Che cos'è l'amore? Un eterno dilemma

Cos'è l'amore? Una domanda complessa a cui da sempre cerchiamo risposta. Scopriamone di più.
Che cos'è l'amore? Un eterno dilemma
Gema Sánchez Cuevas

Revisionato e approvato da la psicologa Gema Sánchez Cuevas.

Ultimo aggiornamento: 15 dicembre, 2022

Che cos’è l’amore? Come definire qualcosa di così complesso, contraddittorio, affascinante e che allo stesso tempo ci fa sentire così vivi? Non si può osservare al microscopio, c’è chi lo definisce in termini chimici e chi ne fa poesia. L’amore è ispirazione, a volte anche sofferenza, tutti vogliono viverlo, la maggior parte lo ha sentito prima o poi, ma il nostro conto in sospeso è ancora in grado di spiegarlo.

Mahatma Gandhi diceva che “dove c’è amore c’è vita”. Questa è senza dubbio una delle definizioni più semplici ma realistiche di questa meravigliosa dimensione, oltre che misteriosa. Questa emozione è ciò che nutre il bambino appena nato, ciò che ci aiuta a crescere, ciò che ci fa sentire parte di un gruppo sociale. L’amore, per così dire, ci mette al mondo…

Vi presentiamo: Che cos’è l’amore? di Canva Presentazioni

Ci sceglie,ma che cos’è l’amore?

Canzoni d’amore. Tutti noi abbiamo i nostri preferiti, e cercano di spiegare cos’è questo sentimento e cosa implica e soprattutto cosa produce: felicità, miseria, ispirazione, passione… Questi testi ci parlano dell’amore non corrisposto, e anche delle sue tipologie : amore interessato, amore romantico, amore eterno, amore che nasce dall’amicizia…

“L’amore è una cosa che brucia
Che forma un anello di fuoco…”

-Johnny Cash-

Se siete già stati innamorati o se lo siete tutt’ora, saprete benissimo cosa si prova anche se non potete esprimerlo in una definizione che racchiuda semanticamente tutte le sfumature. Quindi, se c’è qualcosa che la maggior parte di noi sa, è che non siamo sempre liberi di innamorarci di chi vogliamo veramente. Per dirla in un altro modo: l’amore ci sceglie. E quella scelta può essere quella opportuna o, al contrario, portarci più sofferenza di quanto pensiamo.

Perché abbiamo così poco controllo sulle questioni affettive, perché non possiamo essere più obiettivi, più razionali? Cosa sta alla base del fenomeno dell’attrazione?

Donna con gli occhi chiusi che pensa all'amore

Che cos’è l’amore? Cosa ci dice la scienza?

In amore c’è una certa componente biologica, lo sappiamo . Tutti abbiamo sentito parlare di quella tempesta chimica composta da neurotrasmettitori come dopamina, serotonina, ossitocina… Ora, non possiamo ignorare altri tipi di influenze, in questo caso esterne. Parliamo della nostra cultura e del peso della società come meccanismo di influenza.

Tuttavia, tralasciando quanto detto, sappiamo che quando siamo innamorati si attivano regioni cerebrali legate alla ricompensa e alla motivazione come l’ippocampo, l’ipotalamo e la corteccia cingolata anteriore.

Inoltre, l’ossitocina e la vasopressina, prodotte sotto l’effetto dell’innamoramento, stimolano il rilascio di dopamina e generano piacevoli sensazioni legate alla persona che amiamo, alla sua presenza e ai suoi ricordi. Questo cocktail neurochimico, che ci fa sentire così a nostro agio quando iniziamo una relazione, è anche la causa del disagio emotivo che compare dopo la rottura.

Che cos’è l’amore, secondo la psicologia

Da un punto di vista puramente psicologico, l’amore è un’esperienza affettiva composta da un insieme di variabili ben precise: il bisogno di legame con qualcuno, i bisogni di intimità, la passione, la sessualità... Tutti questi principi si riflettono nella teoria triangolare di Stenberg.

Era il 1986 quando Robert Stenberg, professore alla Yale University, diede una prima definizione psicologica nel suo libro The Triangular Theory of Love, su quelle dinamiche che costruiscono una relazione. Su ciò che, in sostanza, cerca e definisce l’amore.

