L'amore duraturo inizia quando la cotta finisce

L'amore duraturo è quello che si consolida e può durare tutta la vita, se ci impegniamo adeguatamente.
L'amore duraturo inizia quando la cotta finisce
Adriana Díez

Scritto e verificato da la psicologa Adriana Díez.

Ultimo aggiornamento: 16 dicembre, 2022

Quando è che si smette di essere innamorati? Quando passiamo dal parlare d’amore al parlare di innamoramento? La chiave per comprendere l’amore duraturo è nella transizione e non nel cambiamento, in questo modo possiamo capire quanti amori sopravvivono quando l’idealizzazione è finita e quanti no.

Pensiamo che l’innamoramento non finisca e l’amore inizi, ma che sia un percorso dall’uno all’altro. L’innamoramento è pieno di idealizzazione, non vediamo l’altro per quello che è realmente, ma piuttosto proiettiamo tutte le nostre illusioni e i nostri desideri sull’altra persona, tutto ciò che vogliamo nell’altro si incarna in quella passione.

Quando iniziamo davvero a vedere l’altro con i suoi difetti, quando abbiamo quello “shock” della realtà e accettiamo quelle differenze e arriviamo ad amarlo è quando possiamo davvero parlare d’amore. Possiamo quindi trovare e comprendere l’amore duraturo se riusciamo a vedere la transizione e l’adattamento alle circostanze nel tempo. Non deve essere perfetto, deve essere reale e rispondere alle esigenze di ogni momento in modo che duri nel tempo.

“Il vero amore non è altro che l’inevitabile desiderio di aiutare l’altro ad essere quello che è.”

-Jorge Bucay-

La teoria dell’amore di Stenberg

Stenberg stabilì quella che oggi è conosciuta come la teoria triangolare dell’amore. Questo autore ci parla dell’amore come sentimento che si baserebbe su tre pilastri fondamentali:

  • Intimità: intesa come la vicinanza tra due persone, conoscersi e scoprirsi. Concedendosi la fiducia di mettere a nudo le loro anime.
  • Passione: come sentimento di desiderio e attivazione fisiologica.
  • Impegno: decisione che viene presa tra i due di restare insieme nel tempo.

L’amore duraturo e completo si verificherebbe quindi in presenza delle tre componenti in parti uguali, anche se ci sono fasi in cui l’intimità, la passione o l’impegno acquistano un peso maggiore come “collante” della coppia.

paio di mani unite

L’amore duraturo, secondo Stenberg

Per Stenberg, l’amore duraturo e completo sarebbe facile da trovare, ma difficile da mantenere. Guardando ora i tre pilastri, a seconda di quale di essi spicca, avremo diversi tipi di amore. Per esempio:

  • Piacevole: qui sarebbe presente solo la privacy. Ci sarebbe vicinanza e comprensione.
  • Innamorarsi: la passione segnerebbe questo sentimento. C’è attrazione fisica e sessuale. È molto veloce, ma diminuisce anche a grande velocità.
  • Amore vuoto: l’impegno rimarrebbe. È stata presa la decisione di restare insieme ed è seguita da quella promessa.
  • Amore romantico: qui troveremmo passione e intimità. L’impegno sarebbe lasciato fuori da questo tipo di amore.
  • Amore di compagnia: intimità e impegno contraddistinguono questo modello. Potrebbe essere inteso come un’amicizia impegnata a lungo termine.
  • Amore fatuo: inteso come unione di passione e impegno ma senza intimità. Non sono conosciuti a fondo ed è difficile che durino nel tempo.

“Se ami davvero qualcuno, tutto ciò che vuoi per lui è la sua felicità, anche se non puoi dargliela.”

-Anonimo-

Comprendendo questi tipi di amore possiamo capire molto meglio che questo sentimento è dinamico e mutevole. Pertanto, è possibile passare da un tipo all’altro man mano che si verificano le fasi o evidenziare uno dei pilastri fondamentali che abbiamo identificato prima.

È salutare essere sempre innamorati?

Molti descrivono la fase dell’innamoramento come una fase delirante grazie al fatto che in questo periodo di solito c’è una notevole distanza tra ciò che è e ciò che percepiamo. Idealizziamo l’altra persona e ci costa un mondo essere obiettivi, quindi questo non sarebbe un vero amore.

Amare qualcuno implica conoscerlo completamente, sapere cosa ci piace dell’altro e cosa no, e anche allora prendere la decisione di voler stare al suo fianco.

Donna con cuori dipinti sulle mani che coprono gli occhi

Quando ci innamoriamo, il nostro cervello rilascia sostanze chiamate serotonina e dopamina. Il suo rilascio genera in noi una sensazione di piacere e felicità e ci rende “dipendenti” da quell’altra persona, poiché genera euforia e benessere. Ma questo torrente di emozioni diminuisce nel tempo e lascia il posto a emozioni nuove, più razionali e in alcuni casi meno intense.

Il nostro cervello essendo innamorato si lascia trasportare dalla passione e dalla felicità del momento, quasi come gli animali.

Quando il nostro cervello ama, lo fa anche con la sua parte razionale, valorizzando e prendendo decisioni e scegliendo l’altro da un punto di vista più maturo e più umano. Innamoriamoci ogni giorno, ma soprattutto impariamo ad amare ogni secondo una volta spezzata l’inerzia della fase dell’infatuazione. Così, l’amore duraturo implica certi sacrifici che all’inizio ci sfuggono ed esige uno sforzo che all’inizio non ci è costato. Siamo noi a dover decidere se ne vale la pena o no.

Potrebbe interessarti ...
Cos’è l’amore?
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
Cos’è l’amore?

l’amore non è un concetto universale o dalla definizione univoca. Bisogna sentirsi liberi di amare chi ribalta i nostri schemi e ci rende migliori.



  • Sternberg, R. J. (1986). A triangular theory of love. Psychological review93(2), 119.
  • Machin, A. (2022). Love is the drug.
  • Esch, T., & Stefano, G. B. (2005). The neurobiology of love. Neuroendocrinology Letters26(3), 175-192.

I contenuti di La mente è Meravigliosa hanno uno scopo puramente informativo ed educativo. Non sostituiscono la diagnosi, la consulenza o il trattamento professionale. In caso di dubbi, è consigliabile consultare uno specialista di fiducia.