La regina degli scacchi: molto più di un gioco

La Regina degli scacchi ha conquistato il catalogo Netflix nel 2020. Ha dimostrato che una serie su scacchi, libri e sentimenti può essere più attraente di film d'azione o romantici con una trama classica.
La regina degli scacchi: molto più di un gioco
Cristina Roda Rivera

Scritto e verificato da la psicologa Cristina Roda Rivera.

Ultimo aggiornamento: 10 dicembre, 2022

Sia negli scacchi che nelle serie le aperture possono essere cruciali e la serie La Regina degli scacchi ha voluto giocare bene fin dall’inizio. Se gli scacchi possono trasmettere lentezza, presentare nelle prime inquadrature la scena di una giovane donna circondata da pillole e liquori è saper sorprendere con lo “scacco matto”.

La serie non ha una trama comune. Il suo titolo suona strano e attraente allo stesso tempo. La protagonista vive situazioni alquanto estreme, sia in positivo che in negativo. Invece, il suo dolore, la sua sensibilità e il suo ingegno finiscono per catturarci: c’è qualcosa di familiare in lei. La regina degli scacchi  è un continuo scacco matto per lo spettatore nel senso buono del termine.

Forse i suoi creatori inizialmente non si aspettavano che questa serie piacesse a così tanti tipi di pubblico. Con una protagonista femminile leggermente sessualizzata, senza colpi né violenze, solo con l’adrenalina dell’intelletto. Una trama piena di libri e figure di scacchi che non hanno bisogno di più ingredienti per avere un sapore così piacevole.

La Regina degli scacchi: dipendenza dagli scacchi

Queen’s Gambit mette gli scacchi al centro della scena. Attraverso i suoi episodi crolla un mito: non è materiale di intrattenimento per nessun formato audiovisivo. In ogni caso, questa fiction aveva già un buon precedente, trattandosi dell’omonimo romanzo scritto da Walter Tevis e che ottenne anche un notevole successo.

La protagonista, insieme agli scacchi, è Beth Harmon. Una giovane donna con un’intelligenza che sfida tutti gli standard conosciuti nel mondo degli scacchi. Il personaggio è, per certi versi, ispirato allo sportivo e giocatore di scacchi Bobby Fischer, un “giocatore di scacchi unico”. La serie cerca di replicarla con una protagonista femminile, che dovrà affrontare i pregiudizi legati al suo status di donna.

Queen’s Gambit è un “ode agli scacchi”, con una protagonista che deve combattere contro le sue orribili dipendenze, mentre pratica uno sport che richiede la massima concentrazione e strategia. La storia esplora i limiti del genio, che sono spesso integrati da un lato oscuro rappresentato dalle abitudini malsane narrate nella trama. In questo senso non si rinuncia alla stravaganza del mito.

Dipendenza e passione

Queen’s Gambit inizia la sua narrazione con una giovane Beth (interpretata da Isla Johnston) che viene ricoverata in un orfanotrofio del Kentucky dopo essere sopravvissuta al suicidio dell’auto di sua madre, da cui esce solo fisicamente illesa.

L’orfanotrofio, un luogo un po’ repressivo, cerca di tenere sotto controllo i suoi ospiti usando tranquillanti.

L’introversa Beth trova in loro i suoi alleati perfetti: le permettono di calmare il suo temperamento instabile, affinare la sua immaginazione di notte ed entrare in uno stato pseudo-allucinatorio. La fuga cognitiva ed emotiva sarà definitiva quando scoprirà gli scacchi. Le scene in cui le partite di scacchi sono simulate sul soffitto sono l’esempio perfetto di cosa significhi passione.

Una trama dal ritmo veloce

Per 7 episodi, La Regina degli scacchi ci assedia con l’intrattenimento, allontanandosi dalla volgarità e dalla prevedibilità di molte delle produzioni in catalogo. Nell’episodio di apertura, l’estetica proiettata è quella di un libro di fiabe. È allora che Beth “inciampa” negli scacchi mentre fa una commissione nel seminterrato del custode dell’orfanotrofio, il signor Shaibel (interpretato da Bill Camp).

