Gestire i conflitti: dimmi come lo fai e ti dirò chi sei

Cosa dicono di te le strategie che usi abitualmente per risolvere i conflitti? Quali sono le strategie che di solito seguiamo e cosa le rende intensificate? Ve lo raccontiamo in questo articolo!
Gestire i conflitti: dimmi come lo fai e ti dirò chi sei

Scritto da Edith Sánchez

Ultimo aggiornamento: 06 novembre, 2022

Il modo in cui gestiamo i conflitti dice molto su di noi. Si dice che la nostra posizione di fronte al conflitto ci tradisca, ci metta a nudo in qualche modo. Il modo in cui gestiamo le differenze e le tensioni ha molto a che fare con il modo in cui ci relazioniamo a noi stessi o con il punto di vista da cui osserviamo ciò che accade intorno a noi. Gestire i conflitti cosa dice di noi?

Una cattiva gestione dei conflitti intensifica il disagio che generano, anche se con questo modo di agire potremmo, in un primo momento, trovare sollievo. O proviamo un notevole disagio con noi stessi, oppure cresceranno le tensioni nelle nostre relazioni interpersonali. In altre parole, gestire male queste situazioni rende difficile trovare punti di incontro.

Il benessere dipende in gran parte dal modo in cui scegliamo di gestire i conflitti. Tuttavia, per farlo correttamente, dobbiamo essere abbastanza adulti; queste situazioni richiedono grande empatia, oltre che serenità e un atteggiamento costruttivo. Non è così facile.

Ogni volta che sei in conflitto con qualcuno, c’è un fattore che può fare la differenza tra danneggiare la relazione o rafforzarla. Quel fattore è l’atteggiamento “.

-William James-

amici che litigano

Il nostro conflitto quotidiano

Non c’è modo di evitare i disaccordi in una relazione, che si tratti di amore, famiglia o lavoro. Allo stesso modo, dobbiamo affrontare continuamente i limiti che la vita nella società ci impone e questo può generare tensione. Rispettare le regole non è sempre facile. Pertanto, il conflitto fa parte della vita quotidiana, in misura maggiore o minore.

Anche se può sembrare ridondante, il conflitto crea conflitto. Se vi trovate di fronte a una situazione che causa stress, potete mettere in atto una serie di misure che spesso non sono adattive. La cosa più semplice è combattere o fuggire. Se non potete farlo, potete scegliere di arrendervi, rinunciando a ciò che volete veramente e che pensate di dover fare.

La personalità influenza il modo in cui gestite i conflitti

La personalità influenza la gestione dei conflitti, ma la gestione dei conflitti influenza anche la personalità; cioè, l’influenza è bidirezionale. Uno studio condotto nel 2011 ha stabilito una relazione tra cinque tratti della personalità e la gestione di situazioni conflittuali. Tali tratti coincidono con quelli proposti dal modello Big 5: gradevolezza, apertura all’esperienza, coscienziosità, estroversione e nevroticismo.

Le conclusioni di questo studio sono state le seguenti:

  • Le persone in cui predominano tutti questi fattori, ad eccezione del nevroticismo, di solito risolvono i conflitti cercando modi per conciliare le due posizioni opposte.
  • In quei profili in cui predomina la gentilezza, tendono a predominare anche le strategie di evitamento. Raramente ricorrono all’imposizione.
  • I migliori negoziatori di conflitti sono persone in cui predominano i tratti di gradevolezza, apertura all’esperienza, coscienziosità ed estroversione.

Gestire i conflitti: in che modo e quali paure nasconde

Uno dei fattori che maggiormente condiziona il modo in cui gestiamo i conflitti è la paura. In particolare, la paura di perdere. Forse non avete detto al vostro partner cosa non vi piace della relazione perché temete un litigio o una rissa. Inoltre, non fate notare al vostro capo ciò che pensate sia ingiusto perché avete paura di perdere il lavoro o di essere soggetti a ritorsioni. Allo stesso modo, potreste non condividere le vostre opinioni con la vostra famiglia perché sapete che pensano esattamente il contrario.

La paura è correlata a molti fattori e uno di questi è l’aggressività. Vi mettete sulla difensiva perché nell’altro interpretate segni di minaccia, sia sul piano fisico, sia sul piano mentale o su entrambi contemporaneamente. Questo vi porta a cercare di “sbarazzarvi dell’altro” cancellando la sua voce, la sua presenza o il suo punto di vista. Quell’altro rappresenta una minaccia e voi vi sentite in diritto di difendere la vostra “tranquillità”.

Il problema è che di solito i confilitti non si risolvono né cedendo sistematicamente né attaccando. In effetti, è comune che questo tipo di strategia di coping finisca per generare più conflitti sul conflitto stesso.

coppia che litiga

Gestire i conflitti e i litigi non è la stessa cosa

La chiave per imparare a gestire i conflitti è capire che non devono essere sinonimo di lotta o confronto. Se non volete che lo siano, non lo saranno. Dipende esclusivamente da voi. La parola “esclusivamente” va sottolineata, perché, come si suol dire, “le cose si fanno in due”.

Molti conflitti nascono e crescono senza che le persone coinvolte sappiano esattamente perché e questa è un altro trucco. Prima di fingere di risolverlo, dovrete capirlo. Dove sta la differenza? Da dove viene la tensione? In cosa c’è esattamente una contraddizione e perché? Solo esercitandovi a capire cosa sta succedendo il problema inizia a essere risolto.

Un conflitto riesce a essere gestito bene quando invece di vederlo come un confronto inevitabile, viene percepito come la necessità di un nuovo patto. Qualcosa non riesce, qualcosa manca o qualcosa è avanzato in una situazione ed è per questo che è necessario mischiare nuovamente le carte e raggiungere un nuovo accordo. Se la vedete così, non avrete grandi difficoltà a trovare delle soluzioni.

Potrebbe interessarti ...
Conflitti più comuni e caratteristiche
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
Conflitti più comuni e caratteristiche

I conflitti più comuni nascono da diverse forme di disaccordo. A volte gli interessi di due o più individui o gruppi sono divergenti.



  • Monteiro, A. P., Serrano, G., & Rodríguez, D. (2012). Estilos de gestión del conflicto, factores de personalidad y eficacia en la negociación. Revista de Psicología Social27(1), 97-109.
  • Pereira, M. L. N. (2008). Relaciones interpersonales adecuadas mediante una comunicación y conducta asertivas/Adequate human relationships through an assertive conducts and communication. Actualidades investigativas en educación8(1).
  • Reimann, C. (2000). Hacia la transformación de conflictos: evaluación de los enfoques recientes de gestión de conflictos.