  • Intimità : questi sono i sentimenti che promuovono la vicinanza, la connessione e la costruzione di legami. È l’accettazione dell’altro e il sentimento di fiducia e di affetto che instauriamo con quella persona.
  • Passione: è desiderio, ma non si riferisce solo al desiderio fisico e sessuale con tutta la componente neurochimica che ne deriva. La passione si esprime anche attraverso l’ammirazione dell’altro, attraverso quel risvolto psicologico dove nasce l’affetto più profondo e il bisogno di stare vicino alla persona amata.
  • Impegno: è la decisione espressa e autentica di costruire un progetto con l’altra persona. È essergli fedele, e saper costruire un presente e un futuro dove le attività si svolgono in comune. È creare un “noi”, uno spazio tutto tuo dove consolidare la tua relazione.

Che cos’è l’amore?

Queste tre dimensioni possono formare diverse combinazioni che, secondo Sternberg, danno origine a sette stili di relazione affettiva:

  • Affetto: l’affetto è solitamente presente nelle relazioni amichevoli. Implica intimità senza passione e con una diversa forma di impegno.
  • Infatuazione: si riferisce a relazioni temporanee e insignificanti. In questi di solito c’è passione, ma non intimità o impegno.
  • Amore vuoto: può riguardare relazioni costruite dall’interesse e dall’egoismo. In questo tipo di relazione di solito c’è impegno senza passione o intimità.
  • Amore romantico: sono coppie in cui c’è una forte presenza di passione e intimità, ma in cui dopo un po’ non c’è impegno.

Altri tipi di amore

  • Amore socievole: di solito compare nelle relazioni molto lunghe perché c’è intimità e impegno, ma la passione sembra essersi estinta.
  • Di tipo fatuo: Nell’amore fatuo non c’è passione e impegno, ma non c’è intimità, cioè è possibile che siano due persone che si piacciono e vogliono stare insieme, ma che in realtà non hanno molte cose in comune da costruire affinità.
  • Amore consumato: è l’amore in cui si combinano i tre elementi: intimità, passione e impegno.
Baciare coppia che rappresenta l'amore

Helen Fisher e la neurobiologia dell’amore

Helen Fisher è una nota antropologa e biologa che studia il comportamento umano alla Rutgers University.

Le sue opere sono conosciute in tutto il mondo per averci offerto una visione alternativa e altrettanto interessante di cosa sia l’amore. Per lei è un potente sistema motivazionale, un impulso fondamentale che ci permette di soddisfare una serie di bisogni.

  • Il bisogno principale è sentirsi amati. Quella brama è più intensa della sessualità stessa. Così, Helen Fisher spiega che questo desiderio vitale dell’essere umano costituisce ciò che conosciamo come “amore di tipo romantico“.

Si tratta di tutta una serie di dinamiche emotive caratterizzate dalla motivazione, dal desiderio di legare, dal desiderio di condividere la vita, i progetti, di essere parte comune del progetto con qualcuno.

  • Il desiderio sessuale è un altro di quei motivatori. È la ricerca del piacere, dell’autocompiacimento…
  • Il terzo obiettivo dell’amore da questa prospettiva neurobiologica è l’attaccamento. Attaccamento come aspirazione ad ottenere calma e sicurezza accanto a qualcuno, attaccamento come evoluzione dell’amore romantico per raggiungere stabilità ed evolvere come coppia.

Amore, pregiudizio e implicazioni sociali

E se hai quarant’anni e sei ancora entusiasta dell’ideale del puro amore? Assolutamente niente. Sicuramente creano un delirio, ti prendono in giro o ti dicono che dovresti essere più realistico. Per un momento: questa è la tua realtà. È un completo errore negare ciò che sei o ciò che senti a causa dei giudizi degli altri.

Storicamente c’è stata la tendenza a catalogare come dovremmo relazionarci con il sesso opposto. Se diciamo “sesso opposto” è perché il collettivo LGTB, purtroppo, viene ancora omesso o trattato come un tabù quando si tratta di parlare di amore.

