I peccati capitali nel sesso

4 agosto 2015 in Curiosità 0 Condivisi

Al giorno d’oggi, la sessualità non è più un tema tabù, come invece era fino a qualche anno fa. Le donne sono abbastanza emancipate e questo influisce moltissimo sul loro comportamento a letto, durante i momenti intimi di coppia.

Tuttavia, questa maggior libertà non ha posto fine agli errori commessi tra le lenzuola; per questa ragione, una giornalista della rivista spagnola TodaMujer ha stilato una lista dei peccati capitali (in termini sessuali) che vengono perpetrati nell’intimità. Tali errori possono portare a una riduzione della passione, del feeling e della qualità del rapporto sessuale. Ecco a voi l’elenco:

L’avarizia: se uno dei due è troppo timido per chiedere quello che gli piace o per spiegare cosa non ama, c’è un problema. Lo stesso accade se fate parte di quel gruppo di persone che suole dire “non mi interessa se non raggiungo l’orgasmo, l’importante è che ci riesca il mio lui/lei”. Questi atteggiamenti sono controproducenti sia per voi che per il vostro partner; se volete che i preliminari durino di più, dovete solo chiederlo: spesso, fare allusioni non serve a nulla.

Ci sono donne che persino nel XXI secolo continuano a ritenere il sesso una atto volgare, che riguarda solo gli uomini. Dimenticatevi dei pregiudizi e cominciate a divertirvi. Anche se si dice che gli uomini abbiano un maggior bisogno del sesso rispetto alle donne, a letto non sono tutti attivi, sfrenati, intraprendenti e piccanti. È per questo che dovete sempre chiedere ciò che desiderate e così avrete molte più probabilità di ricevere piacere.

L’ira: molte coppie litigiose tendono a spegnere i loro conflitti a letto; dopo aver consumato il rapporto, sembra che non sia capitato nulla. È positivo servirsi di questo tipo di riconciliazione certe volte, ma non sempre, perché nel profondo del cuore rimane una questione irrisolta, in sospeso.

La passione nella coppia non è mai negativa, nemmeno quando viene usata come “dolcificante” dopo una baruffa. L’atto sessuale genera energia, evita i fraintendimenti, connette spiritualmente le due persone, ecc. Insomma, è un ottimo modo di fare pace.

L’invidia: uno studio sostiene che le donne sono più invidiose degli uomini. Gli uomini sono più tranquilli da questo punto di vista, ma ciò non significa che non siano invidiosi per nulla. Va detto che l’invidia sana esiste e che è possibile trasformarla in qualcosa di positivo. Come? Usandola come fonte d’ispirazione.

Se vedete che la vostra migliore amica e il suo partner hanno un matrimonio meraviglioso, felice e molto attivo dal punto di vista sessuale, chiedetele qual è il loro segreto. Cercate gli elementi necessari e metteteli in pratica, usate i consigli che vi vengono dati. L’invidia cattiva fa male, intossica, avvelena e dà infelicità.

La superbia: molte persone vivono la vita con una grande sicurezza, perché hanno avuto la fortuna di essere belle, di avere un bel fisico, di essere estroverse, intraprendenti o intelligenti. Questa sicurezza dovrebbe essere contagiosa: di sicuro piacerebbe a tutti sentirsi soddisfatti del proprio corpo, cosa che non accade molto spesso, poiché la maggior parte delle persone vede solo le proprie imperfezioni e non le proprie bellezze.

Gli uomini si stufano facilmente di ascoltare le solite lamentele della loro partner che dice di essere grassa, di avere la cellulite, di avere un seno piccolo, ecc. Queste moine riducono il desiderio. Sarebbe invece meglio se vi sentiste come Afrodite, la dea dell’Amore: così, rispetterete voi stesse e, allo stesso tempo, farete sì che la fiamma della passione tra voi e il vostro uomo non si spenga mai. I maschi sono attratti da donne attive, intraprendenti e innovative.

Nessuno a questo mondo vanta un fisico perfetto, quindi cominciate a volervi bene e a rispettarvi un po’ di più. Soprattutto, ricordatevi che la persona con la quale mantenete il rapporto sessuale si è innamorata di voi per come siete, sia dal punto di vista fisico che caratteriale.

L’accidia: tutti quelli che rimangono distesi a letto o seduti in poltrona per tutto il finesettimana, nonostante il gran numero di cose da fare, sono nemici della sessualità. Abbandonarsi a sé stessi ed essere privi di spontaneità significa allontanarsi enormemente dalla passione e dal sesso.

Convivere o essere sposati con il proprio partner a volte può essere un elemento negativo per la propria relazione. Tentate di non passare tutto il giorno pulendo, cucinando, mettendo a posto, tagliando l’erba o portando il cane a spasso: è necessario mantenere un equilibrio sessuale e anche risparmiare qualche energia per consumare il rapporto.

La gola: il modo di mangiare di un uomo o di una donna può dire molto di loro; queste deduzioni si possono anche usare per descrivere il loro comportamento a letto. Per esempio, se al ristorante preferite sempre i cibi più sofisticati, è probabile che nel sesso non vi accontentiate di qualcosa di semplice e tradizionale. “Gola” può anche significare l’ansia di voler provare cose sempre più spinte; valutate bene le vostre scelte a letto, come se fosse un menù.

La lussuria: indubbiamente, questo è il peccato capitale che per definizione è legato al sesso. Di certo avete sempre desiderato essere fantastici amanti, che seducono la propria metà con un semplice sguardo e che la fanno impazzire a letto. Il fatto di pensare ad un attore o a un cantante fino al punto di immaginarvi a letto con questo personaggio può essere positivo per la coppia: i sogni erotici sono divertenti e potete metterli in pratica per dare un po’ di brio alla vostra routine.

Guarda anche