I vantaggi di scegliere il proprio stile di vita

27 maggio 2015 in Psicologia 6 Condivisi

Cresciamo con una serie di norme o schemi sociali che ci vengono inculcati. Questi possono essere positivi oppure ci possono portare a vivere una vita che non desideriamo. Ascoltate voi stessi per sapere che cosa vi rende veramente felici o seguite le regole della società?

Sembra che a ogni età corrisponda qualcosa. Se siamo bambini, dobbiamo giocare con le macchinine, se siamo bambine con le bambole; gli uomini devono essere forti, le donne sensibili; passati i 25 anni, bisogna sposarsi, formare una famiglia e stare con il proprio partner per tutta la vita.

Nel momento in cui qualcuno esce dagli schemi e decide di vivere una vita diversa, gli vengono affibbiate delle etichette. Se a 30 anni non si hanno bambini, ci viene detto che, se non ci si affretta, potrebbero avere problemi, ma pochi si pongono il quesito che forse quella persona non vuole avere figli.

Se a 40 anni non si ha un compagno fisso, ci possono dire che siamo degli scapoloni o delle zitellone e che rimarremo soli, ma se quella persona non vuole legarsi o ancora non ha trovato la persona che la completi? Viviamo in una società fatta di idee fisse? Facciamo i moderni, ma all’ora della verità la società continua a imporci delle regole?

Meglio essere un “felice strano” piuttosto che un “infelice normale”

L’etichetta “strano” viene spesso data perché non si seguono le tradizioni che vengono considerate corrette. Se abbiamo un’alta autostima, non ci saranno problemi quando ci denomineranno tali poiché daremo più valore alla nostra opinione che a quella degli altri.

Nel caso avessimo una bassa autostima, però, sentirsi diversi potrebbe essere un problema, tra cui il peggiore è vivere una vita che non si desidera solo per fare bella figura e non essere criticati. Ci sono molti casi di persone omosessuali che decidono di fingere di essere eterosessuali per paura di quello che le persone potrebbero dire, di donne che si sposano e partoriscono per far parte della società normale, di altri che intraprendono studi che non li appassionano solo perché pensano che sia quello che devono fare, piuttosto che quello che li soddisfa.

La grande priorità dovrebbe essere ascoltare se stessi, senza intermediari, senza opinioni esterne, né norme, né tradimenti. Molte persone possono arrivare a credere che desiderano qualcosa perché hanno alcune convinzioni molto forti in testa, per questo il miglior modo per ascoltare se stessi è quello di disconnettere la mente e fare più attenzione alle sensazioni e ai sentimenti interiori.

Ci sono persone che sono felici di vivere dentro le norme sociali e per cui non c’è motivo di ribellarsi, ma ce ne sono anche altre che vivono una vita imposta dagli schemi della società, e questo significa vivere nell’infelicità.

Ribellatevi e vivete a modo vostro

Se non vi sentite felici della vita che conducete, ribellatevi e iniziate a decidere per voi stessi. Dimenticatevi di quello che viene considerato “normale”; ogni persona dovrebbe vivere la propria vita a modo suo, che sia dentro le norme sociali o no.

Avete 70 anni e vi piacerebbe molto riprendere gli studi? Fatevi avanti perché la vita è adesso e se questo vi rende felici, significa che vi state godendo il presente. Sentite che non volete condurre la stessa vita da casalinga di vostra madre? Non dovete farlo, non sposatevi, non abbiate figli e fate ciò che vi rende felici.

Non tutti devono seguire gli stessi modelli, non tutti devono essere uguali, né procedere allo stesso ritmo. Alcuni sono felici svolgendo cinque attività quotidiane, altri ne preferiscono due… tutto è relativo e ognuno desidera qualcosa.

Se siete coscienti che le tradizioni non sono razionali, non vi importerà allontanarvene.

Imporre delle regoli uguali per tutti significa non rendersi conto che ogni essere umano ha gusti e necessità differenti. Non esistono due menti uguali e, anche se possono essere molto simili, ci sono sempre delle differenze per quanto riguarda i gusti.

Ascoltate voi stessi e non gli altri perché alla fine nessuno vivrà la vita al posto vostro, quindi scrivete la trama della vostra vita.

Immagine per gentile concessione di: Martin Hricko

Guarda anche