Giotto: il genio tra arte e fede

Lo stile di Giotto può essere riassunto attraverso le figure dominanti, semplici e severe, inserite in ambienti di astrazione. L'anatomia e la prospettiva furono usate dal grande maestro come abili espedienti narrativi. Ma le opere a egli attribuite sono davvero sue?
Giotto: il genio tra arte e fede

Ultimo aggiornamento: 05 marzo, 2021

Giotto di Bondone nacque tra il 1266 e il 1276, a Vespignano, vicino a Firenze. Noto come il più importante pittore italiano del XIII secolo, le sue opere sono considerate un punto di svolta nello sviluppo delle arti visive in Europa.

I suoi disegni innovativi furono i precursori dello stile rinascimentale che si sarebbe sviluppato solo un secolo dopo. Per quasi sette secoli, Giotto fu venerato come il padre della pittura europea e il primo esponente dei grandi maestri italiani.

Per molti ricercatori le attribuzioni del suo lavoro rimangono però problematiche e spesso altamente speculative. Questo perché poco della sua vita e gran poco delle sue opere fu realmente documentato. Per questo motivo è infatti molto difficile seguire una cronologia stilistica esauriente.

I primi anni

Gran parte della biografia e dello sviluppo artistico di Giotto è da dedurre dalla testimonianza delle opere giunte fino a noi. Tuttavia, molte di queste opere non gli si possono attribuire con assoluta certezza.

Le storie sulla sua vita e le sue opere risalgono per la maggior parte alla fine del XIV secolo. Giorgio Vasari, pittore e storico dell’arte, descrisse Giotto nel suo famoso libro Le vite dei più eccellenti pittori, scultori e architetti.

Quadro di Giotto.

L’anno di nascita di Giotto viene fatto risalire agli anni 1266/67 o 1276. La differenza di dieci anni è di fondamentale importanza nella valutazione del suo sviluppo come artista. Questa differenza è cruciale per l’attribuzione degli affreschi della chiesa di San Francesco ad Assisi.

Si sa che Giotto morì l’8 gennaio 1337, poiché il momento fu registrato nella cronaca di Villani. In questa cronaca, si afferma che Giotto aveva 70 anni quando morì.

Si è sempre pensato che Giotto fosse un allievo dell’importante artista Cimabue. Cimabue è considerato il pittore più importante in Italia alla fine del XIII secolo.

Come nessun artista prima, Cimabue provò ad allontanarsi dalle forme stilizzate dell’arte medievale attraverso la forza immaginativa e della realtà. Per questo sembra che Giotto fu ispirato dal suo tratto e dalla sua capacità di incorporare la tensione drammatica nelle sue opere.

Nelle opere di Giotto, gli esseri umani sono il soggetto esclusivo nel contesto del grande dramma cristiano del sacrificio e della redenzione.

In confronto al grande artista fiorentino, tutti i suoi predecessori e la maggior parte dei suoi immediati successori dipinsero uno spettacolo di marionette con manichini senza vita. Giotto ruppe con la tradizione bizantina e lasciò il posto all’emotività dell’approccio francescano al cristianesimo.

La questione di Assisi

Esiste un problema fondamentale negli studi su Giotto: l’attribuzione degli affreschi di Assisi. Giotto ha davvero dipinto ad Assisi, e se sì, che cosa ha dipinto?

Non esiste alcun dubbio che abbia lavorato ad Assisi. Una lunga tradizione letteraria che risale alla compilazione cronologica di Riccobaldo Ferrarese nel 1319 ne attesta infatti la presenza durante i lavori di affresco.

Ci sono inoltre testimonianze delle opere di Giotto nella grande chiesa doppia di San Francesco. Diversi affreschi nella chiesa superiore e inferiore sono ulteriormente attribuiti al grande artista.

Di grande importanza è il ciclo di 28 scene della vita di San Francesco d’Assisi dipinte nella navata della chiesa superiore. Gli vengono attribuite anche le Virtù Francescane e alcuni altri affreschi nella chiesa inferiore.

La maggior parte di queste scene sono rivoluzionarie nella loro espressione della realtà e dell’umanità. L’enfasi sul momento drammatico di ogni situazione e la realtà interiore dell’emozione umana sono catturate intensamente, attraverso gesti e sguardi cruciali.