Che implicazioni ha questo? Che socialmente continuiamo a fare gli stessi errori. Continua a stabilire qual è il modo corretto di volere e di desiderare, e con questo tronchiamo l’amore in tutte le sue forme, forme ed espressioni. Neghiamo, ad esempio, fatti come che le persone con disabilità abbiano anche i loro bisogni emotivi e sessuali. Neghiamo (o non vogliamo vedere) che l’amore e la sessualità siano presenti anche negli anziani.

Che cos'è l'amore.

Il vero significato dell’amore

Succede a tutti noi. In nessun media la silhouette di due donne lesbiche, un ragazzo bianco e una ragazza nera, uno spazzino e un avvocato o un giovane scrittore e un uomo più anziano appaiono come “la coppia perfetta”.

Amare è il più grande atto di coraggio.

Di recente, sui media è apparso un uomo con sclerosi multipla che, sdraiato a letto, ha visto nascere il suo bambino. Ci emoziona tutti, tutti ci emozionano. Pochi di noi avrebbero la forza necessaria per combattere al suo fianco ogni giorno.

Viviamo nella cultura del minimo sforzo e delle apparenze. Siamo grandi egoisti.

L’amore è una grande dedica, ma senza perdere l’identità. L’amore è condividere, imparare, scoprire… Spesso a chi ha chiuso una relazione viene detto che ci sono molti pesci nel mare. Potremmo anche aggiungere qualcos’altro, ci sono molti mari con i pesci. L’amore non comprende lingue, colori, ideologie, età o sessi. Non essere quello che lo allontana a causa di pregiudizi, paure o miti nascosti nelle frasi di passione e amore.

Quindi, se non hai ancora trovato “il tuo principe azzurro” o “hai avuto un rospo”, pensi che “non c’è nessuno che ci capisca” o che “siamo troppo complicati” potresti aver adottato la prospettiva sbagliata. Apri la tua mente e vivi, l’amore può trovarti nel posto meno atteso.

Cosa NON è l’amore?

Come abbiamo già visto, definire l’amore è complesso. Questo ci ha portato a confonderlo con altri sentimenti ed espressioni che decisamente non corrispondono al vero amore. In questo modo, di seguito, ti mostriamo un elenco di manifestazioni che dovresti evitare in tutte le tue relazioni (sia di coppia, di amicizia, tra genitori e figli, ecc.):

Dipendenza emotiva

Si verifica quando uno dei membri della relazione ha un forte bisogno di essere in continuo contatto con l’altro. In questo modo, il tuo benessere e la tua felicità dipendono solo dalla presenza dell’altra persona. Inoltre, hanno costantemente paura che il legame finisca.

Gelosia

C’è una credenza popolare che se non è geloso di te, allora non ti ama. Questo è falso. La gelosia è il prodotto della propria insicurezza, del non sentirsi abbastanza per l’altra persona. Questo di solito genera tentativi di controllo dell’altro, che finiscono per influenzare la qualità del legame.

Possesso

È anche comune pensare che la persona che “amiamo” ci appartenga. In questo modo si generano comportamenti di controllo nei confronti dell’altro e si consente il controllo su se stessi. Questo non è sicuramente amore.

Che cos’è l’amore? Non è controllo

Questo è un altro modo di esercitare il controllo sull’altro. In questo caso, il ricatto emotivo viene utilizzato per ottenere una risposta attesa nell’altro. Ricorda che l’amore implica l’accettazione della propria libertà e di quella dell’altro.

Le immagini di squisita delicatezza e affetto sono per gentile concessione di Luiso García

Immagine principale del file

Potrebbe interessarti ...
7 grandi verità sull’amore
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
7 grandi verità sull’amore

Amare vuol dire voler bene incondizionatamente ad un’altra persona, accettare e lasciarsi amare ed esistono 7 grandi verità sull’amore.



  • Ramachandran, V. S., & Jalal, B. (2017). The evolutionary psychology of envy and jealousy. Frontiers in psychology8, 1619.
  • Sonne, J., Goyal, A., & Lopez-Ojeda, W. (2021). Dopamine. StatPearls. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK535451/

I contenuti di La mente è Meravigliosa hanno uno scopo puramente informativo ed educativo. Non sostituiscono la diagnosi, la consulenza o il trattamento professionale. In caso di dubbi, è consigliabile consultare uno specialista di fiducia.