Il tutore, in un primo momento, è riluttante a mostrarla, ma alla fine accetta, stupito dal suo interesse e dalle sue capacità. Di notte, Beth ripassa le mosse che le insegna su una tavola immaginaria che proietta usando le ombre nella sua camera da letto.

Le scene dell’orfanotrofio sono lente, e mostrano come Beth stia appassendo tra farmaci ansiolitici e disciplina. Per lei, la scoperta di quel seminterrato sarà l’evento che segnerà tutta la sua infanzia e la sua vita successiva. Sarà affascinata da quell’uomo solitario e tranquillo, la cui vita sembra pesargli sulle spalle.

Beth scopre che il signor Shaibel sta giocando a scacchi contro se stesso. Ciò provoca empatia, mistero e ancor più voglia di scoprire tutti i segreti del gioco.

Non è necessario aver visto nessun altro film di scacchi per apprezzare la dedizione richiesta dalle buone pratiche. L’apprendistato di Beth con Shaibel è affascinante. La serietà e l’affetto di queste due anime sole si uniscono. Le emozioni attraversano lo schermo.

La transizione di Beth

L’adolescente e l’adulta Beth sono interpretate da Anya Taylor-Joy, un’attrice che sembra aver trovato uno dei ruoli della sua carriera. All’età di 15 anni, viene adottata da Alma Wheatley (interpretata da Marielle Heller), una donna di mezza età che sta morendo all’interno del suo matrimonio e trova in Beth una nuova ragione per vivere.

La sua debolezza emotiva contrasta con quella di Beth, che sembra forte. Nonostante emanino profumi diversi, in realtà si uniscono donne molto simili: donne talentuose e sensibili che affrontano un mondo che non dà loro molte possibilità culturali. Inoltre, sono “toccati emotivamente” e sanno come uscire dal dolore solo attraverso bevande o tranquillanti.

L’estetica delle acconciature e degli abiti di Beth segnerà anche il suo passaggio da adolescente a adulta, scegliendo la moda come complemento perfetto al suo ingegno. Dirà addio alla sua pettinatura arruffata, prendendosi sempre più cura della sua immagine man mano che il filmato procede.

Taylor-Joy appare in ogni scena, anche prima che gli altri personaggi la vedano recitare e imparino a confermare ciò che il signor Shaibel le aveva detto durante l’infanzia: “A dirti la verità, ragazza, sei fantastica”. Il carisma e la portata di questa attrice fanno molto, così come l’evidente divertimento del regista nel combinare gli scacchi con l’iconografia spionistica della Guerra Fredda.

donna che gioca a scacchi

La Regina degli scacchi e i giochi della vita

Questa serie ci insegna che il talento e la passione straordinari possono aiutare a sistemare le cose finanziariamente per noi, ma allo stesso tempo possono anche ostacolare la capacità di chiedere aiuto in tempo. Le lotte di Beth contro la dipendenza, la malattia mentale e l’isolamento sostengono la storia in sette lunghi episodi, ma non sono le uniche trame.

Si sviluppano relazioni che si sentono malnutrite dal personaggio di Beth, mentre le persone dall’altra parte si sentono insolitamente sorprese e sopraffatte dalla sua personalità.

La sceneggiatura tiene conto della sua natura contraddittoria, avendo difficoltà a socializzare anche quando i suoi amici, come la sua coinquilina dell’orfanotrofio Jolene, le stanno al fianco.

Tutto sommato, Queen’s Gambit è una vittoria fresca e sorprendente in un catalogo Netflix che ha bisogno di nuove trame con diversi talenti recitativi. Dimostra che l’intrigo può essere presente in 7 lunghi capitoli senza la necessità di violenza o ipersessualizzazione dei personaggi. Il raro e l’elegante possono conquistare anche un vasto pubblico.

Potrebbe interessarti ...
Maid, la serie che ha commosso il mondo
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
Maid, la serie che ha commosso il mondo

"Maid" è una serie Netflix che ripercorre la storia empatica di una giovane donna e di sua figlia che ha commosso il mondo.


I contenuti di La mente è Meravigliosa hanno uno scopo puramente informativo ed educativo. Non sostituiscono la diagnosi, la consulenza o il trattamento professionale. In caso di dubbi, è consigliabile consultare uno specialista di fiducia.