Il benessere lavorativo e le variabili che lo influenzano

Passiamo molto tempo a lavorare. Inoltre, il modo in cui agiamo nella nostra vita lavorativa di solito influenza, e molto, il nostro concetto di sé. Pertanto, in questo articolo vogliamo parlare dei principali fattori che influenzano il benessere dei lavoratori.
Il benessere lavorativo e le variabili che lo influenzano

Ultimo aggiornamento: 06 dicembre, 2022

Oggi le aziende hanno diversi strumenti per misurare la produttività dei propri dipendenti, proprio come qualsiasi altro fattore che può influenzarla. C’è però un aspetto che non sempre viene preso in considerazione: la salute mentale dei propri dipendenti. E non solo dal punto di vista fisico, visto che la sfida più grande per i lavoratori è il benessere lavorativo.

Un lavoratore con problemi di ansia o depressione renderà meno del previsto, il che si rifletterà, prima o poi, sulla produttività dell’azienda. Ecco perché sorprende che così tante aziende facciano ancora fatica a investire nel benessere mentale dei propri lavoratori.

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), più di 300 milioni di persone nel mondo soffrono di depressione e 1 su 4 soffrirà di qualche problema di salute mentale per tutta la vita. Sono dati che mostrano una pandemia silenziosa che colpisce tutti i settori sociali e imprenditoriali.

Donna stanca al lavoro
Ansia, depressione o problemi di stress tra i lavoratori influenzano le loro prestazioni e produttività.

Fattori che influenzano il benessere lavorativo

Le cause che possono causare un deterioramento della salute mentale dei dipendenti di un’azienda sono molteplici. Anche se, al di là di ogni caso, questi sono i fattori principali secondo l’OMS :

  • Condizioni di lavoro inadeguate : il benessere di un dipendente deriva dal sentirsi in buone condizioni per il proprio lavoro. Ore che rendono possibile una vita arricchente al di fuori del lavoro e uno stipendio adeguato alle proprie responsabilità sono la base per prendersi cura del benessere del lavoratore.
  • Ambiente di lavoro “inquinato”: nessuno si trova a suo agio in un luogo dove regna l’ostilità. Che sia al lavoro, a casa o con gli amici, è importante creare un clima in cui tutti si sentano al sicuro ea proprio agio.
  • Scarsa comunicazione interna: la comunicazione inefficace o la mancanza di supporto da parte dei dirigenti e dei colleghi può essere un fattore chiave.
  • Carico di lavoro eccessivo – Nessuno è felice quando deve portare il lavoro a casa con sé. Come nella sezione sulle condizioni di lavoro, è essenziale che il dipendente senta che il carico di lavoro è commisurato alla retribuzione percepita ogni mese.
  • Mancanza di riconoscimento: come un basso potere decisionale, la mancanza di riconoscimenti può far disconnettere il lavoratore dall’azienda, dai suoi scopi e obiettivi.

Secondo i dati di NTT DATA, l’ 87% dei lavoratori non è soddisfatto della propria salute mentale sul posto di lavoro. Di loro, il 44% si sente molto preoccupato per la conciliazione tra lavoro e salute mentale. D’altra parte, un altro 43% ammette di avere qualche preoccupazione.

Nuove sensibilità, nuovi reparti

L’evidenza di questo tipo di dati costringe le aziende a creare nuovi reparti e dinamiche che si prendano cura della salute mentale dei dipendenti come di qualsiasi altro bene. In fondo è un fattore che determinerà la produttività dell’azienda, quindi è fondamentale investire su di essa, anche dal punto di vista pratico e organizzativo.

Aziende, come Mapfre o Endesa, si vantano di avere servizi di prevenzione e supporto psicologico per i propri lavoratori. Workshop, terapie di gruppo e attività al di fuori dell’azienda sono alcune delle dinamiche che le aziende stanno già attuando.

Alcuni marchi lo fanno in modo più indiretto, promuovendo lo sport, un’alimentazione sana o l’equilibrio tra lavoro e vita privata. In questo modo, il benessere mentale dei tuoi dipendenti può essere alleviato sentendo un maggiore coinvolgimento da parte dell’azienda in aspetti della loro vita che non sono legati al loro lavoro.

Alcune aziende effettuano sondaggi che forniscono dati sulla salute mentale dei propri dipendenti, sui loro sogni e sulle loro paure. Un modo per avere una visione d’insieme dei bisogni intangibili dei lavoratori dell’azienda, che devono essere soddisfatti per non soffrire la produttività.

Persone che parlano in un'intervista
I dati costringono le aziende a implementare nuovi reparti e dinamiche che si prendano cura della salute mentale dei dipendenti come qualsiasi altro bene.

Misure a tutela della salute mentale dei lavoratori

Oltre a queste rilevazioni tramite moderni software, le aziende possono svolgere altre azioni al fine di tutelare il benessere psichico dei propri dipendenti:

  • Conoscere le esigenze di ogni professionista : avere informazioni sulle preoccupazioni dei propri dipendenti è il primo passo per risolvere il problema. Senza questa conoscenza, sarà difficile agire.
  • Investire nella formazione : questo tipo di misura aumenterà la motivazione dei lavoratori, così come il loro senso di appartenenza all’azienda.
  • Permettere flessibilità: grazie alle nuove tecnologie, è possibile implementare giornate di telelavoro che aiutano i dipendenti a sciogliere la tensione e schiarirsi le idee dopo tanto tempo in ufficio.
  • Mostrate una leadership che ascolta, sostiene e si fida: qualsiasi lavoratore che senta che il proprio superiore lo ascolta e prende in considerazione le sue idee si sentirà apprezzato e, quindi, più a suo agio all’interno dell’azienda.

Altre misure a tutela del benessere lavorativo

  • Garantite un buon ambiente di lavoro: dalle cene aziendali alle attività al di fuori dell’orario di lavoro, questo tipo di misure può migliorare il rapporto di gruppo tra i vostri dipendenti.
  • Mantenere una corretta comunicazione interna: questo farà sentire i lavoratori più coinvolti nell’azienda, poiché sentiranno di partecipare alla crescita aziendale.
  • Riorganizzate gli orari: tutto ciò che può facilitare la riconciliazione dei vostri dipendenti con la vita familiare avrà un impatto positivo sul loro benessere mentale e, quindi, su quello dell’intera azienda.

Qualsiasi azienda investirebbe parte del suo capitale nella riparazione di materiale, macchine o installazione essenziale per la propria attività. Ecco perché è sempre più comune farlo con la salute mentale dei dipendenti. È chiaro che la strada da percorrere è ancora lunga, ma si stanno già gettando le basi che favoriranno il benessere  lavorativo in futuro.

Potrebbe interessarti ...
Mindfulness sul posto di lavoro
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
Mindfulness sul posto di lavoro

Google, Apple e altri marchi hanno già scoperto i vantaggi della mindfulness sul posto di lavoro per dipendenti e aziende.




I contenuti di La mente è Meravigliosa hanno uno scopo puramente informativo ed educativo. Non sostituiscono la diagnosi, la consulenza o il trattamento professionale. In caso di dubbi, è consigliabile consultare uno specialista di fiducia.