Il colloquio motivazionale per affrontare le dipendenze

Presentiamo alcune strategie utilizzate nel colloquio motivazionale di Miller e Rollnick.
Il colloquio motivazionale per affrontare le dipendenze

Ultimo aggiornamento: 13 aprile, 2021

Il colloquio motivazionale è una risorsa psicologica ideata da Miller e Rollnick nel 1991. Nel contesto delle dipendenze, la motivazione nel realizzare un cambiamento è un aspetto fondamentale che deve essere considerato fin dal momento in cui il paziente comincia la terapia.

È molto comune che le persone con dipendenze – che si tratti di sostanze, persone o nuove tecnologie – non siano consapevoli del loro problema. Tendono a negarlo, ritengono che quello che fanno è del tutto normale, quindi che non hanno motivo di abbandonare la loro dipendenza. Oltre a ciò, spesso hanno un pregiudizio chiamato “illusione del controllo" per cui credono di controllare perfettamente il loro comportamento, ma in realtà non è affatto così.

Se la persona non è motivata a cambiare, il trattamento non avrà successo. Ecco perché il colloquio motivazionale è essenziale per affrontare le dipendenze. È la porta di accesso al trattamento. Il colloquio motivazionale permette di affrontare la mancanza di motivazione in quei soggetti che, secondo il modello transteorico di Prochaska e Di Clemente, si trovano nelle fasi di pre-contemplazione o contemplazione.

Vale a dire, le persone che credono di non avere un problema e che non vogliono cambiare – anche se lo fanno davvero – e quelle che iniziano a percepire che forse devono modificare alcuni comportamenti problematici.

Ragazzo pensieroso che indossa una felpa blu con cappuccio.


Le strategie usate dal colloquio motivazionale

Il colloquio motivazionale è costituito da una serie di strategie che si sono dimostrate efficaci nel promuovere il cambiamento del comportamento. Sono otto:

  • Dare informazioni e consigliare. È importante fornire al paziente delle informazioni che possa comprendere e che siano scientifiche e oggettive. Per fare ciò, dobbiamo portarlo a riconoscere che soffre di un problema grave che comporta dei rischi e delle conseguenze. Non si tratta di fargli paura, ma di fornirgli delle informazioni veritiere che potrebbe non conoscere. Il paziente deve capire perché è così necessario il cambiamento e fargli comprendere che questo cambiamento può realmente avvenire.
  • Rimuovere gli ostacoli. Aiutare il paziente ad essere in grado di andare in terapia e non trovare scuse per non farlo. Garantire un intervento in un breve periodo di tempo, invece di una lunga lista di attesa, facilita l"adesione e il coinvolgimento nella terapia.
  • Dare varie opzioni tra cui scegliere al paziente. Il paziente deve sentirsi libero di scegliere. Le sue scelte, senza coercizione e senza influenze esterne, aumentano la motivazione al cambiamento. In terapia, è importante chiarire gli obiettivi che desidera raggiungere e visualizzare se le sue scelte lo stanno facendo avvicinare verso tali obiettivi. In questo modo, il suo ruolo attivo viene rafforzato.
  • Diminuire i fattori che rendono desiderabile un comportamento che crea dipendenza. La dipendenza viene mantenuta perché il paziente ottiene degli effetti positivi. Pertanto, è necessario identificarle per eliminarle o ridurle il più possibile. Tra le procedure che possono essere utilizzate per limitare questi fattori vi sono la consapevolezza delle loro conseguenze dannose o contingenze sociali che diminuiscono gli effetti positivi e aumentano quelli negativi. È anche molto importante fare un"analisi dei pro e dei contro o dei costi/benefici.
  • Promuovere l"empatia. La resistenza al cambiamento è molto comune nei pazienti con dipendenza. In questo senso, l"empatia e l"ascolto attivo aiutano a rimuovere questa resistenza e fanno sentire il paziente più propenso ad apportare dei cambiamenti.
  • Dare un feedback. Il terapeuta deve fornire informazioni al paziente su come lo vede, cosa pensa di aver ottenuto, i rischi o le conseguenze. Ciò influisce sulla motivazione e promuove l"auto-efficacia.
  • Chiarire gli obiettivi. Bisogna fissare degli obiettivi realistici, raggiungibili e accettati dal paziente. In caso contrario, potrebbe rifiutarsi o non attenersi alla terapia, e quindi la motivazione diminuirà.
  • Aiuto attivo. Nonostante sia sempre il paziente a decidere o meno se vuole cambiare, e se vuole o meno realizzare il trattamento, il ruolo del terapeuta è importante. Quando il paziente non va all"appuntamento con lo psicologo, è bene fargli una telefonata per chiedere il perché della sua assenza. Questo aumenta la probabilità che torni la prossima volta.
Aiuto psicologico per le persone epilettiche.


Conclusioni

I problemi psicologici non si risolvono passivamente. Andare in terapia è fondamentale e ha un ruolo attivo nella risoluzione dei problemi, ruolo che fino ad ora non gli era stato assegnato. Pertanto, essere motivati ​​a cambiare, crescere o superare determinate circostanze è il primo passo.

Se non si soddisfano queste condizioni, il cambiamento è impossibile. Il colloquio motivazionale di Miller e Rollnick può aiutare in questo senso, soprattutto quei pazienti che non riconoscono di avere un problema, come nel caso della dipendenza. Tuttavia, la decisione finale spetterà sempre al paziente. Talvolta entrano in gioco numerose variabili che riguardano la personalità o fattori ambientali difficili da controllare.

È solo quando il paziente si rende conto che sta perdendo molto di più di quanto sta guadagnando che si può prendere in considerazione un cambiamento. Il terapeuta deve essere presente in questo momento e promuovere il più possibile l"adesione alla terapia.

Con una buona motivazione, flessibilità, tolleranza e perseveranza, il cambiamento è possibile. La buona notizia è che quello che c"è dall"altra parte è molto più rinforzante di quello che ha il paziente oggi.

Potrebbe interessarti ...
Le dipendenze comportamentali più comuni
La Mente è MeravigliosaRead it in La Mente è Meravigliosa
Le dipendenze comportamentali più comuni

La parola "dipendenza" è spesso associata all'abuso di sostanze. Esistono dipendenze comportamentali in cui un'azione crea dipendenza.



  • Vallejo, P, M.A. (2016). Manual de Terapia de Conducta. Editorial Dykinson-Psicología. Tomo I.