Inibizione comportamentale e disturbi d'ansia

L'inibizione comportamentale è presente dalla nascita e può accompagnarci per tutta la vita, aumentando il rischio di disturbi d'ansia.
Inibizione comportamentale e disturbi d'ansia

Ultimo aggiornamento: 26 luglio, 2022

Ansia, timori o sfiducia condizionano notevolmente la vita, causano disagio e fanno perdere occasioni importanti. Sebbene possa trattarsi della conseguenza di diversi fattori, in molti casi a giocare contro di noi è una certa vulnerabilità biologica che gioca contro di noi. Ci riferiamo all’inibizione comportamentale.

Si tratta di un tratto del temperamento che può essere notato sin dall’infanzia. È legato alla paura e alla moderazione del comportamento, ovvero la tendenza a ritirarsi o a non interagire.

Può essere influenzato da vari fattori ambientali, ma di solito rimane stabile per tutta la vita e contribuisce alla comparsa di vari disturbi d’ansia.

Donna con blocco d'ansia.

Cos’è l’inibizione comportamentale?

L’inibizione comportamentale è un tratto del temperamento, ma cosa significa? Ebbene, il temperamento è una tendenza innata a percepire, sentire e agire in un certo modo. È una predisposizione caratteriale che determina il modo in cui reagiamo e affrontiamo l’ambiente.

Questo è globale (copre tutti gli aspetti della vita), stabile (rimane relativamente invariato negli anni) e congenito (nasciamo con questa tendenza e ha un fattore ereditario). Pertanto, queste differenze sono riconoscibili sin dal momento della nascita.

Quando si parla di inibizione comportamentale, ci si riferisce alla predisposizione a reagire con paura alla novità. I bambini inibiti provano grande ansia quando si imbattono in nuove persone, stimoli o situazioni, e tendono a ritirarsi e cercare la sicurezza delle figure di attaccamento. Tendono a essere timidi e paurosi, sono spesso irrequieti e preferiscono l’evitamento sociale.

Proprio come ci sono bambini sicuri e desiderosi di esplorare il mondo, altri soffrono di fronte all’ignoto e si rifugiano dietro le gambe dei genitori. Ora, questa non è una normale precauzione o una fase particolarmente delicata.

Dopo gli otto mesi si consolida l’ansia da separazione e il bambino tende a cercare il contatto con la madre ed evitare gli estranei. Nel caso dell’inibizione comportamentale, questa è una tendenza estrema e che persiste nel tempo, anche in età adulta.

Inibizione comportamentale e disturbi d’ansia

Si stima che circa il 15% dei bambini mostri queste tendenze emotive. Allo stesso modo, il 10% di coloro i quali hanno mostrato inibizione comportamentale nell’infanzia continuerà a mostrarla durante l’adolescenza e l’età adulta.

Questo tratto può segnare profondamente la vita e le esperienze della persona. Non solo porteranno a provare ansia, preoccupazione, paura e irrequietezza in un numero maggiore di situazioni, ma influenzeranno anche le relazioni e le esperienze.

Per esempio, può influire sul rendimento scolastico a causa del timore di partecipare attivamente alla lezione o di socializzare; ma, soprattutto, porterà il minore a instaurare meno relazioni sociali e a renderle meno gratificanti, fino a essere rifiutato dai coetanei.

A sua volta, in età adulta l’inibizione comportamentale farà perdere opportunità professionali, personali e sociali. Oltre a ciò, renderà più vulnerabili a sviluppare disturbi mentali. In particolare, aumenta le probabilità di ansia da separazione, fobia sociale e disturbo d’ansia generalizzata.

Sembra anche aumentare il rischio di sviluppare depressione, ma questo effetto sarà mediato dalla presenza di un disturbo d’ansia.

Prevenzione e approccio

L’inibizione comportamentale non è l’unico fattore che determina la comparsa di disturbi d’ansia. Non tutti i bambini inibiti finiscono per soffrire di ansia né tutte le persone con disturbi d’ansia sono inibite.

Entrano in gioco più variabili nell’equazione ed è su queste che possiamo agire per contrastarne gli effetti. Tra le più importanti vi sono le seguenti:

  • Presenza di disturbi d’ansia in uno dei genitori. Ciò influenza la predisposizione genetica, ma anche ciò che si apprende dall’ambiente. I genitori ansiosi possono trasmettere l’idea che il mondo sia ostile e pericoloso e aumentare la tendenza nei figli a temere ed evitare certe situazioni.
  • Uno stile educativo basato sull’iperprotezione. In linea con quanto sopra, molti genitori impediscono ai propri figli di sperimentare, mettersi alla prova e sviluppare abilità nel tentativo di fare tutto per loro. Invece di rendere loro la vita più facile, li privano dell’opportunità di sviluppare autostima e fiducia in se stessi, e ciò aumenterà solo la loro paura e il senso di vulnerabilità nei confronti del mondo.
  • Un’educazione basata sulla mancanza di affetto o di critica. D’altra parte, ci sono genitori che difficilmente offrono affetto, che criticano i figli e non li accettano. Un simile scenario crea un legame di attaccamento insicuro e rende molto più probabile la comparsa di disturbi d’ansia in futuro.
  • Esperienze sociali negative. Vivere esperienze spiacevoli o traumatiche aumenta la paura verso il mondo. Allo stesso modo, l’inibizione comportamentale aumenta le probabilità che queste si verifichino poiché la paura e l’ansia non consentono alla persona di sviluppare buone abilità sociali e la rendono più soggetta a rifiuto, scherno o isolamento.
Bambino con ansia e inibizione comportamentale.

Conclusioni

Un temperamento inibito aumenta il rischio e le probabilità di soffrire di diversi disturbi d’ansia nell’infanzia, nell’adolescenza e nell’età adulta. Tuttavia, non è una fase.

Se si adotta uno stile educativo affettuoso e rispettoso che favorisce l’autonomia del bambino, questo rischio si riduce. Ma anche da adulti è possibile contrastare questa tendenza, soprattutto dandosi la possibilità di sperimentare.

L’evitamento è comodo, ma aumenta la paura e l’ansia; bisogna superare la naturale tendenza a inibirsi e permettersi di provare esperienze temute, imparare e ottenere feedback positivi.

Naturalmente, se si soffre di un disturbo d’ansia, si consiglia caldamente di affidarsi a un professionista che possa guidare nel migliore dei modi.

Potrebbe interessarti ...
Disturbi d’ansia: come aiutare davvero chi ne soffre
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
Disturbi d’ansia: come aiutare davvero chi ne soffre

Aiutare chi soffre di disturbi d'ansia richiede tatto, empatia e intelligenza, perchè chi soffre di ansia non riesce a pensare con lucidità.



  • Cornellà, J. (2010). ¿Qué es el temperamento? Anales de Pediatría Continuada, 8(5), 231–236. https://doi.org/10.1016/s1696-2818(10)70041-x
  • Kagan, J. (1997). Temperament and the reactions to unfamiliarity. Child development68(1), 139-143.
  • Ordóñez-Ortega, A., Espinosa-Fernández, L., García-López, L. J., & Muela-Martínez, J. A. (2013). Inhibición conductual y su relación con los trastornos de ansiedad infantil. terapia psicolÓgica31(3), 355-362.