Nel XIX secolo, tuttavia, si osservò che tutti questi affreschi, sebbene simili nello stile, non potevano essere dello stesso autore. Lo scetticismo e la convinzione che gli affreschi di Assisi e il Ciclo di San Francesco risalissero a un periodo successivo alla morte di Giotto presero piede. Tuttavia, questa visione estrema è stata oggigiorno generalmente abbandonata.

È facile immaginare che il giovane Giotto ebbe un tale successo da ricevere l’incarico importantissimo di dipingere la biografia ufficiale di San Francesco, scritta intorno al 1266 da San Bonaventura. L’immagine che abbiamo oggi di San Francesco deriva in gran parte da questi affreschi.

Giotto e il periodo romano

Tre grandi opere sono attribuite a Giotto nella città di Roma. Queste sono il grande mosaico di Cristo che cammina sull’acqua (La Navicella), situato sopra l’ingresso di San Pietro; la pala d’altare dipinta per il cardinale Stefaneschi (Musei Vaticani); e il frammento di affresco di Bonifacio VIII che proclama il Giubileo, in San Giovanni in Laterano (San Giovanni in Laterano).

Anche per queste opere romane sorgono simili problemi di attribuzione. È possibile che in questo periodo Giotto abbia realizzato anche il Crocifisso nella chiesa di Santa Maria Novella e la Madonna in San Giorgio e Massimiliano dello Spirito Santo (entrambi a Firenze).

Affresco di Assisi.

Il periodo padovano

Il ciclo di affreschi nella cappella di Padova, nota come Cappella degli Scrovegni, è un esempio del primo sviluppo artistico di Giotto. La cappella fu fondata nel 1303 e consacrata il 25 marzo 1305. In esse, il fondatore è raffigurato mentre offre un modellino della chiesa nell’enorme Giudizio Universale, che copre l’intera parete ovest.

Il resto della piccola chiesa spoglia è coperto da affreschi su tre livelli. Questi affreschi rappresentano scene della vita di Gioacchino e Anna, la vita della Vergine, l’Annunciazione (nell’arco del coro), la vita e la Passione di Cristo, concludendo con la Pentecoste.

Sotto queste tre fasce narrative se ne trova una quarta che contiene le personificazioni monocromatiche delle virtù e dei vizi. Gli affreschi sono in condizioni relativamente buone e possiedono un enorme potere narrativo.

L’eredità di Giotto

Giotto raggiunse una grande fama personale durante la sua vita. Dante lo cita addirittura nella Divina Commedia, cementando così la fama che lo seguirà nell’Italia del XIV e XV secolo. Dalla Divina Commedia in poi, molte leggende hanno cominciato a cristallizzarsi intorno al nome di Giotto.

“Gli amici sinceri di questo mondo sono come le luci delle navi nelle notti più tempestose”.

-Giotto-

Giotto è considerato l’uomo che ha rotto con il Medioevo e ha inaugurato la modernità. Non fu fino al Rinascimento, con Masaccio e Michelangelo, che i suoi veri successori cominciarono ad emergere.

Potrebbe interessarti ...
Raffaello: il grande pittore del Rinascimento
La Mente è MeravigliosaLeggi in La Mente è Meravigliosa
Raffaello: il grande pittore del Rinascimento

Raffaello è uno dei più grandi pittori dell'Alto Rinascimento. Fu un artista celebrato, che si è distinto dai suoi contemporanei.



  • Köster, T., & Röper, L. (2008). 50 artistas que hay que conocer.
  • Devoto, D. J. (1937). Seis siglos de vida de Giotto. Peñola, 1(1), 85.
  • González, J. M. S. (2013). Ascensio in Deum per vestigia et in vestigiis: la Estética inmanente de San Buenaventura y sus posibles reflejos en la iconografía de la Basílica de San Francisco en Asís. Mirabilia: Revista Eletrônica de História Antiga e Medieval, (16), 4-39.
  • Baxandall, M. (2017). Pintura y vida cotidiana en el Renacimiento: arte y experiencia en el Quattrocento. Ediciones Ampersand.