Io riflesso di Charles Cooley

La teoria dell'Io riflesso definisce molto bene la società in cui viviamo oggi. Quella in cui molte persone si preoccupano eccessivamente di come sono viste dagli altri o di cosa pensano di loro. È il vostro caso?
Io riflesso di Charles Cooley

Ultimo aggiornamento: 24 marzo, 2022

La teoria dell’Io riflesso, looking-glass self theory, è stata enunciata nel 1902, tuttavia è ancora molto attuale. Soprattutto in questa era di social network e culto dell’immagine. In questo momento, la percezione che gli altri hanno di noi in questo mondo digitale definisce, in molti casi, il proprio status.

Tale formulazione è stata introdotta da Charles Cooley, sociologo dell’Università del Michigan, nel suo Human Nature and the Social Order. Il suo contributo teorico è stato importante, soprattutto nell’ambito della psicologia sociale.

Proiettiamo noi stessi nella società in qualche modo, ma quel riflesso è  definito dalle nostre percezioni di come crediamo che gli altri ci vedano.

Entrano dunque in gioco più variabili, di cui le più importanti quelle relazionali. Quell’immagine che costruiamo per noi stessi è definita dalle nostre interazioni quotidiane.

In altre parole, la qualità dei nostri legami renderà il sé proiettato nello specchio dei nostri ambienti sociali più positivo e sano. Nonostante questa teoria abbia più di un secolo, risulta ancora utile.

L’interazione con la famiglia, gli amici e le figure sociali in genere funge da specchio che ci aiuta ad avere una percezione della nostra immagine e anche del nostro valore.

Donna che guarda in uno specchio rotto.

In cosa consiste a teoria dell’io riflesso?

Potremmo dire che la teoria dell’Io riflesso di Charles Cooley è uno degli approcci più duraturi. Si tratta, inoltre, di uno dei più interessanti per comprendere l’impatto dei social network sulla nostra autostima (come apprezziamo noi stessi) e sulla nostra immagine di sé (come ci vediamo).

Le convinzioni che abbiamo su come gli altri ci vedono possono determinare il nostro benessere psicologico in molti casi.

Per una significativa parte della popolazione, l’immagine di sé si costruisce attraverso i social network. Basta postare una foto su Instagram, Facebook o TikTok per ricevere una serie di rinforzi o critiche.

L’interazione positiva permette oggi di costruire un’immagine positiva di sé. D’altra parte, il rifiuto boicotta completamente la percezione che si ha della propria persona.

Questo spiegherebbe perché molti dei nostri adolescenti sviluppano un sé così fragile. Uno studio dell’Università dell’Oklahoma spiega questo fenomeno.

I media digitali sono quello specchio in cui costruiamo la nostra immagine sulla base dei giudizi altrui . Il fenomeno non potrebbe essere più preoccupante.

La tua autostima dipende anche da come pensi che gli altri ti vedano

La teoria dell’Io riflesso di Charles Cooley (1902) spiega che l’identità sociale è costruita anche sulla base delle percezioni di sé. In buona parte dipende dal modo in cui crediamo che gli altri ci valutino e ci percepiscano. Ognuno di noi, quindi, crea nel tempo una propria concezione di sé (interna).

Tuttavia, costruiamo anche una concezione parallela (esterna) basata su convinzioni su come ci vedono la nostra famiglia, i nostri amici, insegnanti, vicini, ecc. Cooley ha spiegato che è come guardarsi allo specchio. In esso vediamo un volto, una figura, dei vestiti…

Ci vediamo dalla mente degli altri, non dalla nostra. È un’immagine che può essere attraente o sgradevole a seconda di come valutiamo le percezioni altrui.

Cooley ha sottolineato che i bambini sono particolarmente orientati all’uso del sé specchio. Se ricevono un’interazione positiva, se sono emotivamente convalidati e valorizzati, l’immagine che vedranno nei loro specchi sociali sarà bella e sana.

I bambini e la teoria dell’Io riflesso di Charles Cooley

I bambini e gli adolescenti sono molto sensibili alle valutazioni degli altri al fine di costruire la propria identità. La loro immagine personale, il loro sé, può essere un’ombra o un essere splendente a seconda dell’ambiente in cui crescono.

In questo modo, la teoria del Sé specchio pone l’attenzione su quel processo, su quella costruzione dell’immagine di sé del bambino.

Il bambino e il giovane Sé crescono mentre interagisce con il suo ambiente, secondo Cooley. Un’interazione gratificante e arricchente costruisce un sé sano. L’esperienza sociale consente di formarci e migliorare l’immagine che abbiamo di noi stessi.

Ora, se trasferiamo questa teoria al presente, le cose si complicano. A volte un adolescente può avere una famiglia premurosa che contribuisce quotidianamente alla sua autostima e al suo benessere. Tutto però può essere stravolto dall’uso improprio dei social network e delle nuove tecnologie.

Quel ragazzo o quella ragazza potrebbe iniziare a fare affidamento esclusivamente sul proprio “sé digitale” per costruire la propria immagine. Lo specchio non è più il tuo ambiente, è l’universo dei social network. Quello che può iniziare a oggettivarli, semplicemente perché non hanno un corpo (presumibilmente) “normativo”.

Ragazzo adolescente.

Giudizi di parte che alimentano l’infelicità

La teoria dell’Io riflesso di Charles Cooley sottolinea l’importanza dei propri giudizi nel costruire chi siamo. È chiaro che ciò che pensiamo gli altri pensano di noi ha un impatto su di noi.

Quasi nessuno è ignaro di ciò che il nostro ambiente ci trasmette. Né alle dinamiche che troviamo nei nostri profili sui social network.

Tuttavia, non è bene valutare noi stessi in modo unico ed esclusivo in base a quello specchio fittizio. Non è salutare diventare vittime di mendicanti del rafforzamento del nostro ambiente sociale per sapere chi siamo.

Il nostro specchio autentico è dentro di noi ed è lì che dobbiamo viaggiare, in esso si trovano le verità autentiche e il vero Sé è sempre manifesto. Brilla.

Potrebbe interessarti ...
Approvazione, necessaria per lo sviluppo del Sé
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
Approvazione, necessaria per lo sviluppo del Sé

L'approvazione è un aspetto determinante dello sviluppo del Sé, in particolare per il suo contributo al nostro benessere.



  • Cook, William L.; Douglas, Emily M. (1998). “The looking-glass self in family context: A social relations analysis”. Journal of Family Psychology. 12 (3): 299–309. doi:10.1037/0893-3200.12.3.299
  • Shaffer, Leigh S. (January 2005). “From mirror self-recognition to the looking-glass self: exploring the Justification Hypothesis”. Journal of Clinical Psychology. 61 (1): 47–65. CiteSeerX 10.1.1.541.2928. doi:10.1002/jclp.20090
  • Jones, Julie. (2015). The Looking Glass Lens: Self-concept Changes Due to Social Media Practices. 4. 100.
  • Unoka, Zsolt; Vizin, Gabriella (December 2017). “To see in a mirror dimly. The looking glass self is self-shaming in borderline personality disorder”. Psychiatry Research. 258: 322–329. doi:10.1016/j.psychres.2017.08.055
  • Yeung, King-To; Martin, John Levi (2003). “The Looking Glass Self: An Empirical Test and Elaboration”. Social Forces. 81 (3): 843–879. doi:10.1353/sof.2003.0048