Gli effetti dello stress sulla salute

· 2 marzo 2016

Oggigiorno, vivere senza stress sembra un’utopia. Tuttavia, mentre alcuni tipi di stress sono una risposta adattativa alle circostanze, e sono considerati normali, lo stress cronico o molto intenso è uno stato di attivazione del sistema nervoso che, a lungo andare, viene associato a diverse malattie.

Non possiamo vivere in un continuo stato di stress, poiché il nostro corpo ce lo ricorderà e ne risentirà. Per questo, cercare di non soffrire di stress è positivo per la nostra salute.  

Cos’è lo stress e a che cosa serve?

Lo stress è una risposta del cervello quando questo riceve una richiesta dall’esterno, come ad esempio una data di scadenza per la consegna di un lavoro o la minaccia di furto che ci spinge a scappare. Le persone, possedendo il dono dell’immaginazione, possono soffrire di stress a causa di pensieri che non sono reali.   

“La voce dell’ego altera costantemente lo stato naturale di benessere del corpo. Quasi tutti i corpi umani sono sottomessi ad una grande quantità di pressione e stress, non perché siano minacciati da fattori esterni, ma per l’azione interna della mente.”
-Eckhart Tolle-
ragazza stressata tra i libri

Lo stress sporadico, quello che si produce come conseguenza di uno stimolo concreto che dobbiamo risolvere, è positivo, poiché mette il nostro corpo in uno stato di attivazione che ci permette di reagire più in fretta e con più energia, di concentrarci di più, ecc. Si tratta di una tensione che ci prepara all’azione.

Tuttavia, gli stadi cronici di stress fanno sì che l’attivazione permanente causata da un continuo flusso ormonale consumi eccessivamente le nostre energie, ci “scombussoli” dal punto di vista ormonale e, di conseguenza, generi stadi che influiscono negativamente sulla nostra salute generale.

Effetti dello stress sulla salute

Di seguito vi illustriamo i principali effetti che questo stato di pressione e stanchezza mentale ha sulla nostra salute, anche se dobbiamo avere ben chiaro che si genera principalmente per la co-influenza di altri fattori.

  • Depressione e ansia: lo stress cronico a lungo andare può portare a stati di depressione e ansia, a causa degli sbalzi ormonali e al consumo di energie che presuppone.
  • Problemi alla pelle e caduta dei capelli: eruzioni cutanee come l’acne e l’eczema possono essere causati da continui stati di tensione; atri problemi, come la dermatite atopica e la psoriasi diventano più acute e peggiorano. Inoltre, lo stress può provocare una caduta eccessiva di capelli, che il alcuni casi si trasforma in calvizia totale.
  • Problemi mestruali: lo stress è intimamente relazionato agli ormoni, il cui squilibrio prolungato può provocare problemi mestruali, cicli eccessivamente dolorosi e irregolarità o ritardi; in casi gravi, le mestruazioni non si presentano.
  • Problemi digestivi: lo stress altera il funzionamento del sistema digerente; rende la digestione pesante, altera il transito intestinale e, inoltre, è strettamente relazionato alla comparsa delle ulcere gastrice, poiché incrementa la produzione di acidi digestivi che intensificano questo tipo di problemi.
  • Problemi di insonnia: è capitato a tutti, almeno una volta, di non riuscire a conciliare il sonno o di svegliarsi nel bel mezzo della notte, senza essere capaci di riaddormentarci; i problemi di insonnia non sono negativi di per sé, ma provocano un consumo extra di energie, poiché l’impossibilità di dormire bene influisce sul normale svolgimento di tutti i compiti delle ore diurne.
  • Problemi arteriosi e cardiaci: la pressione e la stanchezza mentale prolungate sono relazionati a malattie gravi come l’ipertensione e le malattie coronarie; se questi effetti si verificano a per molto tempo, sono davvero gravi e dovrebbero portarci a ridurre lo stress.
  • Problemi di peso: le situazioni stressanti ci portano a mangiare in modo compulsivo, e per questo lo stress è relazionato a problemi di sovrappeso e anche al diabete.

Cosa fare per ridurre lo stress

ragazza medita

A seconda della situazione che lo genera e della tendenza all’ansia di ogni persona, lo stress può essere difficile da sradicare del tutto, ma c’è sempre qualcosa che possiamo fare per ridurlo il più possibile:

  • Lo sport è un grande alleato contro lo stress. Praticare qualsiasi sport rilassa e libera energie che in alternativa rimarrebbero dentro di noi, “consumandoci” dall’interno. Il semplice fatto di camminare due o tre volte alla settimana fa la differenza, anche se uno sport più intenso è sicuramente più efficace.
  • Un altro aspetto importante da tenere in considerazione al momento di ridurre lo stress, riguarda la dieta. Seguire un’alimentazione sana ed equilibrata, specialmente ricca di acidi grassi omega 3 (come quelli che si trovano nel pesce), aiuta a ridurre lo stress, poiché un corpo ben nutrito è un corpo più controllato.
  • Praticare attività rilassanti come il mindfulness, la meditazione, lo yoga o le tecniche di rilassamento psicologico è particolarmente indicato per ridurre al massimo lo stress. A volte, dedicare un po’ di tempo a se stessi, fare una doccia, camminare…fa la differenza.
  • La compagnia delle persone che amiamo e di chi ci dà supporto psicologico nei momenti difficili o che generano in noi ansia è un aspetto indispensabile nella lotta contro lo stress. Dopo un pomeriggio passato con gli amici o con i familiari, sentirete i livelli di stress ridursi considerevolmente. È scientificamente dimostrato che il contatto fisico e i gesti affettuosi e le carezze migliorano la salute delle persone che soffrono di ansia e depressione