33 meravigliose frasi di Erich Maria Remarque

· 13 maggio 2016

Lo scrittore tedesco Erich Maria Remarque è vissuto al tempo della Prima Guerra Mondiale. Tale situazione lo indusse a diventare una persona incredibilmente sensibile, sviluppando un’anima completamente vulnerabile e un grande talento umano.

Il suo lavoro, in ognuno dei suoi libri e scritti, si basa su visioni personali del contesto dell’epoca e su sentimenti sinceri. Tutto ciò che ha potuto osservare, vedere e sentire con i suoi fantastici occhi e il suo cuore sensibile.

Nei suoi libri possiamo percepire come per lui l’amore sia un sentimento carico di passione, su cui incentrare la propria vita ed esistenza. Ci presenta la guerra come un nefasto evento che tocca e ha influenza principalmente sulla volontà, la fede e il destino di ognuno di noi in quanto esseri umani. Il suo lavoro si focalizza soprattutto sulla generazione perduta in guerra e su coloro che non riescono a superare tale tragedia.

” Il mondo è un posto pericoloso; non a causa di quelli che fanno del male, ma a causa di coloro che guardano senza fare niente.”

-Albert Einstein-

donna nuda davanti ad un girasole

Oggi vi invitiamo a godere delle migliori frasi tratte dalle opere di Remarque “Tre camerati”, “Arco di trionfo”, “Niente di nuovo sul fronte occidentale” e “Il cielo non ha preferenze”. Grazie ad esse, desideriamo condividere con voi una parte della saggezza che riempie il cuore di questo meraviglioso scrittore.

33 frasi di Erich Maria Remarque

  • “No”, disse con rapidità. “Questo no. Rimanere amici? Seminare un orticello sulla lava degli spenti sentimenti? No, tra noi non può andare così. Così è come succede dopo piccole avventure, e risulta piuttosto falso. L’amore non si macchia con l’amicizia. La fine è la fine.”
  • Non esiste persona più estranea di chi si è amato in passato.
  • Che goffo diventa l’essere umano quando ama davvero! Con che rapidità perde la fiducia! E come si sente solo; d’improvviso tutta la sua presuntuosa esistenza si disperde come il fumo, lasciandolo tanto insicuro.
  • Soltanto chi è stato solo a lungo conosce la felicità portata dagli incontri con la persona amata.
  • L’amore non è retto dalle spiegazioni, richiede azioni.
  • Qualsiasi amore vuole essere eterno, ed è questo il suo eterno tormento.
  • Solo separandosi definitivamente da una persona si comincia a provare un vero interesse per tutto quello che la riguarda. È uno dei paradossi dell’amore.
  • Solo chi ha conosciuto la tristezza può riconoscere la felicità. Qualcuno felice non conoscerebbe la gioia di vivere più di un manichino, il quale la imita soltanto. La luce non brilla quando è tutto illuminato, fuoriesce dall’oscurità.
  • Parlare della felicità non richiede più di cinque minuti. Non c’è altro da dire, eccetto che si è felici. Sulle disgrazie, invece, la gente parla tutta la notte.
  • Una persona è davvero felice solo quando non presta attenzione a che ora sia e quando non si fa metter fretta dalla paura. Però, anche se avete paura, bisogna ridere. Che altro rimane da fare?
  • La felicità è la cosa più indefinita e cara al mondo.
  • La città più bella del mondo è quella in cui vi sentite felici.
  • Fintanto che l’uomo non si arrende, è più forte del proprio destino.
  • Quanto più l’essere umano è primitivo, più crede in se stesso.
farfalla e fiori

  • “Nulla è perduto”, ripetevo fra me. “Si può perdere una persona solo quando muore.”
  • La personalità migliore l’hanno i cinici; la più intollerabile, gli idealisti. Non vi sembra strano?
  • Meno si giudica, più valore si ha.
  • È sbagliato pensare che abbiano tutti la stessa capacità dei sensi.
  • Se volete che la gente non si renda conto di qualcosa, non siate cauti.
  • Ricordate una cosa: mai, mai e poi mai vi renderete ridicoli di fronte a una donna se fate qualcosa per lei.
  • La donna non ha bisogno di dire all’uomo che lo ama. Che venga espresso dai suoi occhi brillanti e felici. Dicono più di mille parole.
  • Una donna bisogna idolatrarla, altrimenti lasciarla. Tutto il resto è menzogna.
  • Un’antica regola dice: se una donna appartiene a un altro, è cinque volte più desiderabile di quella che avete la possibilità di conquistare.
  • Una donna non è un mobile di metallo, è un fiore. Non desidera formalità. Ha bisogno di parole calde e gentili. È molto meglio dirle qualcosa di carino ogni giorno, invece che lavorarci su freneticamente e con sguardo antipatico tutta la vita.
  • Ero accanto a lei, la ascoltavo, ridevo e pensavo a come ci si senta male ad amare una donna quando si è poveri.
  • Quello che non potete ottenere brilla sempre più di ciò che avete. Questa è la storia e l’idiozia della vita umana.
  • Dicono che la parte più difficile sia vivere i primi settant’anni. Poi la questione migliora.
  • La vita è una nave che ha tante vele e che in qualsiasi momento si può ribaltare.
  • Il rimorso è la cosa più inutile al mondo. Nulla si può tornare. Niente può essere corretto. Se così fosse, saremmo tutti dei santi. La vita non ha mai avuto l’intenzione di renderci perfetti. Colui che lo fosse dovrebbe essere esposto in un museo.
  • A volte i principi bisogna infrangerli, altrimenti non daranno nessuna gioia.
  • È meglio morire quando si ha voglia di vivere, piuttosto che vivere fino a desiderare di morire.
  • Qualsiasi cosa accada, non prendete le cose troppo sul serio. Sono poche quelle che hanno importanza per lungo tempo.

“La vita non è fatta per essere compresa, ma per essere vissuta.”

-George Santayana-