una serie di film da guardare in famiglia, che riuniranno grandi e piccini davanti allo schermo.



  • Méndiz, A. (2008). La influencia del cine en la familia. Málaga, Universidad de Málaga.